17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/09/2017, 15.14

    VATICANO

    Papa: non darò mai la grazia ai colpevoli di abusi sessuali



    Francesco ha ricevuto la Pontificio commissione per la protezione dei minori. “La Chiesa ha affrontato questi crimini in ritardo”, ma “tolleranza zero”. "Ascoltare con interesse le voci delle vittime e dei sopravvissuti. Perché abbiamo molto da imparare da loro e dalle loro storie personali di coraggio e perseveranza”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Papa Francesco ribadisce “tolleranza zero” contro gli abusi sessuali da parte di sacerdoti, “persone malate”, che, se condannate, possono chiedere la grazia al Papa, ma non l’avranno “mai”. L’ha affermato Francesco ricevendo, oggi, la Pontificio commissione per la protezione dei minori, che inizia la sua assemblea plenaria.

    Il Papa ha ammesso che “la Chiesa ha affrontato questi crimini in ritardo”, perché  “quando la coscienza arriva tardi i mezzi per risolvere il problema arrivano tardi”, “ma grazie a Dio - ha aggiunto - il Signore ha suscitato uomini profeti nella Chiesa” per far emergere il problema “e vederlo in faccia”.

    Alla Congregazione per la dottrina della Fede, che si occupa degli abusi e “per ora” continuerà a occuparsene “ci sono tanti casi che non vanno avanti”, così si sta cercando di prendere più gente che possa studiare i dossier. Se poi ci sono le prove di un abuso questo è sufficiente per non accettare ricorsi. Non per una avversione – ha chiarito – ma semplicemente perché la persona che compie questo delitto è malata: se si pente ed è perdonata, “dopo due anni ricade”. Per questo “chi viene condannato per abusi sessuali sui minori può rivolgersi al Papa per avere la grazia", ma "io mai ho firmato una di queste e mai la firmerò”.

    Nel testo preparato, non letto, ma consegnato, il Papa scrive, tra l’altro, “avendo ascoltato le testimonianze delle vittime e dei sopravvissuti” a tali violenze, ed essendo gli abusi sessuali “un peccato contrario e in contraddizione con quanto Cristo e la Chiesa insegnano”, si rinnova l’impegno della Chiesa ad applicare  le misure più forti nei confronti di chi “abusa dei figli di Dio”.

    “E’ incoraggiante sapere quante Conferenze Episcopali e Conferenze dei Superiori Maggiori hanno cercato il vostro consiglio", ha poi proseguito il Papa, facendo particolare riferimento a quanto la collaborazione della Commissione sia preziosa “soprattutto per quelle Chiese che hanno meno risorse”.

    A chiusura del suo intervento il Papa ha espresso la sua fiducia e piena convinzione che “la Commissione continuerà ad essere un luogo in cui" "ascoltare con interesse le voci delle vittime e dei sopravvissuti. Perché abbiamo molto da imparare da loro e dalle loro storie personali di coraggio e perseveranza”.

    “La protezione dei minori - ha detto nel suo saluto il card. Sean O’Malley, presidente della Commissione - è chiaramente una delle più alte priorità della Chiesa nel nostro tempo” e “la cura della Chiesa per le vittime di abuso e per le loro famiglie è una considerazione primaria in questa missione. Dall’attento ascolto e dalla condivisione di esperienze con loro, la nostra Commissione ha beneficiato grandemente da tutto ciò che i sopravvissuti ci hanno offerto”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/03/2017 14:31:00 VATICANO
    Si è dimessa dalla Commissione per la protezione dei minori Marie Collins, vittima di abusi

    In un articolo la donna parla di mancanza di risorse, inadeguatezza delle strutture del personale, lentezza dei progressi, resistenza culturale e soprattutto della resistenza di persone e uffici della Curia romana ad accogliere le raccomandazioni della Commissione, “nonostante la loro approvazione da parte del Papa”. Continuerà però a collaborare con la Commissione in un “ruolo educativo”.



    17/03/2010 VATICANO
    Papa: il 19 marzo la sua lettera ai fedeli d’Irlanda
    L’ha annunciato lo stesso Benedetto XVI durante l’udienza generale. Nel discorso ai presenti, il Papa ha parlato della teologia secondo san Tommaso e san Bonaventura, per il quale c’èun modo “arrogante” di fare teologia, una superbia della ragione, che si pone al di sopra della parola di Dio. Ma la vera teologia è spinta dal desiderio di conoscere sempre meglio e sempre più l’amato.

    08/12/2014 VATICANO
    Papa: Festa dell'Immacolata Concezione, tutto è grazia e dono gratuito di Dio e del suo amore per noi
    All'Angelus, papa Francesco ricorda che "nessuno di noi può comprare la salvezza. La salvezza è un dono di Dio che viene in noi e abita in noi". "La salvezza è gratuita e noi dobbiamo ridonarla agli altri". Nel pomeriggio il pontefice si reca a Santa Maria Maggiore e poi in piazza di Spagna per l'omaggio all'Immacolata.

    12/09/2013 VATICANO
    Papa: per essere buoni cristiani, "non c'è altra strada" che "contemplare l'umanità di Gesù e l'umanità sofferente"
    Durante la messa celebrata stamattina, Francesco dice che per seguire le "cose forti" che chiede il Vangelo, i due "poli" sono la "dolcezza" di Maria e il "silenzio mite di Gesù", in particolare guardando la Passione. "Pensare a Gesù soltanto. Se il nostro cuore, se la nostra mente è con Gesù, il trionfatore, quello che ha vinto la morte, il peccato, il demonio, tutto, possiamo fare".

    01/12/2016 11:40:00 VATICANO
    Papa: tutti abbiamo “resistenze” alla grazia, è la resistenza alla croce, che porta alla redenzione

    Oggi ricorre il centesimo anniversario dell’assassinio del beato Charles de Foucauld, avvenuto in Algeria il primo dicembre 1916. Era “un uomo che ha vinto tante resistenze e ha dato una testimonianza che ha fatto bene alla Chiesa. Chiediamo che ci benedica dal cielo e ci aiuti a camminare sulle sue tracce di povertà, contemplazione e servizio ai poveri”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®