27 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/04/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: ogni interpretazione ideologica è una falsificazione del Vangelo



    All'omelia della messa di stamattina Francesco dice che la parola di Gesù "passa per la nostra mente e va al cuore. Perché Gesù cerca la nostra conversione", ma ci sono coloro che "pretendono realizzare del Vangelo solo quello che capiscono con la testa". "Sono i grandi ideologi". Ma "quando entra l'ideologia nell'intelligenza del Vangelo, non si capisce nulla".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Dio liberi la Chiesa "da qualsiasi interpretazione ideologica" e la apra "al Vangelo semplice, a quel Vangelo puro che ci parla di amore, che porta l'amore ed è tanto bello". Perché "ogni interpretazione ideologica è una falsificazione del Vangelo". E' un invito a pregare per la Chiesa e per la conversione dei cuori quello che conclude la messa che papa Francesco ha celebrato, come ogni mattina, nella cappella della Casa santa Marta. La riflessione del Papa, riferisce la Radio Vaticana, è centrata sulle letture bibliche sulla conversione di San Paolo e sul discorso di Gesù nella Sinagoga di Cafarnao.

    La parola di Gesù, osserva Francesco, "passa per la nostra mente e va al cuore. Perché Gesù cerca la nostra conversione", ma ci sono coloro che "pretendono realizzare del Vangelo solo quello che capiscono con la testa". "Sono i grandi ideologi. La Parola di Gesù va al cuore perché è Parola d'amore, è parola bella e porta l'amore, ci fa amare. Questi tagliano la strada dell'amore: gli ideologi. E anche quella della bellezza". Come i dottori della legge che "si misero a discutere aspramente tra loro: 'Come può costui darci la sua carne da mangiare?'. Tutto un problema di intelletto! E quando entra l'ideologia, nella Chiesa, quando entra l'ideologia nell'intelligenza del Vangelo, non si capisce nulla".

    Sono quelli che camminano solo "sulla strada del dovere": è il moralismo di coloro che pretendono realizzare del Vangelo solo quello che capiscono con la testa. Non sono "sulla strada della conversione, quella conversione a cui ci invita Gesù". "E questi, sulla strada del dovere, caricano tutto sulle spalle dei fedeli. Gli ideologi falsificano il Vangelo. Ogni interpretazione ideologica, da qualsiasi parte venga - da una parte e dall'altra - è una falsificazione del Vangelo. E questi ideologi - l'abbiamo visto nella storia della Chiesa - finiscono per essere, diventano, intellettuali senza talento, eticisti senza bontà. E di bellezza non parliamo, perché non capiscono nulla".

    "Invece, la strada dell'amore, la strada del Vangelo - ricorda il Papa - è semplice: è quella strada che hanno capito i Santi". "I Santi sono quelli che portano la Chiesa avanti! La strada della conversione, la strada dell'umiltà, dell'amore, del cuore, la strada della bellezza ... Preghiamo oggi il Signore per la Chiesa: che il Signore la liberi da qualsiasi interpretazione ideologica e apra il cuore della Chiesa, della nostra Madre Chiesa, al Vangelo semplice, a quel Vangelo puro che ci parla di amore, che porta l'amore ed è tanto bello! E anche ci fa belli, a noi, con la bellezza della santità. Preghiamo oggi per la Chiesa!".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/10/2013 VATICANO
    Papa: il cristiano che non prega perde la fede e cade nell'ideologia e nel moralismo
    Quando un cristiano non prega si ha l'atteggiamento della "chiave in tasca e porta chiusa". Quando una chiesa è chiusa "la gente che passa davanti non può entrare". E, ancora peggio, "il Signore che è dentro non può uscire".

    19/05/2017 11:45:00 VATICANO
    Papa: la vera dottrina unisce, ma quando diventa ideologia divide

    “Sempre c’è stata quella gente che senza alcun incarico va a turbare la comunità cristiana con discorsi che sconvolgono le anime: 'Eh, no. Questo che ha detto quello è eretico, quello non si può dire, quello no, la dottrina della Chiesa è questa…”.



    23/01/2015 VATICANO
    Mass media: imparare dalla famiglia a comunicare in modo più autentico e umano
    Nel Messaggio per la 49ma Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali, papa Francesco definisce la famiglia "il paradigma della comunicazione". In essa, come nel grembo della madre, si impara l'incontro, il linguaggio, la preghiera, la prossimità, il perdono. I media spesso trattano la famiglia come "un oggetto" su cui fare battaglie ideologiche e non come un luogo da cui imparare a comunicare. Occorre "reimparare a raccontare, non semplicemente a produrre e consumare informazione".

    15/03/2015 VATICANO
    Papa: I cristiani sono perseguitati e il mondo cerca di nasconderlo
    All'Angelus, Francesco prega per le vittime della strage contro le chiese in Pakistan. Prima della preghiera mariana, sottolinea: "Dio ci ama, ci ama davvero, e ci ama così tanto! Ecco l'espressione più semplice che riassume tutto il Vangelo, tutta la fede, tutta la teologia: Dio ci ama di amore gratuito e sconfinato". Un pensiero per le vittime del tifone che ha colpito Vanuatu: " Prego per i defunti, per i feriti e i senza tetto. Ringrazio quanti si sono subito attivati per portare soccorsi e aiuti". E un fortissimo appello contro la persecuzione dei cristiani: "Il Signore porti la pace. I cristiani sono perseguitati e il mondo cerca di nasconderlo.

    12/09/2013 VATICANO
    Papa: per essere buoni cristiani, "non c'è altra strada" che "contemplare l'umanità di Gesù e l'umanità sofferente"
    Durante la messa celebrata stamattina, Francesco dice che per seguire le "cose forti" che chiede il Vangelo, i due "poli" sono la "dolcezza" di Maria e il "silenzio mite di Gesù", in particolare guardando la Passione. "Pensare a Gesù soltanto. Se il nostro cuore, se la nostra mente è con Gesù, il trionfatore, quello che ha vinto la morte, il peccato, il demonio, tutto, possiamo fare".



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®