17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/12/2017, 10.37

    VATICANO

    Papa: se togliamo Gesù non c’è Natale, è un’altra festa, ma non è Natale



    “Ai nostri tempi, specialmente in Europa, assistiamo a una specie di ‘snaturamento’ del Natale: in nome di un falso rispetto di chi non è cristiano, che spesso nasconde la volontà di emarginare la fede”. Gesù è “il dono”, “ecco perché a Natale ci scambiamo i doni. Il vero dono per noi è Gesù, e come Lui vogliamo essere dono per gli altri”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Senza Gesù non c’è Natale, “è un’altra festa, ma non è Natale”. E’ tornato a ripeterlo oggi papa Francesco che ha dedicato al significato del Natale di Gesù la sua meditazione per l’udienza generale.

    Alle ottomila persone presenti nell’aula Paolo VI, infatti, egli ha detto: “Ai nostri tempi, specialmente in Europa, assistiamo a una specie di ‘snaturamento’ del Natale: in nome di un falso rispetto di chi non è cristiano, che spesso nasconde la volontà di emarginare la fede, si elimina dalla festa ogni riferimento alla nascita di Gesù. Ma in realtà questo avvenimento è l’unico vero Natale! Senza Gesù non c’è Natale. Non c’è Natale, c’è un’altra festa, ma non è Natale. E se al centro c’è Lui, allora anche tutto il contorno, cioè le luci, i suoni, le varie tradizioni locali, compresi i cibi caratteristici, tutto concorre a creare l’atmosfera della festa. Ma con Gesù al centro. Ma se togliamo Lui, la luce si spegne e tutto diventa finto, apparente”.

    Quando nasce Gesù, a Betlemme, “il mondo non si accorge di nulla, ma in cielo gli angeli che sanno la cosa, esultano! Ed è così che il Figlio di Dio si presenta anche oggi a noi: come il dono di Dio per l’umanità che è immersa nella notte e nel torpore del sonno (cfr Is 9,1). E ancora oggi assistiamo al fatto che spesso l’umanità preferisce il buio, perché sa che la luce svelerebbe tutte quelle azioni e quei pensieri che farebbero arrossire o rimordere la coscienza. Così, si preferisce rimanere nel buio e non sconvolgere le proprie abitudini sbagliate”. “Ci possiamo chiedere allora che cosa significhi accogliere il dono di Dio che è Gesù. Come Lui stesso ci ha insegnato con la sua vita, significa diventare quotidianamente un dono gratuito per coloro che si incontrano sulla propria strada. Ecco perché a Natale ci scambiamo i doni. Il vero dono per noi è Gesù, e come Lui vogliamo essere dono per gli altri”. “Lui, inviato dal Padre è stato dono per noi, noi ci scambiamo i doni”.

    “E, infine, un ultimo aspetto importante: nel Natale possiamo vedere come la storia umana, quella mossa dai potenti di questo mondo, viene visitata dalla storia di Dio. E Dio coinvolge coloro che, confinati ai margini della società, sono i primi destinatari del suo dono, cioè la salvezza portata da Gesù. Con i piccoli e i disprezzati Gesù stabilisce un’amicizia che continua nel tempo e che nutre la speranza per un futuro migliore. A queste persone, rappresentate dai pastori di Betlemme, «apparve una grande luce» (Lc 2,9-12), che li condusse dritti a Gesù. Con loro, in ogni tempo, Dio vuole costruire un mondo nuovo, un mondo in cui non ci sono più persone rifiutate, maltrattate e indigenti”.

    “In questi giorni – ha concluso il Papa - apriamo la mente e il cuore ad accogliere questa grazia. Gesù è il dono di Dio per noi e, se lo accogliamo, anche noi possiamo diventarlo per gli altri, prima di tutto per coloro che non hanno mai sperimentato attenzione e tenerezza. Tanta gente nella sua vita mai ha sperimentato una carezza, un gesto di amore. Così Gesù viene a nascere ancora nella vita di ciascuno di noi e, attraverso di noi, continua ad essere dono di salvezza per i piccoli e gli esclusi”.

    “La na‎scita di Gesù – ha ribadito salutando i fedeli di lingua araba - è il compimento delle promesse divine. Dio non ama a parole, il Suo ‎amore non si limita all’invio di profeti, messaggeri o testi, ma Lo porta ad abbracciare la nostra debolezza e la nostra condizione umana per sollevarci alla dignità filiale perduta. L’incarnazione di Dio è la prova certa dell’autenticità del Suo ‎amore, Chi ama veramente si immedesima con l’amato”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/05/2013 VATICANO
    Papa: la vera preghiera è quella in nome di Gesù, ci fa uscire da noi stessi e ci apre al Padre e ai fratelli più bisognosi
    Celebrando la messa di oggi, Francesco osserva che tante volte ci annoiamo nella preghiera, che non è chiedere questo o quello, ma è "l'intercessione di Gesù, che davanti al Padre gli fa vedere le sue piaghe". "Se noi non riusciamo ad uscire da noi stessi verso il fratello bisognoso, verso il malato, l'ignorante, il povero, lo sfruttato, se noi non riusciamo a fare questa uscita da noi stessi verso quelle piaghe, non impareremo mai la libertà che ci porta nell'altra uscita da noi stessi, verso le piaghe di Gesù.

    02/12/2013 VATICANO
    Papa: Natale non è solo "un ricordo di una cosa bella", ma un "camminare" per "andare incontro al Signore"
    Ma più che essere noi ad incontrare il Signore è importante "lasciarci incontrare da Lui". "Quando noi soltanto incontriamo il Signore, siamo noi - fra virgolette, diciamolo - i padroni di questo incontro; ma quando noi ci lasciamo incontrare da Lui, è Lui che entra dentro di noi, è Lui che ci rifà tutto di nuovo, perché questa è la venuta, quello che significa quando viene il Cristo".

    05/01/2014 VATICANO
    Papa: A maggio in Terra Santa, incontrerò tutte le Chiese cristiane di Gerusalemme
    Francesco all’Angelus sottolinea: “Con la Sua nascita, Gesù ha creato un mondo nuovo che può essere sempre rinnovato”. Dopo la preghiera mariana l’annuncio: “Dal 24 al 26 mi recherò ad Amman, Betlemme e Gerusalemme per commemorare l’incontro fra Paolo VI e Atenagora, pregate per questo pellegrinaggio”. Previsto un Incontro Ecumenico presso il Santo Sepolcro con il Patriarca Bartolomeo e i rappresentanti delle altre confessioni.

    09/05/2014 VATICANO
    Papa: i missionari aprano e tengano aperte a tutti le porte della Chiesa
    Alle Pontificie opere missionarie papa Francesco dice che "la Chiesa, missionaria per sua natura, ha come prerogativa fondamentale il servizio della carità a tutti". "A voi è chiesto di operare affinché le comunità ecclesiali sappiano accogliere con amore preferenziale i poveri". "Con paziente perseveranza, promuovete la corresponsabilità missionaria. C'è tanto bisogno di sacerdoti, di persone consacrate e fedeli laici".

    03/10/2017 10:41:00 VATICANO
    Papa: avere il coraggio di seguire Gesù “paziente”, andato da solo verso la croce

    Gesù è “deciso e obbediente” alla volontà del Padre, ma davanti a questa decisione, davanti al cammino verso Gerusalemme e verso la croce, i discepoli non seguono il loro Maestro. Fare un colloquio con Gesù: "Quante volte io cerco di fare tante cose e non guardo Te, che hai fatto questo per me? Che sei entrato in pazienza – l’uomo paziente, Dio paziente -, che con tanta pazienza tolleri i miei peccati, i miei fallimenti?





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®