27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/01/2016, 00.00

    VATICANO

    Papa: la più grande eredità che voi potrete dare ai vostri figli è la fede



    Francesco ha battezzato 26 neonati. “Voi avete chiesto la fede. La Chiesa quando vi consegnerà la candela accesa, vi dirà di custodire la fede in questi bambini. E alla fine non dimenticatevi che la più grande eredità che voi potrete dare ai vostri bambini è la fede; cercare che non venga persa, farla crescere e lasciarla come eredità”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La più grande eredità che i genitori possono dare ai loro figli è la fede. Pianti di bambini nella Cappello sistina nel giorno nel quale papa Francesco ha amministrato il battesimo a 26 neonati, 13 bambini e 13 bambine, sottolineando, in una breve omelia interamente a braccio la centralità del dono della fede.

    “Quaranta giorni dopo la nascita – ha detto - Gesù è portato al Tempio. Maria e Giuseppe lo portarono per presentarlo a Dio. Oggi, nella festa del Battesimo del Signore, voi genitori portate i vostri figli per ricevere il Battesimo, per ricevere quello che avete chiesto all’inizio, quando io vi ho fatto la prima domanda: la fede. ‘Io voglio per mio figlio la fede’. E così la fede viene trasmessa da una generazione all’altra, come una catena lungo i tempi”.

    “Questi bambini, queste bambine, passati gli anni, occuperanno il vostro posto con un altro figlio - i vostri nipotini - e chiederanno lo stesso: la fede; la fede che ci dà il Battesimo; la fede che porta lo Spirito Santo oggi nel cuore, nell’anima, nella vita di questi figli, vostri. Voi avete chiesto la fede. La Chiesa quando vi consegnerà la candela accesa, vi dirà di custodire la fede in questi bambini. E alla fine non dimenticatevi che la più grande eredità che voi potrete dare ai vostri bambini è la fede; cercare che non venga persa, farla crescere e lasciarla come eredità”.

    “Vi auguro quest’oggi che è un giorno gioioso per voi: vi auguro che siate capaci di far crescere questi bambini nella fede e che la più grande eredità che loro riceveranno da voi sia proprio la fede. E’ un avviso soltanto, quando un bambino piange perché ha fame, alle mamme dico: ‘Se il tuo bambino ha fame, dagli da mangiare qui con tutta libertà’. Fratelli e sorelle eleviamo al Padre, origine e fonte della vita, la nostra supplica per questi bambini, chiamati all’adozione filiale in Cristo Gesù, per i loro genitori, i padrini e le madrine e per tutti i battezzati”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/02/2016 10:46:00 VATICANO
    Papa: la migliore eredità che possiamo lasciare è la fede in questo Dio che “non delude mai”

    Pensare “all’ultimo passo” è “una luce che illumina la vita”, “è una realtà che dobbiamo avere sempre davanti a noi”. Chiediamo a Dio di non avere paura della morte.



    09/01/2011 VATICANO
    Papa: il battesimo e la fede, il dono più prezioso della vita
    Nella Cappella Sistina, Benedetto XVI amministra il battesimo a 21 neonati - 13 bambini e 8 bambine – figli di dipendenti vaticani. Il battesimo donato ai piccoli, ha bisogno poi di un’adesione libera e consapevole e per questo è importante educare alla fede i bambini. Le parrocchie devono aiutare le famiglie in questo compito di trasmissione della fede, nell’attuale contesto sociale in cui “l’istituto familiare è minacciato da più parti”. All'Angelus un saluto alla popolazione di Haiti, a un anno dal terremoto, e uno alla comunità copta.

    18/08/2013 VATICANO
    Papa: Gesù è la nostra pace, ma senza neutralità o compromessi a tutti i costi
    All'Angelus, Francesco sottolinea che la "divisione" che Gesù porta significa che la fede non è "la panna" che "decora la torta", ma implica "rinunciare al male, all'egoismo e scegliere il bene, la verità, la giustizia, anche quando ciò richiede sacrificio e rinuncia ai propri interessi". E questo divide "anche fra i legami più stretti". Fede e violenza sono incompatibili. In questo Anno della Fede, tenere fisso lo sguardo su Gesù. Preghiera per le vittime del traghetto affondato nelle Filippine e per la pace in Egitto.

    20/01/2016 11:06:00 VATICANO
    Papa: tutti i cristiani hanno la comune missione di trasmettere la misericordia ricevuta agli altri

    All’udienza generale Francesco parla della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. Il comune battesimo di cattolici, ortodossi e protestanti è segno eloquente di una origine di fede riconosciuta da tutti e tutti “siamo invitati a riscoprire tutto questo, e a farlo insieme, andando al di là delle nostre divisioni”.



    20/04/2014 VATICANO
    Papa: la Risurrezione, invito a riscoprire il Battesimo e divenire testimoni di Gesù
    Nella Veglia pasquale Francesco dice che il "tornare in Galilea, il luogo della prima chiamata," che Gesù rivolge agli apostoli, significa attingere energia nuova alla radice della nostra fede". "Non è un ritorno indietro, non è una nostalgia. E' ritornare al primo amore, per ricevere il fuoco che Gesù ha acceso nel mondo, e portarlo a tutti, sino ai confini della terra".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®