11/10/2018, 11.12
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: pregare con coraggio e ‘invadenza’, perché si bussa alla porta di un amico

“Si prega con coraggio, perché quando preghiamo abbiamo un bisogno, normalmente, un bisogno. Un amico è Dio: è un amico ricco che ha del pane, ha quello del quale noi abbiamo bisogno. Come se Gesù dicesse: ‘Nella preghiera siate invadenti. Non stancatevi’. Ma non stancatevi di che? Di chiedere. 'Chiedete e vi sarà dato'”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Pregare con coraggio e con “invadenza”, senza vergogna, perché “io sto bussando alla porta del mio amico”. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dal brano del Vangelo (Lc 11,5-13) nel quale Gesù racconta di un uomo che, a mezzanotte, bussa alla casa di un suo amico per chiedergli qualcosa da mangiare. E l'amico risponde che non è il momento opportuno, che è già a letto, ma poi si alza e gli dà quello che chiede.

Francesco ha sottolineato tre elementi della parabola: un uomo nel bisogno, un amico, un po’ di pane. E’ una visita a sorpresa quella dell’amico bisognoso e la sua è una richiesta insistente perché ha fiducia nell’amico che ha ciò che gli serve. Prega con “invadenza” e in questo modo, ha evidenziato Francesco, il Signore ci vuole insegnare come si prega. “Si prega con coraggio, perché quando preghiamo abbiamo un bisogno, normalmente, un bisogno. Un amico è Dio: è un amico ricco che ha del pane, ha quello del quale noi abbiamo bisogno. Come se Gesù dicesse: ‘Nella preghiera siate invadenti. Non stancatevi’. Ma non stancatevi di che? Di chiedere. 'Chiedete e vi sarà dato'”.

Ma “la preghiera non è come una bacchetta magica”, non è che appena noi chiediamo, otteniamo. Non si tratta di dire due “Padre Nostro” e poi di andarsene. “La preghiera è un lavoro: un lavoro che ci chiede volontà, ci chiede costanza, ci chiede di essere determinati, senza vergogna. Perché? Perché io sto bussando alla porta del mio amico. Dio è amico, e con un amico io posso fare questo. Una preghiera costante, invadente. Pensiamo a Santa Monica per esempio, quanti anni ha pregato così, anche con le lacrime, per la conversione del suo figlio. Il Signore alla fine ha aperto la porta”.

E Francesco ha portato poi un altro esempio, raccontando un fatto di cui lui è certo, accaduto a Buenos Aires: un uomo, un operaio, aveva una figlia in fin di vita, i medici non avevano dato alcuna speranza e lui ha percorso 70 chilometri per andare fino al Santuario della Madonna di Luján. E’ arrivato che era notte e il Santuario chiuso, ma lui ha pregato fuori tutta la notte implorando la Madonna: "Io voglio mia figlia, io voglio mia figlia. Tu puoi darmela”. E quando la mattina dopo è tornato all’ospedale ha trovato la moglie che gli ha detto: “Sai, i medici l’hanno portata per fare un altro esame, non si spiegano perché si è svegliata e ha chiesto da mangiare, e non c’è nulla, sta bene, è fuori pericolo”. Quell’uomo, ha concluso Francesco, sapeva come si prega.

In proposito, il Papa ha portato l’esempio dei bambini capricciosi quando vogliono qualcosa, e gridano e piangono dicendo: “Io voglio! Io voglio!” E alla fine i genitori cedono. Qualcuno però può domandarsi: ma Dio non si arrabbierà se faccio così? E’ Gesù stesso, la risposta di Francesco, che prevedendo questo ci ha detto: “Se voi che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono”. “È un amico: dà sempre il bene. Dà di più: io ti chiedo di risolvere questo problema e lui lo risolve e anche ti dà lo Spirito Santo. Di più. Pensiamo un po’: come prego? Come un pappagallo? Prego proprio con il bisogno nel cuore? Lotto con Dio nella preghiera perché mi dia quello di cui ho bisogno se è giusto? Impariamo da questo passo del Vangelo come pregare”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: pregare Dio con libertà, come figli e pregare con insistenza
15/03/2018 11:16
Papa: La missione cristiana non è proselitismo, ma diffondere "la fiamma della fede"
20/10/2013
Papa: curare un bambino malato vuol dire pensare al suo “vero bene”
15/11/2008
Papa a Cuba: “le famiglie non sono un problema”, sono un’opportunità da curare, proteggere, accompagnare
22/09/2015
Da Hong Kong una preghiera per la pace in Siria
05/09/2013