12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/10/2017, 11.13

    VATICANO

    Papa: la dottrina non si conserva in naftalina, è una realtà viva che progredisce



    Intervenendo all’incontro per i 25 anni del Catechismo, Francesco ha detto che “Non è sufficiente trovare un linguaggio nuovo per dire la fede di sempre; è necessario e urgente che, dinanzi alle nuove sfide e prospettive che si aprono per l’umanità, la Chiesa possa esprimere le novità del Vangelo di Cristo che, pur racchiuse nella Parola di Dio, non sono ancora venute alla luce”. La pena di morte è “inammissibile”.

     

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “La Tradizione è una realtà viva e solo una visione parziale può pensare al ‘deposito della fede’ come qualcosa di statico”, mentre invece  “è una realtà dinamica, sempre viva, che progredisce e cresce perché è tesa verso un compimento che gli uomini non possono fermare”. L’incontro promosso in occasione del 25mo anniversario della Costituzione apostolica Fidei Depositum, che accompagnava l’uscita del Catechismo della Chiesa Cattolica, ha dato occasione a papa Francesco per ribadire la sua visione sul rapporto tra tradizione e attualità nella Chiesa.

    Intervenendo, ieri sera, all’incontro promosso dal Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, Francesco ha anche espresso in maniera quanto mai esplicita il suo “no” alla pena di morte, sia in quanto una vita umana “è sempre sacra agli occhi del Creatore e di cui Dio solo in ultima analisi è vero giudice e garante”, sia perché essa “lede pesantemente la dignità umana”.

    L’intervento di Francesco è partito da quanto papa Giovanni XXIII ebbe a dire nel discorso di apertura del Concilio, l’11 ottobre 1962: “E’ necessario che la Chiesa non si discosti dal sacro patrimonio delle verità ricevute dai padri; ma al tempo stesso deve guardare anche al presente, alle nuove condizioni e forme di vita che hanno aperto nuove strade all’apostolato cattolico”.

    Custodire” e “proseguire”, ha proseguito Francesco - è quanto compete alla Chiesa per sua stessa natura, perché la verità impressa nell’annuncio del Vangelo da parte di Gesù possa raggiungere la sua pienezza fino alla fine dei secoli. E’ questa la grazia che è stata concessa al Popolo di Dio, ma è ugualmente un compito e una missione di cui portiamo la responsabilità, per annunciare in modo nuovo e più completo il Vangelo di sempre ai nostri contemporanei”.

    “Nel presentare il Catechismo della Chiesa Cattolica – ha aggiunto - san Giovanni Paolo II sosteneva che «esso deve tener conto delle esplicitazioni della dottrina che nel corso dei tempi lo Spirito Santo ha suggerito alla Chiesa. E’ necessario inoltre che aiuti a illuminare con la luce della fede le situazioni nuove e i problemi che nel passato non erano ancora emersi» (Cost. ap. Fidei depositum, 3). Questo Catechismo, perciò, costituisce uno strumento importante non solo perché presenta ai credenti l’insegnamento di sempre in modo da crescere nella comprensione della fede, ma anche e soprattutto perché intende avvicinare i nostri contemporanei, con le loro nuove e diverse problematiche, alla Chiesa, impegnata a presentare la fede come la risposta significativa per l’esistenza umana in questo particolare momento storico. Non è sufficiente, quindi, trovare un linguaggio nuovo per dire la fede di sempre; è necessario e urgente che, dinanzi alle nuove sfide e prospettive che si aprono per l’umanità, la Chiesa possa esprimere le novità del Vangelo di Cristo che, pur racchiuse nella Parola di Dio, non sono ancora venute alla luce. E’ quel tesoro di ‘cose antiche e nuove’ di cui parlava Gesù, quando invitava i suoi discepoli a insegnare il nuovo da lui portato senza tralasciare l’antico (cfr Mt 13,52)”.

    “Il nostro Catechismo – ha detto ancora Francesco - si pone alla luce dell’amore come un’esperienza di conoscenza, di fiducia e di abbandono al mistero. Il Catechismo della Chiesa Cattolica, nel delineare i punti strutturali della propria composizione, riprende un testo del Catechismo Romano; lo fa suo, proponendolo come chiave di lettura e di applicazione: ‘Tutta la sostanza della dottrina e dell’insegnamento dev’essere orientata alla carità che non avrà mai fine’. (Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 25)”.

    La pena di morte è contraria al Vangelo

    “In questo orizzonte di pensiero mi piace fare riferimento a un tema che dovrebbe trovare nel Catechismo della Chiesa Cattolica uno spazio più adeguato e coerente con queste finalità espresse. Penso, infatti, alla pena di morte”. Il “progresso nella dottrina ad opera degli ultimi Pontefici” e “la mutata consapevolezza del popolo cristiano, che rifiuta un atteggiamento consenziente nei confronti di una pena che lede pesantemente la dignità umana” portano Francesco ad “affermare con forza che la condanna alla pena di morte è una misura disumana che umilia, in qualsiasi modo venga perseguita, la dignità personale. E’ in sé stessa contraria al Vangelo perché viene deciso volontariamente di sopprimere una vita umana che è sempre sacra agli occhi del Creatore e di cui Dio solo in ultima analisi è vero giudice e garante”. E infine “perché Dio è un Padre che sempre attende il ritorno del figlio il quale, sapendo di avere sbagliato, chiede perdono e inizia una nuova vita. A nessuno, quindi, può essere tolta non solo la vita, ma la stessa possibilità di un riscatto morale ed esistenziale che torni a favore della comunità”. A proposito della pena di morte, Francesco ha ricordato che in passato essa è stata applicata anche nello Stato pontificio. “Assumiamo le responsabilità del passato, e riconosciamo che quei mezzi erano dettati da una mentalità più legalistica che cristiana. La preoccupazione di conservare integri i poteri e le ricchezze materiali aveva portato a sovrastimare il valore della legge, impedendo di andare in profondità nella comprensione del Vangelo. Tuttavia, rimanere oggi neutrali dinanzi alle nuove esigenze per la riaffermazione della dignità personale, ci renderebbe più colpevoli”.

    Il mutato atteggiamento verso la pena di morte esemplifica come “lo sviluppo armonico della dottrina richiede di tralasciare prese di posizione in difesa di argomenti che appaiono ormai decisamente contrari alla nuova comprensione della verità cristiana”. “La Tradizione è una realtà viva e solo una visione parziale può pensare al ‘deposito della fede’ come qualcosa di statico. La Parola di Dio non può essere conservata in naftalina come se si trattasse di una vecchia coperta da proteggere contro i parassiti! No. La Parola di Dio è una realtà dinamica, sempre viva, che progredisce e cresce perché è tesa verso un compimento che gli uomini non possono fermare”. “Non si può conservare la dottrina senza farla progredire né la si può legare a una lettura rigida e immutabile, senza umiliare l’azione dello Spirito Santo. «Dio, che molte volte e in diversi modi nei tempi antichi aveva parlato ai padri» (Eb 1,1), «non cessa di parlare con la Sposa del suo Figlio» (Dei Verbum, 8). Questa voce siamo chiamati a fare nostra con un atteggiamento di «religioso ascolto» (ibid., 1), per permettere alla nostra esistenza ecclesiale di progredire con lo stesso entusiasmo degli inizi, verso i nuovi orizzonti che il Signore intende farci raggiungere”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/03/2015 VATICANO
    Papa: la pena di morte "è inammissibile", offende la dignità della vita e "contraddice il disegno di Dio"
    Lettera di Francesco al presidente della Commissione internazionale contro la pena di morte. Per uno Stato di diritto essa "rappresenta una sconfitta, perché lo obbliga a uccidere in nome della giustizia" e "perde ogni legittimità" di fronte alla possibilità di errori giudiziari. Sì a una "una moratoria universale" delle esecuzioni, "in vista dell'abolizione della pena capitale". L'ergastolo "può essere considerato una pena di morte nascosta".

    11/05/2017 11:46:00 VATICANO
    Papa: il Popolo di Dio, e anche ognuno di noi, è in cammino “verso la pienezza dei tempi”

    Questo cammino è “per capire, per approfondire la persona di Gesù, per approfondire la fede” e anche per “capire la morale, i Comandamenti”. E una cosa che “un tempo sembrava normale, che non era peccato, oggi è peccato mortale”, come la schiavitù o è “inammissibile”, come la pena di morte o le guerre di religione.



    21/06/2016 18:14:00 VATICANO
    Papa: la pena di morte è inaccettabile e contraddice al progetto di Dio

    Videomessaggio di Francesco al VI Congresso mondiale contro la pena di morte, che si apre oggi a Oslo. “Il comandamento ‘Non uccidere’ ha un valore assoluto e si applica sia all'innocente che al colpevole”. Migliorare anche le condizioni di vita dei carcerati.



    23/10/2014 VATICANO
    Papa: lottare per l'abolizione della pena di morte e anche dell'ergastolo, "pena di morte nascosta"
    Ricevendo una delegazione dell'Associazione internazionale di diritto penale, Francesco ha espresso il suo no anche alla carcerazione preventiva, "quando in forma abusiva procura un anticipo della pena". La schiavitù non solo "è un reato di lesa umanità", ma un delitto che non può essere compiuto "senza la complicità, con azione od omissione, degli Stati". "La corruzione è un male più grande del peccato".

    29/11/2010 VATICANO-FILIPPINE
    Papa: fa bene la Chiesa filippina a dire no ad aborto e pena di morte
    Ricevendo i vescovi della Chiesa più numerosa del continente asiatico, Benedetto XVI evidenzia l’impegno dei cattolici in campo sociale, dove debbono essere liberi di far sentire la loro voce. Pur “distinta” dal potere politico, la Chiesa deve far sentire la sua voce quando “lo richiedano i diritti fondamentale della persona o la salvezza delle anime”.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®