22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/06/2017, 13.18

    VATICANO

    Papa: la corruzione è “una forma di bestemmia” che “dà linfa alla cultura di morte”



    Francesco ha scritto la prefazione di un libro-intervista del card. Tukson intitolato “Corrosione”. Oggi che anche solo “immaginare il futuro” è un’impresa difficilissima, la corruzione arriva a minare la “speranza” che un miglioramento sia possibile.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La corruzione è una “forma di bestemmia, “è l’arma, il linguaggio più comune anche delle mafie”, un “processo di morte che dà linfa alla cultura di morte” di chi ordisce il crimine. E oggi che anche solo “immaginare il futuro” è un’impresa difficilissima, la corruzione arriva a minare la “speranza” che un miglioramento sia possibile. Lo scrive papa Francesco che parla della corruzione nella prefazione al libro-intervista del cardinale Peter Turkson, curato da Vittorio V. Alberti, dal titolo “Corrosione”.

    E sulla corruzione si concentra, in Vaticano, il dibattito internazionale organizzato dal Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, in collaborazione con la Pontificia accademia delle scienze sociali.

    La corruzione, contro la quale Francesco si è già espresso più volte, è definita ora il “linguaggio più comune” delle mafie, un “processo di morte” che “spezza” la coesistenza fra le persone, favorisce il crimine e in definitiva distrugge chi ne è fautore.

    La parola “corrotto” ricorda un “cuore rotto”, “un cuore infranto, macchiato da qualcosa”, “rovinato” come un corpo decomposto.

    Il punto di partenza per Francesco sono le “tre relazioni” che caratterizzano la vita umana: quella con Dio, quella col prossimo, quella con l’ambiente. Quando l’uomo è “onesto”, le vive responsabilmente “per il bene comune”. Al contrario, l’uomo che si lascia corrompere “subisce una caduta” e la “condotta anti-sociale” che la corruzione induce finisce per “sciogliere la validità dei rapporti”. Si spezzano i “pilastri” della coesistenza fra le persone, l’“interesse particolare” è come un veleno che “contamina ogni prospettiva generale”.

    In contrasto, Francesco conclude ricordando la “bellezza assoluta” dei luoghi del Vaticano dai quali sta scrivendo. E definisce la bellezza non un “accessorio cosmetico”, ma qualcosa che “pone al centro la persona umana”. “Questa bellezza  deve sposarsi con la giustizia” e dunque la corruzione va capita e denunciata perché la misericordia si affermi sulla “grettezza”, “la curiosità e creatività sulla stanchezza rassegnata”. Il corrotto “si dimentica di chiedere perdono” perché è stanco e sazio, indifferente e pieno di sé. La Chiesa e i cristiani, ma anche i non cristiani, conclude, possono essere, uniti, “fiocchi di neve” che producono la “valanga di un “nuovo umanesimo”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/11/2017 11:17:00 VATICANO
    Papa: di fronte alla furbizia dei corrotti 'un cristiano non può permettersi di essere ingenuo'

    “Le cordate della corruzione sono potenti; persino arrivano anche ad atteggiamenti mafiosi”. Ma esiste una “scaltrezza cristiana”, fatta di “sana sfiducia”, riflessione e preghiera per avere “la grazia di essere furbi”.



    21/09/2017 13:19:00 VATICANO
    Papa: le mafie figlie di corruzione, disuguaglianze, povertà e politica deviata

    Fenomeni che si combattono a livello politico ed economico, rafforzato da una “finanza ormai sovrana sulle regole democratiche”. E con la costruzione di una “nuova coscienza civile”, “per un modo nuovo di essere cittadini, che comprenda la cura e la responsabilità per gli altri e per il bene comune”.

     



    07/12/2016 10:54:00 VATICANO
    Papa: “io spero perché Dio è accanto a me”, cammina accanto a me

    Francesco ha iniziato un ciclo di catechesi dedicato alla speranza cristiana, “che non delude mai”. Appelli per le Giornate contro la corruzione e per i diritti umani: “due realtà strettamente collegate: la corruzione è l’aspetto negativo da combattere”; “i diritti umani sono l’aspetto positivo, da promuovere”.

     



    27/11/2014 VATICANO
    Papa: anche se nel mondo c'è corruzione o "distrazione" verso il Signore, il cristiano deve conservare la speranza
    "Questa parola 'corruzione' oggi ci dice tanto a noi: non solo corruzione economica, ma corruzione con tanti peccati diversi; corruzione con quello spirito pagano, con quello spirito mondano. La più brutta corruzione è lo spirito di mondanità!" "Quando pensiamo alla fine, con tutti i nostri peccati, con tutta la nostra storia, pensiamo al banchetto che gratuitamente ci sarà dato e alziamo il capo. Niente depressione: speranza!".

    27/11/2015 VATICANO - KENYA
    Papa in Kenya: l’estremismo nasce dalla mancanza di istruzione e di lavoro
    La visita a una bidonville e l’incontro con i giovani nell’ultimo giorno di Francesco, partito per l’Uganda. La corruzione è “in tutte le istituzioni, incluso in Vaticano”. Gli emarginati “hanno un posto speciale nella mia vita e nelle mie scelte”. Essi sono “conseguenza di nuove forme di colonialismo



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®