29 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/09/2010
VATICANO
Papa: rafforzare la nostra amicizia con Dio con la preghiera e la partecipazione alla liturgia
All’udienza generale Benedetto XVI prosegue nell’illustrazione delle grandi figure femminili del Medio Evo parlando di santa Matilde di Hackeborn. Soprannominata “l’usignolo di Dio”, fu una monaca cistercense che visse in modo “impressionante” la liturgia nelle sue varie componenti, anche quelle più semplici, portandola nella vita quotidiana monastica. Ogni giorno “continuo a portare gli haitiani nella mia preghiera di supplica a Dio affinché li sollevi dalla loro miseria".

Città del Vaticano (AsiaNews) - E’ “un forte invito ad intensificare la nostra amicizia con il Signore, soprattutto attraverso la preghiera quotidiana e la partecipazione attenta, fedele e attiva alla Santa Messa” l’esempio offerto da santa Matilde di Hackeborn, la mistica del XIII della quale Benedetto XVI ha oggi parlato alle 20mila persone presenti in piazza san Pietro per l’udienza generale. Tra loro anche un gruppo di haitiani, rivolgendosi ai quali il Papa ha detto: “continuo a portare gli haitiani nella mia preghiera di supplica a Dio affinché li sollevi dalla loro miseria".
 
Nel discorso per l’udienza, Benedetto XVI, proseguendo nella illustrazione delle grandi figure femminili del Medio Evo, ha descritto questa monaca cistercense, “dotata di elevate qualità naturali e spirituali, quali la scienza, l’intelligenza, la conoscenza delle lettere umane, la voce di una meravigliosa soavità”, tanto da essere soprannominata ‘usignolo di Dio”.
 
Nacque nel 1241 o 1242 nel castello del barone von Hackeborn, famiglia tra le piu nobli della Turingia, imparentata con l’imperatore Federico II, che aveva già dato una monaca, Gertrude di Hackeborn, dotata di una spiccata personalità, badessa per 40 anni, “capace di dare un’impronta peculiare alla spiritualità del monastero, portandolo ad una fioritura straordinaria quale centro di mistica e di cultura, scuola di formazione scientifica e teologica”.
 
Matilde, fin dalla fanciullezza, accolse il clima spirituale e culturale creato dalla sorella, al quale aggiungerà poi la sua personale impronta. A 7 anni, andando con la madre in visita alla sorella nel monastero di Helfta, fu così affascinata dalla vita di quel luogo che decise di entrarvi, cosa che fece a 17anni, nel 1258. “Si distingue per umiltà, fervore, amabilità, limpidezza e innocenza di vita, familiarità e intensità con cui vive il rapporto con Dio, la Vergine, i Santi. È dotata di elevate qualità naturali e spirituali”, tanto che, malgrado la giovane età diventa direttrice della scuola del monastero, direttrice del coro, maestra delle novizie, “servizi che svolge con talento e infaticabile zelo, non solo a vantaggio delle monache, ma di chiunque desiderava attingere alla sua sapienza e bontà”. ”Illuminata dal dono divino della contemplazione mistica, Matilde compone numerose preghiere. È maestra di fedele dottrina e di grande umiltà, consigliera, consolatrice, guida nel discernimento”.
 
Nel 1261 giunge al convento una bambina di cinque anni di nome Gertrude: è affidata alle cure di Matilde, appena ventenne, che la educa. Nel 1271 o 1272 entra in monastero anche Matilde di Magdeburgo. “Il luogo accoglie, così, quattro grandi donne - due Gertrude e due Matilde –, gloria del monachesimo germanico. Nella lunga vita trascorsa in monastero, Matilde è afflitta da continue e intense sofferenze a cui aggiunge le durissime penitenze scelte per la conversione dei peccatori. In questo modo partecipa alla passione del Signore fino alla fine della vita”.
 
“La preghiera e la contemplazione sono l’humus vitale della sua esistenza: le rivelazioni, i suoi insegnamenti, il suo servizio al prossimo, il suo cammino nella fede e nell’amore hanno qui la loro radice e il loro contesto”. “E’ impressionante la capacità che questa santa ha di vivere la liturgia nelle sue varie componenti, anche quelle più semplici, portandola nella vita quotidiana monastica. Alcune immagini, espressioni, applicazioni talvolta sono lontane della nostra sensibilità, ma, se si considera la vita monastica e il suo compito di maestra e direttrice di coro, si coglie la sua singolare capacità di educatrice e formatrice, che aiuta le consorelle a vivere intensamente, partendo dalla Liturgia, ogni momento della vita monastica”.  
Santa Matilde “ha percorso un cammino di intima unione con il Signore, sempre nella piena fedeltà alla Chiesa. E’ questo anche per noi un forte invito ad intensificare la nostra amicizia con il Signore, soprattutto attraverso la preghiera quotidiana e la partecipazione attenta, fedele e attiva alla Santa Messa. La liturgia è una grande scuola di spiritualità”.  

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/03/2009 VATICANO
Papa: prego per tutte le donne, la loro dignità, il loro valore
28/10/2009 VATICANO
Papa: tra fede e ragione “una naturale amicizia” quando cercano la verità
23/08/2009 VATICANO
Papa: Seguire Gesù è andare controcorrente, oltre gli scandali e gli adattamenti
17/01/2007 VATICANO
Papa: è “lungo e difficile” il cammino dell’unità dei cristiani, ma non bisogna scoraggiarsi
31/12/2010 VATICANO
Papa: pur carico di mali, con la venuta di Gesù il tempo dell’uomo è tempo di salvezza

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate