19 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/02/2017, 13.24

    VATICANO

    Papa: migranti, ogni Stato accolga “tutti coloro che si ‘possono’ accogliere”



    Francesco, in una intervista, sottolinea la necessità di “integrare” e non “ghettizzare” coloro che fuggono da guerre o fame e che hanno “il diritto” di emigrare. La storia di un senza tetto polacco, che era un prete compagno di seminario di Giovanni Paolo II.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Chi fugge dalla guerra o dalla fame ha “il diritto” di emigrare, ma ogni Paese dovrebbe accettare solo “tutti coloro che si ‘possono’ accogliere” e dovrebbe “integrarli”. L’ha sostenuto papa Francesco in una intervista al periodico “Scarp de’ tenis”, mensile della strada, sostenuto da Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana, in vista della visita che il Papa compirà a Milano il 25 marzo.

    Nella stessa intervista, parlando dei senza tetto, Francesco racconta un episodio della vita di Giovanni Paolo II. “In Vaticano è famosa la storia di una persona senza dimora, di origine polacca, che generalmente sostava in piazza Risorgimento a Roma, non parlava con nessuno, neppure con i volontari della Caritas che la sera gli portavano un pasto caldo. Solo dopo lungo tempo sono riusciti a farsi raccontare la sua storia: «Sono un prete, conosco bene il vostro Papa, abbiamo studiato insieme in seminario». La voce è arrivata a San Giovanni Paolo II che sentito il nome, ha confermato di essere stato con lui in seminario e ha voluto incontrarlo. Si sono abbracciati dopo quarant’anni, e alla fine di un’udienza il Papa ha chiesto di essere confessato dal sacerdote che era stato suo compagno. «Ora però tocca a te», gli disse il Papa. E il compagno di seminario fu confessato dal Papa. Grazie al gesto di un volontario, di un pasto caldo, a qualche parola di conforto, a uno sguardo di bontà questa persona ha potuto risollevarsi e intraprendere una vita normale che lo ha portato a diventare cappellano di un ospedale. Il Papa l’aveva aiutato, certo questo è un miracolo ma è anche un esempio per dire che le persone senza dimora hanno una grande dignità”.

    Quanto ai migranti, papa Francesco sostiene che “Quelli che arrivano in Europa scappano dalla guerra o dalla fame. E noi siamo in qualche modo colpevoli perché sfruttiamo le loro terre ma non facciamo alcun tipo di investimento affinché loro possano trarre beneficio. Hanno il diritto di emigrare e hanno diritto ad essere accolti e aiutati. Questo però si deve fare con quella virtù cristiana che è la virtù che dovrebbe essere propria dei governanti, ovvero la prudenza. Cosa significa? Significa accogliere tutti coloro che si ‘possono’ accogliere. E questo per quanto riguarda i numeri. Ma è altrettanto importante una riflessione su “come” accogliere. Perché accogliere significa integrare. Questa è la cosa più difficile perché se i migranti non si integrano, vengono ghettizzati. Mi torna sempre in mente l’episodio di Zaventem (l’attentato all’aeroporto di Bruxelles del 22 marzo 2016, ndr); questi ragazzi erano belgi, figli di migranti ma abitavano in un quartiere che era un ghetto. E cosa significa integrare? Anche in questo caso faccio un esempio: da Lesbo sono venuti con me in Italia tredici persone. Al secondo giorno di permanenza, grazie alla comunità di Sant’Egidio, i bambini già frequentavano le scuole. Poi in poco tempo hanno trovato dove alloggiare, gli adulti si sono dati da fare per frequentare corsi per imparare la lingua italiana e per cercare un qualche lavoro. Certo, per i bambini è più facile: vanno a scuola e in pochi mesi sanno parlare l’italiano meglio di me. Gli uomini hanno cercato un lavoro e l’hanno trovato. Integrare allora vuol dire entrare nella vita del Paese, rispettare la legge del Paese, rispettare la cultura del Paese ma anche far rispettare la propria cultura e le proprie ricchezze culturali. L’integrazione è un lavoro molto difficile. Ai tempi delle dittature militari a Buenos Aires guardavamo alla Svezia come a un esempio positivo. Gli svedesi oggi sono 9 milioni, ma di questi, 890 mila sono nuovi svedesi, cioè migranti o figli di migranti integrati. Il Ministro della cultura Alice Bah Kuhnke è figlia di una donna svedese e di un uomo proveniente dal Gambia. Questo è un bell’esempio di integrazione. Certo ora anche in Svezia si trovano in difficoltà: hanno molte richieste e stanno cercando di capire cosa fare perché non c’è posto per tutti. Ricevere, accogliere, consolare e subito integrare. Quello che manca è proprio l’integrazione. Ogni Paese allora deve vedere quale numero è capace di accogliere. Non si può accogliere se non c’è possibilità di integrazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2015 ITALIA – MIGRANTI
    Centro Astalli: L’Italia è ospitale, ma occorre integrazione e la fine delle guerre in Medio oriente
    P. Camillo Ripamonti, direttore dello storico Centro di accoglienza gestito dai gesuiti, spiega ad AsiaNews la situazione dei rifugiati e le prospettive che la Chiesa e la società possono offrire. L’accoglienza “è fondamentale ma non basta. Integrazione è la parola chiave, e la burocrazia non aiuta”. L’appello di papa Francesco alle parrocchie “richiede tempo e progettazione, ma può cambiare le cose”. Tuttavia “sarà tutto inutile se non interveniamo sulle cause della migrazione, in primo luogo sui conflitti in Medio Oriente”.

    16/01/2005 Vaticano
    Papa: Migranti, è urgente simpatia e dialogo fra culture

    Domani si celebra la Giornata per il dialogo ebraico-cristiano.



    04/04/2017 13:24:00 VATICANO
    Papa: integrare popoli, modelli di sviluppo, corpo e anima

    A 50 anni dall’affermazione di Paolo VI che nella Populorum Progressio affermava il principio dello sviluppo umano integrale, sintetizzabile nello “sviluppo di ogni uomo e di tutto l’uomo”, l’integrazione resta la chiave dello sviluppo.



    21/11/2014 VATICANO
    Papa: il migrante, "un richiamo alla necessità di sradicare le ineguaglianze, le ingiustizie e le sopraffazioni"
    L'emigrazione "resta ancora un'aspirazione alla speranza a ricercare un futuro migliore altrove". Chi lascia il proprio Paese non va visto come un problema, ma una persona che contribuisce alla sviluppo economico e un possibile "partner nella costruzione di un'identità più ricca per le comunità che li ospitano", "stimolando lo sviluppo di società inclusive, creative e rispettose della dignità di tutti".

    15/01/2017 12:15:00 VATICANO
    Papa: La Chiesa non annuncia sé stessa, annuncia Cristo; non porta sé stessa, porta Cristo

    All’Angelus, papa Francesco afferma che “la Chiesa, in ogni tempo, è chiamata a fare quello che fece Giovanni il Battista, indicare Gesù alla gente”. “Guai, guai quando la Chiesa annuncia sé stessa: perde la bussola, non sa dove va”. Nella Giornata mondiale del migrante e rifugiato, dedicata ai migranti minorenni, “è necessario adottare ogni possibile misura per garantire ai minori migranti la protezione e la difesa, come anche la loro integrazione”. L’augurio alle comunità etniche di “vivere serenamente nelle località che vi accolgono, rispettandone le leggi e le tradizioni e, al tempo stesso, custodendo i valori delle vostre culture di origine”. Il grazie all’Ufficio Migrantes e l’esempio di santa Francesca Saverio Cabrini, patrona dei migranti.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®