29/09/2017, 16.28
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: l’annuncio della misericordia impegno di chi annuncia il Vangelo

Ricevendo il Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, Francesco sottolinea l’apporto che i singoli popoli e le rispettive culture offrono al cammino del Popolo di Dio e la complessa trama di relazioni interpersonali, che permette di sperimentare la profonda unità e umanità della Comunità dei credenti.

 

Città del Vaticano (AsiaNews) – In un tempo nel quale cresce una cultura frutto della tecnologia, la Chiesa sente “l’urgenza” di rinnovare lo sforzo di evangelizzare e di proporre continuamente l’annuncio della misericordia. E’ questo il tema del discorso che papa Francesco ha rivolto ai partecipanti alla plenaria del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione.

Ai presenti il Papa ha raccomandato in modo particolare di conservare i frutti del Giubileo della Misericordia. “Questo Anno Santo è stato un momento di grazia che la Chiesa intera ha vissuto con grande fede e intensa spiritualità. Non possiamo permetterci, quindi, che tanto entusiasmo venga diluito o dimenticato. Il Popolo di Dio ha sentito fortemente il dono della misericordia e ha vissuto il Giubileo riscoprendo in particolare il Sacramento della Riconciliazione, come luogo privilegiato per fare esperienza della bontà, della tenerezza di Dio e del suo perdono che non conosce limiti. La Chiesa, pertanto, ha la grande responsabilità di continuare senza sosta ad essere strumento di misericordia. In questo modo si può più facilmente consentire che l’accoglienza del Vangelo sia percepita e vissuta come evento di salvezza e possa portare un senso pieno e definitivo alla vita personale e sociale”.

“L’annuncio della misericordia, che si rende concreto e visibile nello stile di vita dei credenti, vissuto alla luce delle molteplici opere di misericordia, appartiene intrinsecamente all’impegno di ogni evangelizzatore, che ha scoperto in prima persona la chiamata all’apostolato proprio in forza della misericordia che gli è stata riservata”.

Quanto alle evangelizzazione, Francesco ha detto che “è necessario scoprire sempre più che essa per sua stessa natura appartiene al Popolo di Dio. A questo proposito, vorrei sottolineare due aspetti.

Il primo è l’apporto che i singoli popoli e le rispettive culture offrono al cammino del Popolo di Dio. Da ogni popolo verso cui andiamo emerge una ricchezza che la Chiesa è chiamata a riconoscere e valorizzare per portare a compimento l’unità di «tutto il genere umano» di cui è «segno» e «sacramento» (cfr Cost. dogm. Lumen gentium, 1). Questa unità non è costituita «secondo la carne, ma nello Spirito» (ibid.), che guida i nostri passi. La ricchezza che proviene alla Chiesa dalla molteplicità di buone tradizioni che i singoli popoli possiedono è preziosa per vivificare l’azione della grazia che apre il cuore ad accogliere l’annuncio del Vangelo. Sono autentici doni che esprimono la varietà infinita dell’azione creatrice del Padre, e che confluiscono nell’unità della Chiesa per accrescere la necessaria comunione al fine di essere seme di salvezza, preludio di pace universale e luogo concreto di dialogo”.

“Questo essere Popolo evangelizzatore (cfr Esort. ap. Evangelii gaudium, 111) fa prendere consapevolezza – ed è il secondo aspetto – di una chiamata che trascende ogni singola disponibilità personale, per essere inserita in una «complessa trama di relazioni interpersonali» (ibid., 113), che permette di sperimentare la profonda unità e umanità della Comunità dei credenti. E questo vale in modo particolare in un periodo come il nostro in cui si affaccia con forza una cultura nuova, frutto della tecnologia, che, mentre affascina per le conquiste che offre, rende ugualmente evidenti la mancanza di vero rapporto interpersonale e interesse per l’altro. Poche realtà come la Chiesa possono vantare di avere una conoscenza del popolo in grado di valorizzare quel patrimonio culturale, morale e religioso che costituisce l’identità di intere generazioni. È importante, pertanto, che sappiamo penetrare nel cuore della nostra gente, per scoprire quel senso di Dio e del suo amore che offre la fiducia e la speranza di guardare avanti con serenità, nonostante le gravi difficoltà e povertà che si è costretti a vivere per l’ingordigia di pochi. Se siamo ancora capaci di guardare in profondità, potremmo ritrovare il genuino desiderio di Dio che rende inquieto il cuore di tante persone cadute, loro malgrado, nel baratro dell’indifferenza, che non consente più di gustare la vita e di costruire serenamente il proprio futuro. La gioia dell’evangelizzazione li può raggiungere e restituire loro la forza per la conversione”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: a Timor Est una Chiesa "coscienza critica" della nazione, missionaria e attenta alle culture locali
18/03/2014
Papa: Matteo Ricci, modello di evangelizzazione per la Cina
18/05/2009
Papa: solo la luce di Dio può vincere le “grandi tenebre” portate da guerra e cupidigia
22/03/2009
Papa: come il missionario, il cristiano senta “l’urgenza” di portare la parola di Dio
11/03/2009
Papa: la "gioia dell'evangelizzazione" insieme al dialogo e al rispetto per religioni e culture
27/11/2006