21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/12/2016, 10.34

    VATICANO

    Papa: si avvicina il Natale, giorno nel quale Dio adempie alla sua promessa e viene tra noi



    “In un bimbo appena nato, bisognoso di tutto, avvolto in fasce e deposto in una mangiatoia, è racchiusa tutta la potenza del Dio che salva. Bisogna aprire il cuore, Natale è un giorno per aprire il cuore, a tanta piccolezza e a tanta meraviglia”.

     

    Città del Vaticano (AsiaNews) – L’avvicinarsi del Natale, il giorno nel quale Dio adempie alla sua promessa, viene tra gli uomini, “abbandona la sua grandezza per farsi vicino a ognuno di noi” è stato al centro della catechesi del Papa per l’udienza generale di oggi. “Il male non trionferà per sempre” perché “Dio è più forte” è il messaggio che viene dal Natale, ricordato da Francesco alle seimila persone presenti nell’aula Paolo VI.

    Aprirsi alla speranza, ha detto il Papa, è l’esortazione che viene da Isaia che nel capitolo 52 si rivolge a  Gerusalemme “perché si svegli, si scuota di dosso polvere e catene e indossi le vesti più belle, perché il Signore è venuto a liberare il suo popolo (vv. 1-3). E aggiunge: «Il mio popolo conoscerà il mio nome, comprenderà in quel giorno che io dicevo: Eccomi!» (v. 6). A questo ‘eccomi’ detto da Dio, che riassume tutta la sua volontà di salvezza di avvicinarsi a noi, risponde il canto di gioia di Gerusalemme, secondo l’invito del profeta”.

    “Dio – ha detto ancora - non ha abbandonato il suo popolo e non si è lasciato sconfiggere dal male, perché Egli è fedele, e la sua grazia è più grande del peccato. Questo dobbiamo impararlo, eh? Perché noi siamo testardi! E non impariamo questo. Ma io farò la domanda: chi è più grande, Dio o il peccato? Chi? (Rispondono: “Dio!”). Ah, non siete convinti, eh! Non sento bene! (Rispondono: “Dio!”). Dio! E chi vince alla fine? Dio o il peccato? (Rispondono: “Dio!”). E Dio è capace di vincere il peccato più grosso? Anche il peccato più vergognoso? Anche il peccato che è terribile, il peggiore dei peccati, è capace di vincerlo? (Rispondono: “Si!”). E questa domanda non è facile, vediamo se tra voi c’è una teologa o un teologo per rispondere: con che arma vince Dio il peccato? (Rispondono: “L’amore!”) Oh, bravi! Tanti teologi! Bravi! Questo vuol dire che ‘Dio regna’; sono queste le parole della fede in un Signore la cui potenza si china sull’umanità per offrire misericordia e liberare l’uomo da ciò che sfigura in lui l’immagine bella di Dio. Perché quando siamo nel peccato l'immagine di Dio è sfigurata. E il compimento di tanto amore sarà proprio il Regno instaurato da Gesù, quel Regno di perdono e di pace che noi celebriamo con il Natale e che si realizza definitivamente nella Pasqua. La gioia più bella del Natale è quella gioia di pace, il Signore ha cancellato i miei peccati, è venuto a salvarmi, è questa la gioia del Natale”.

    “Sono questi, fratelli e sorelle, i motivi della nostra speranza. Quando tutto sembra finito, quando, di fronte a tante realtà negative, la fede si fa faticosa e viene la tentazione di dire che niente più ha senso, ecco invece la bella notizia portata da quei piedi veloci: Dio sta venendo a realizzare qualcosa di nuovo, a instaurare un regno di pace; Dio ha ‘snudato il suo braccio’ e viene a portare libertà e consolazione. Il male non trionferà per sempre, c’è una fine al dolore. La disperazione è vinta, perché Dio è tra noi. E anche noi siamo sollecitati a svegliarci, come Gerusalemme, secondo l’invito che le rivolge il profeta; siamo chiamati a diventare uomini e donne di speranza, collaborando alla venuta di questo Regno fatto di luce e destinato a tutti. Uomini e donne di speranza, quanto è brutto però quando troviamo un cristiano senza speranza, che non è più capace di sperare in qualcosa, ma Dio abbatte questi muri e ridona la speranza. Il messaggio della Buona Notizia che ci è affidato è urgente, dobbiamo anche noi correre come il messaggero sui monti, perché il mondo non può aspettare, l’umanità ha fame e sete di giustizia, di verità, di pace”.

    “E vedendo il piccolo Bambino di Betlemme, i piccoli del mondo sapranno che la promessa si è compiuta, il messaggio si è realizzato. In un bimbo appena nato, bisognoso di tutto, avvolto in fasce e deposto in una mangiatoia, è racchiusa tutta la potenza del Dio che salva. Bisogna aprire il cuore, Natale è un giorno per aprire il cuore, a tanta piccolezza e a tanta meraviglia. È la meraviglia di Natale, a cui ci stiamo preparando, con speranza, in questo tempo di Avvento. È la sorpresa di un Dio bambino, di un Dio povero, di un Dio debole, di un Dio che abbandona la sua grandezza per farsi vicino a ognuno di noi”.

    Nel corso dell’incontro, da vari gruppi sono stati rivolti al Papa auguri per gli 80 anni che compirà sabato. Nel ringraziare, Francesco, scherzando, ha detto che “al mio Paese, fare gli auguri prima del compleanno porta male e chi li fa è iettatore”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/12/2017 12:15:00 VATICANO
    Papa: Avvento, la domenica della gioia. Appello e preghiera per sei suore rapite in Nigeria

    All’Angelus, papa Francesco prega per le suore e tutti i rapiti: “possano, in occasione del Natale, ritornare finalmente alle loro case”. Attendere il Signore che viene con Una “gioia costante”, una “preghiera perseverante”, un “continuo rendimento di grazie”. Ai bambini degli oratori romani, per la benedizione dei “Bambinelli”: “Se togliamo Gesù, che cosa rimane del Natale? Una festa vuota”. Gli auguri di buon compleanno a papa Francesco.



    25/12/2003 vaticano - natale
    Messaggio Natalizio: Cristo ci salva da terrorismo e violenza


    16/04/2014 VATICANO
    Papa: la Risurrezione "non è l'happy end di un film", ma "una vittoria umile di Dio, che umanamente sembra un fallimento"
    "Tante volte avvertiamo orrore per il male e il dolore che ci circonda e ci chiediamo: «Perché Dio lo permette?». È una profonda ferita per noi vedere la sofferenza e la morte, specialmente quella degli innocenti!". "E' il mistero del male". Due bambini sulla jeep con Francesco.

    17/12/2013 VATICANO
    Papa: compleanno, auguri da collaboratori e quattro senza fissa dimora
    Clima "familiare" alla messa celebrata da Francesco nel giorno del suo 77mo compleanno. Dio "si è fatto storia. Dio ha voluto farsi storia. E' con noi. Ha fatto il cammino con noi". "Ma qual è il cognome di Dio? Siamo noi, ognuno di noi. Lui prende da noi il nome per farlo il suo cognome. 'Io sono il Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe, di Pedro, di Marietta, di Armony, di Marisa, di Simone, di tutti!'.

    17/12/2016 12:00:00 VATICANO
    Papa Francesco ha 80 anni: La mia vecchiaia “tranquilla, religiosa e feconda. E anche gioiosa”

    Nel giorno del suo compleanno, papa Francesco ha fatto colazione con otto senzatetto che gli hanno regalato dei girasoli. In molte mense di Roma, al termine del pranzo viene offerto un dolce a nome del pontefice e una busta-dono. La messa con i cardinali nella cappella Paolina in Vaticano. “E’ proprio dell’amore guardare la storia”. “Nella storia [e]… nella nostra vita ci sono stati momenti bellissimi di fedeltà e momenti brutti di peccato. Ma il Signore è lì, con la mano protesa per rialzarti e dirti: ‘Vai avanti!’”. Gli auguri da tutto il mondo, in tutte le lingue.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®