21 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/02/2017, 11.02

    VATICANO

    Papa: la “santa vergogna” ci difenda dalle tentazioni dell’ambizione, della mondanità



    “Alcune volte lo diciamo con vergogna noi preti, noi presbiteri: ‘Io vorrei quella parrocchia …’ – ‘Ma il Signore è qui …’ – ‘Ma io vorrei quella …’. Lo stesso. Non la strada del Signore, ma quella strada della vanità, della mondanità. Anche fra noi vescovi succede lo stesso: la mondanità viene come tentazione”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Il Signore ci dia la grazia della “santa vergogna” di fronte alla tentazione dell’ambizione che coinvolge tutti, anche nella comunità  ecclesiale, compresi sacerdoti e vescovi, tentati dalla mondanità. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dall'invito di Gesù a mettersi al servizio di tutti. “Tutti saremo tentati”.

    Il Vangelo di oggi narra di Gesù che annuncia ai discepoli la sua morte, ma loro non capiscono e hanno timore di interrogarlo. Questa è “la tentazione di non compiere la missione”. Anche Gesù fu tentato: prima nel deserto per tre volte dal diavolo e poi da Pietro sempre davanti all’annuncio della sua morte.

    Ma c’è un’altra tentazione di cui parla il Vangelo: i discepoli per strada discutono, infatti, su chi di loro fosse il più grande e tacciono quando Gesù gli chiede di cosa stessero discutendo. Tacciono perché si vergognano di quella discussione. “Ma era gente buona, che voleva seguire il Signore, servire il Signore. Ma non sapevano che la strada del servizio al Signore non era così facile, non era come un arruolarsi in un’entità, un’associazione di beneficenza, di fare il bene: no, è un’altra cosa. Avevano timore di questo. E poi la tentazione della mondanità: dal momento che la Chiesa è Chiesa fino a oggi, questo è successo, succede e succederà. Ma pensiamo nelle parrocchie alle lotte: ‘Io voglio essere presidente di questa associazione, arrampicarmi un po’’, ‘Chi è il più grande, qui? Chi è il più grande in questa parrocchia? No, io sono più importante di quello e quello lì no perché quello ha fatto qualcosa …’, e lì, la catena dei peccati”.

    La tentazione quindi porta a “sparlare dell’altro” e ad “arrampicarsi”. “Alcune volte lo diciamo con vergogna noi preti, noi presbiteri: ‘Io vorrei quella parrocchia …’ – ‘Ma il Signore è qui …’ – ‘Ma io vorrei quella …’. Lo stesso. Non la strada del Signore, ma quella strada della vanità, della mondanità. Anche fra noi vescovi succede lo stesso: la mondanità viene come tentazione. Tante volte, ‘Io sono in questa diocesi ma guardo quella che è più importante e mi muovo per fare … sì, muovo quest’influenza, quest’altra, quell’altra, quest’influenza, faccio pressione, spingo su questo punto per arrivare là …’ – ‘Ma il Signore è là!’”.

    Il desiderio di essere più importanti ci spinge verso la strada della mondanità. Bisogna allora chiedere sempre al Signore “la grazia di vergognarci, quando ci troviamo in queste situazioni”. Gesù capovolge infatti quella logica. E, sedutosi fra loro, gli ricorda che “se uno vuol essere il primo, sia l’ultimo e il servitore di tutti”. E prende un bimbo e lo mette in mezzo a loro.

    Preghiamo allora, è stato l’invito del Papa, per la Chiesa, “per tutti noi” perché il Signore ci difenda “dalle ambizioni, dalle mondanità di quel sentirsi più grandi degli altri”. “Che il Signore ci dia la grazia della vergogna, quella santa vergogna, quando ci troviamo in quella situazione, sotto quella tentazione, vergognarsi: ‘Ma io sono capace di pensare così? Quando vedo il mio Signore in croce, e io voglio usare il Signore per arrampicarmi?’. E ci dia la grazia della semplicità di un bambino: capire che soltanto la strada del servizio … E forse, io immagino un’ultima domanda: ‘Signore, ti ho servito tutta la vita. Sono stato l’ultimo tutta la vita. E adesso, che?’, cosa ci dice il Signore? ‘Di’ di te stesso: ‘Servo inutile sono’”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/11/2015 VATICANO - KENYA
    Papa in Kenya: “catastrofico” se la conferenza sul clima non arriva a un accordo globale e “trasformatore”
    Francesco ha parlato nell’Ufficio dell’Onu a Nairobi. Serve un accordo “basato sui principi di solidarietà, giustizia, equità e partecipazione” per la riduzione dell’impatto dei cambiamenti climatici, la lotta contro la povertà e il rispetto della dignità umana. A sacerdoti e religiosi ha chiesto di seguire Gesù per servire, non per ambizione o interesse.

    06/11/2015 VATICANO
    Papa: anche nella Chiesa ci sono “gli arrampicatori, gli attaccati ai soldi. E quanti sacerdoti, vescovi abbiamo visto così”
    “Quando la Chiesa è tiepida, chiusa in se stessa, anche affarista tante volte, non si può dire, che sia... al servizio, bensì che si serve degli altri”. In una intervista Francesco afferma che “La Chiesa deve parlare con la verità e anche con la testimonianza: la testimonianza della povertà. Se un credente parla della povertà o dei senzatetto e conduce una vita da faraone: questo non si può fare”. “I beni immobili della Chiesa sono molti, ma li usiamo per mantenere le strutture della Chiesa e per mantenere tante opere che si fanno nei paesi bisognosi: ospedali, scuole”.

    22/02/2016 11:06:00 VATICANO
    Papa: la “comunità di servizio” della Curia romana sia “pastorale” e “un modello per tutti”

    “Lasciamo che il Signore ci liberi da ogni tentazione che allontana dall’essenziale della nostra missione, e riscopriamo la bellezza di professare la fede nel Signore Gesù”. Anche nei nostri ambienti “nessuno si senta trascurato o maltrattato, ma ognuno possa sperimentare, prima di tutto qui, la cura premurosa del Buon Pastore”.



    10/10/2014 VATICANO
    Papa: l'esame di coscienza per difenderci dal diavolo che "è paziente" e "furbissimo"
    "Per vigilare, perché non entrino i demoni, bisogna saper raccogliersi, cioè stare in silenzio davanti a se stessi e davanti a Dio, e alla fine della giornata domandarsi: 'Cosa è accaduto oggi nel mio cuore? E' entrato qualcuno che non conosco? La chiave è a posto?'. E questo ci aiuterà a difenderci da tante cattiverie, anche da quelle che noi possiamo fare, se entrano questi demoni, che sono furbissimi, e alla fine ci truffano tutti".

    18/02/2014 VATICANO
    Papa: "La tentazione cresce, contagia e si giustifica", ce ne libera solo la Parola di Gesù
    "Gesù è grande perché non solo ci fa uscire dalla tentazione, ma ci da più fiducia". Questa fiducia è "una forza grande, quando siamo in tentazione: il Signore ci aspetta", "si fida di noi così tentati, peccatori", "apre sempre orizzonti". Viceversa, il diavolo con "la tentazione, chiude, chiude, chiude".



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®