28/05/2018, 11.31
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: la vera gioia ‘non è vivere di risata in risata’, ma è la pace del cuore, data da Dio

Oggi ci si accontenta di una “cultura non gioiosa”, “una cultura dove si inventano tante cose per divertirci”, tanti “pezzettini di dolce vita”, ma che non soddisfano pienamente. La gioia, infatti, “non è una cosa che si compra nel mercato”, “è un dono dello Spirito” e vibra anche “nel momento del turbamento, nel momento della prova”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Il cristiano è gioiosa, e la sua gioia “non è vivere di risata in risata”, né “essere divertente”, ma è la pace del cuore, quella “che soltanto Dio ci può dare”. L’ha detto papa Francesco nella messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto da un brano della prima lettera di Pietro e dal passo del Vangelo di Marco (10,17-27) nel quale si racconta del giovane ricco che non riesce a rinunciare alla propria ricchezza.

Il vero cristiano, ha evidenziato Francesco, non può essere “oscuro” o “rattristato”. “Essere uomo e donna di gioia”, ha ribadito, significa “essere uomo e donna di pace, significa essere uomo e donna di consolazione”. “La gioia cristiana è il respiro del cristiano, un cristiano che non è gioioso nel cuore non è un buon cristiano. E’ il respiro, il modo di esprimersi del cristiano, la gioia. Non è una cosa che si compra o io la faccio con lo sforzo, no: è un frutto dello Spirito Santo. Quello che fa la gioia nel cuore è lo Spirito Santo”.

La roccia solida su cui poggia la gioia cristiana è la memoria: non possiamo, infatti, dimenticare “quello che ha fatto il Signore per noi”, “rigenerandoci” a nuova vita; così come la speranza di quello che ci attende, l’incontro con il Figlio di Dio. Memoria e speranza sono le due componenti che permettono ai cristiani di vivere nella gioia, non una gioia vuota, ilare, ma una gioia il cui “primo grado” è la pace. “La gioia non è vivere di risata in risata. No, non è quello. La gioia non è essere divertente. No, non è quello. E’ un’altra cosa. La gioia cristiana è la pace. La pace che c’è nelle radici, la pace del cuore, la pace che soltanto Dio ci può dare. Questa è la gioia cristiana. Non è facile custodire questa gioia”.

Il mondo contemporaneo, ha proseguito il Papa, si accontenta di una “cultura non gioiosa”, “una cultura dove si inventano tante cose per divertirci”, tanti “pezzettini di dolce vita”, ma che non soddisfano pienamente. La gioia, infatti, “non è una cosa che si compra nel mercato”, “è un dono dello Spirito” e vibra anche “nel momento del turbamento, nel momento della prova”. “C’è – ha concluso - un’inquietudine buona ma ce n’è un’altra che non è buona, quella di cercare le sicurezze dappertutto, quella di cercare il piacere dappertutto. Il giovane del Vangelo aveva paura che se lasciava le ricchezze non sarebbe stato felice. La gioia, la consolazione: il nostro respiro di cristiani”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Vescovi coreani: la “morte dignitosa” è un eufemismo per legalizzare l’eutanasia
10/07/2009
Seoul, i medici staccano la spina. La donna in coma resta in vita
24/06/2009
Seoul, i medici staccano la spina alla donna in coma. Primo caso di “eutanasia passiva”
23/06/2009
Papa: Il Cuore trafitto di Cristo infiammi il cuore di ogni presbitero
19/06/2009