30/11/2018, 10.55
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: l’annuncio è essere inviato in missione, è testimoniare con la propria vita

Chi si dice cristiano ma vive da pagano fa “tanto male al popolo di Dio”. Nell’odierna festa di sant’Andrea apostolo, patrono della Chiesa di Costantinopoli, Francesco ha invitato ad essere “vicini alla Chiesa di Andrea”, pregando “per l’unità delle Chiese”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – L’annuncio dell’unica Buona novella non è marketing, né proselitismo,  ma l’essere “inviato, in missione”, è testimoniare con la propria vita. L’ha detto papa Francesco all’omelia della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dal brano della Lettera ai Romani
(Rm 10,9-18), nel quale san Paolo scrive che la fede viene dall’ascolto e l’ascolto riguarda la Parola di Cristo.

Il Papa ha sottolineato come sia “importante l’annuncio del Vangelo”, l’annuncio “che Cristo ci ha salvato, che Cristo è morto, risorto per noi”. L’annuncio di Gesù Cristo è infatti portare “non una notizia semplice” ma “la unica grande Buona Notizia”.

Nell’odierna festa di sant’Andrea apostolo, patrono della Chiesa di Costantinopoli, Francesco ha invitato ad essere “vicini alla Chiesa di Andrea”, pregando “per l’unità delle Chiese”.

Come gli apostoli Pietro, Andrea, Giacomo e Giovanni, ha detto ancora, lasciamo “tutto quello che ci impedisce di andare avanti nell’annuncio della testimonianza” di Cristo. Francesco ha quindi spiegato cosa sia l’annuncio. “Non è un lavoro di pubblicità, fare pubblicità per una persona molto buona, che ha fatto del bene, ha guarito tanta gente, e ci ha insegnato cose belle. No, non è pubblicità. Neppure è per fare proselitismo. Se qualcuno va a parlare di Gesù Cristo, a predicare Gesù Cristo per fare proselitismo, no, questo non è annuncio di Cristo: questo è un lavoro, di predicatore, retto dalla logica del marketing. Che cosa è l’annuncio di Cristo? Che non è né proselitismo né pubblicità né marketing: va oltre. Come si può capire questo? È prima di tutto essere inviato”.

Essere dunque inviati “alla missione”, facendo entrare “in gioco la propria vita”. L’apostolo, l’inviato che “porta avanti l’annuncio di Gesù Cristo”, ha proseguito  Francesco, “lo fa a condizione che metta in gioco la propria vita, il proprio tempo, i propri interessi, la propria carne”. Il Papa ha ricordato in proposito un detto argentino, che parla di “mettere la propria carne sulla griglia”, mettersi cioè in gioco. “Questo viaggio, di andare all’annuncio, rischiando la vita, perché io gioco la mia vita, la mia carne – questo viaggio – ha soltanto il biglietto di andata, non del ritorno. Ritornare è apostasia. Annuncio di Gesù Cristo con la testimonianza. Testimonianza vuol dire mettere in gioco la propria vita. Quello che io dico lo faccio”.

La parola, “per essere annuncio”, deve essere testimonianza. Francesco ha definito “scandalo” quei cristiani che dicono di esserlo e poi vivono “come pagani, come non credenti”, come se non avessero “fede”. Di qui l’invito alla “coerenza, tra la parola e la propria vita: questo si chiama testimonianza. L’apostolo, l’annunciatore, “quello che porta la Parola di Dio, è un testimone”, che gioca la propria vita “fino alla fine”, ed è “anche un martire”. D’altra parte è stato Dio Padre che “per farsi conoscere” ha inviato “suo Figlio in carne, rischiando la propria vita”. Un fatto che “scandalizzava tanto e continua a scandalizzare”, perché Dio si è fatto “uno di noi”, in un viaggio “con biglietto soltanto di andata”. “Il diavolo ha cercato di convincerlo a prendere un’altra strada, e Lui non ha voluto, ha fatto la volontà del Padre fino alla fine. E l’annuncio di Lui deve andare per la stessa strada: la testimonianza, perché Lui è stato il testimone del Padre fatto carne. E noi dobbiamo farci carne, cioè farci testimoni: fare, fare quello che diciamo. E questo è l’annuncio di Cristo. I martiri sono coloro che [dimostrano] che l’annuncio è stato vero. Uomini e donne che hanno dato la vita – gli apostoli hanno dato la vita – con il sangue; ma anche tanti uomini e donne nascosti nella nostra società e nelle nostre famiglie, che danno testimonianza tutti i giorni, in silenzio, di Gesù Cristo, ma con la propria vita, con quella coerenza di fare quello che dicono”.

Tutti noi, ha concluso il Papa, con il Battesimo assumiamo “la missione” di annunciare Cristo”: vivendo come Gesù “ci ha insegnato a vivere”, “in armonia con quello che predichiamo”, l’annuncio sarà “fruttuoso”. Se invece viviamo “senza coerenza”, “dicendo una cosa e facendone un’altra contraria”, il risultato sarà lo scandalo. E quello dei cristiani, conclude fa “tanto male al popolo di Dio”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Continuano i lavori del Sinodo panortodosso
24/06/2016 15:15
Abolite le parrocchie russe di Costantinopoli
30/11/2018 11:07
Dopo oltre un secolo, il patriarca Bartolomeo celebra una messa nella Tracia orientale
12/11/2018 12:12
Papa: a Bartolomeo, unità dei cristiani segno di speranza nel mondo ferito da conflitti
30/11/2018 12:33
Papa: la misericordia sia “il criterio” dei rapporti tra cattolici e ortodossi
28/06/2016 13:27