22 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/04/2009
VATICANO
Papa: la Risurrezione, un fatto storico che cambia la realtà del mondo e di ognuno
All’udienza generale auguri a Benedetto XVI che domani compie 82 anni e che il 19 festeggia l’inizio del pontificato. La verità della Pasqua è “l’annuncio che generazioni di uomini e donne nel corso dei secoli hanno accolto e testimoniato, non di rado a prezzo del proprio sangue”.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Il “buon compleanno” rivolto a Benedetto XVI, in tutte le lingue delle 25mila persone presenti in piazza San Pietro per l’udienza generale (inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, croato e italiano) ha segnato l’odierno incontro del Papa con i fedeli, svoltosi alla vigilia del suo 82mo compleanno (è nato in Germania a Marktl am Inn, il 16 aprile del 1927, Sabato santo) ed anche dell’inizio (il 19) del suo pontificato. Cori anche accompagnati dalla musica di alcune bande presenti, ai quali Benedetto XVI ha risposto sorridendo.
 
Ai presenti, il Papa ha parlato della “novità sconvolgente” della Pasqua, del “gaudio spirituale che nessuna sofferenza e pena possono cancellare”, perché fondato sulla “certezza che Cristo con la sua risurrezione ha definitivamente trionfato sulla morte e sul male”. Essi generano un “clima festoso che dura 50 giorni, fino alla Pentecoste, anzi il mistero della Pasqua abbraccia tutta la nostra esistenza”, è “così importante che la Chiesa non cessa di proclamarla, ogni domenica, Pasqua settimanale del popolo di Dio”.
 
La risurrezione, ha sottolineato Benedetto XI, è “un evento reale, storico, attestato da molti autorevoli testimoni, e lo ribadiamo con forza perché anche in questi nostri tempi non manca chi cerca di negarne la storicità, riducendo il racconto evangelico a un mito e diffondendo vecchie e consumate teorie, come nuove e scientifiche”.
 
La verità della risurrezione non è, comunque “un semplice ritorno alla vita precedente, come è stato per esempio per Lazzaro, ma il passaggio a una dimensione di vita profondamente nuova, che coinvolge in una nuova dimensione tutta la famiglia umana”, “illumina l’intero nostro pellegrinaggio terreno, compreso l’enigma umano del dolore e della morte”. E’ “il nucleo centrale del nostro credo”. Essa “coinvolge la storia universale”, “ha dato una nuova dimensione a questo mondo, ha cambiato l’esistenza dei testimoni oculari”, è “l’annuncio che generazioni di uomini e donne nel corso dei secoli hanno accolto e testimoniato, non di rado a prezzo del proprio sangue”.
 
La Risurrezione, infine, “è un avvenimento che porta in sé un logos, una logica: testimonia che la Parola di Dio si è fatta fino in fondo carne”. “Lasciamoci illuminare - ha concluso - dallo splendore del Signore risorto. E come san Paolo che incontrò il Divino maestro in un modo straordinario sulla via di Damasco, non possiamo tenere solo per noi questa verità che cambia la vita di tutti: dobbiamo essere testimoni dell'amore divino”.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/04/2012 VATICANO
Papa: lasciamoci trasformare da Gesù risorto
11/04/2007 VATICANO
Papa: Portando Gesù nel cuore, diffondere la grande notizia della Sua risurrezione
15/04/2006 vaticano
Papa: la risurrezione, "esplosione dell'amore" che riguarda ognuno di noi
16/04/2006 vaticano
Papa: il mondo accolga la pace del Risorto
09/04/2012 VATICANO
Papa: Nella mente e nel cuore la Risurrezione di Gesù, mistero decisivo della nostra fede

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate