13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/10/2017, 13.34

    VATICANO

    Papa: la formazione del prete dipende in primo luogo dall’azione di Dio



    “Non si risolve in qualche aggiornamento culturale o qualche sporadica iniziativa locale”, ma è innanzi tutto “mettersi alla presenza del Signore”, lasciarsi plasmare da Dio che, come un vasaio, mette la sua creatura sul tornio, la plasma.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La formazione del sacerdote “non si risolve in qualche aggiornamento culturale o qualche sporadica iniziativa locale”, ma è innanzi tutto “mettersi alla presenza del Signore”, lasciarsi plasmare da Dio che, come un vasaio, mette la sua creatura sul tornio, la plasma. Della formazione del sacerdote ha parlato oggi papa Francesco che ha ricevuto i partecipanti al convegno internazionale sulla Ratio Fundamentalis Institutionis Sacerdotalis, promosso dalla Congregazione per il clero.

    La formazione sacerdotale, ha affermato il Papa, “dipende in primo luogo dall’azione di Dio nella nostra vita e non dalle nostre attività. È un’opera che richiede il coraggio di lasciarsi plasmare dal Signore, perché trasformi il nostro cuore e la nostra vita. Questo fa pensare all’immagine biblica dell’argilla nelle mani del vasaio (cfr Ger 18,1-10)”. E Dio “come un vasaio paziente, si prende cura della sua creatura, mette sul tornio l’argilla, la modella, la plasma e, così, le dà una forma. Se si accorge che il vaso non è venuto bene, allora il Dio della misericordia getta nuovamente l’argilla nella massa e, con tenerezza di Padre, riprende nuovamente a plasmarla”.

    Per essere plasmati, però, non si deve però cedere a rigidi schemi e “alla presunzione di essere già arrivati”. “Se uno non si lascia ogni giorno formare dal Signore, diventa un prete spento, che si trascina nel ministero per inerzia, senza entusiasmo per il Vangelo né passione per il Popolo di Dio”.

    Al tempo stesso, “ciascuno di noi preti è chiamato a collaborare con il Vasaio divino! Non siamo solo argilla, ma anche aiutanti del Vasaio, collaboratori della sua grazia. Nella formazione sacerdotale, quella iniziale e quella permanente, - tutte e due sono importanti! – possiamo riconoscere almeno tre protagonisti, che si trovano anch’essi nella ‘bottega del vasaio’”.

    Il primo è lo stesso sacerdote. “Per essere protagonista della propria formazione, il seminarista o il prete dovrà dire dei ‘sì’ e dei ‘no’: più che il rumore delle ambizioni umane, preferirà il silenzio e la preghiera; più che la fiducia nelle proprie opere, saprà abbandonarsi nelle mani del vasaio e alla sua provvidente creatività; più che da schemi precostituiti, si lascerà guidare da una salutare inquietudine del cuore, così da orientare la propria incompiutezza verso la gioia dell’incontro con Dio e con i fratelli. Più che l’isolamento, cercherà l’amicizia con i fratelli nel sacerdozio e con la propria gente, sapendo che la sua vocazione nasce da un incontro d’amore: quello con Gesù e quello con il Popolo di Dio”.

    Imprescindibili sono in secondo luogo i formatori e i vescovi: “coloro che, nella Chiesa, sono chiamati a essere primi formatori della vita sacerdotale”.

    Il terzo protagonista è il Popolo di Dio. . “Quando usciamo verso il Popolo di Dio, ci lasciamo plasmare dalle sue attese, toccando le sue ferite, ci accorgiamo che il Signore trasforma la nostra vita. Se al Pastore è affidata una porzione di popolo, è anche vero che al popolo è affidato il sacerdote”.

    Ogni sacerdote, ha concluso il Papa è chiamato a chiedersi: “Che prete desidero essere? Un “prete da salotto”, uno tranquillo e sistemato, oppure un discepolo missionario a cui arde il cuore per il Maestro e per il Popolo di Dio? Uno che si adagia nel proprio benessere o un discepolo in cammino? Un tiepido che preferisce il quieto vivere o un profeta che risveglia nel cuore dell’uomo il desiderio di Dio?”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/10/2014 VATICANO
    Papa: "ogni vocazione è per la missione e la missione dei ministri ordinati è l'evangelizzazione"
    Per i sacerdoti "si tratta di 'essere' preti, non limitandosi a 'fare' i preti, liberi da ogni mondanità spirituale, consci che è la loro vita ad evangelizzare prima ancora delle loro opere". "Una vocazione curata mediante una permanente formazione, nella comunione, diviene un potente strumento di evangelizzazione, al servizio del popolo di Dio".

    16/09/2016 13:21:00 VATICANO
    Papa: i vescovi si sforzino di rendere “pastorale” la Misericordia

    Francesco ha ricevuto i partecipanti all’annuale corso di formazione promosso congiuntamente dalla Congregazione per i Vescovi e dalla Congregazione per le Chiese Orientali. La misericordia “riassunto di quanto Dio offre al mondo”.

     



    20/11/2015 VATICANO
    Papa: i sacerdoti, presi “tra gli uomini”, per servirli e stare in mezzo a loro con “sguardo amorevole”
    La famiglia fondamentale “centro di pastorale vocazionale”. “Non sono filantropi o funzionari, ma padri e fratelli. Vicinanza, viscere di misericordia, sguardo amorevole: con questa testimonianza di vita possiamo evangelizzare”. L’importanza dell’attenzione al discernimento vocazionale: “quando mi accorgo che un giovane è troppo rigido, è troppo fondamentalista, io non ho fiducia”.

    13/06/2015 VATICANO
    Papa: gli scout cattolici, “parte preziosa” della Chiesa che offre “un contributo importante” nell’educazione dei giovani
    Almeno 100mila scout all’incontro con Francesco. Il “metodo scout, basato sui grandi valori umani, sul contatto con la natura, sulla religiosità e la fede in Dio; un metodo che educa alla libertà nella responsabilità”. “Questo mi raccomando, capacità di dialogo, fare ponti, non fate muri, fate ponti. Ma questo può avvenire solo a una condizione: che i singoli gruppi non perdano il contatto con la parrocchia del luogo, dove hanno la loro sede, ma che in molti casi non frequentano”.

    07/02/2015 VATICANO
    Papa: testimoniando il Vangelo, i laici cristiani debbono mostrare che "Dio non ha abbandonato le città"
    Nel contesto urbano, spesso luogo di disumanizzazione e di infelicità, "c'è spesso un terreno di apostolato molto più fertile di quello che tanti immaginano". Andare incontro agli altri, nelle attività quotidiane, nel lavoro, come singoli o come famiglie, per "infrangere il muro di anonimato e di indifferenza che spesso regna sovrano nelle città".



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®