23 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/05/2010, 00.00

    VATICANO-PORTOGALLO

    Papa: si illude chi pensa che la missione profetica di Fatima è conclusa



    Benedetto XVI celebra messa a Fatima, davanti a 500mila persone. Sono venuto, dice, per pregare per la nostra umanità sofferente, per affidare alla Madonna la confessione che “amo” la Chiesa e che i sacerdoti “amano” Gesù, per affidare alla protezione di Maria gli ordinati, i consacrati, i missionari.
    Fatima (AsiaNews) - “Si illuderebbe chi pensasse che la missione profetica di Fatima sia conclusa”: mentre la famiglia umana è ancora “pronta a sacrificare i suoi legami più santi sull’altare di gretti egoismi di nazione, razza, ideologia, gruppo, individuo”, la Vergine continua a offrirsi per “trapiantare nel cuore di quanti le si affidano l’Amore di Dio che arde nel suo”.
     
    E’ il 13 maggio, 93mo anniversario dell’apparizione della Madonna, 10mo della beatificazione di Giacinta e Francesco, 5° della morte di Suor Lucia e 100mo della nascita di Giacinta. Benedetto XVI celebra messa a Fatima, dove, dice, “sono venuto, perché verso questo luogo converge oggi la Chiesa pellegrinante, voluta dal Figlio suo quale strumento di evangelizzazione e sacramento di salvezza”, per pregare  “per la nostra umanità afflitta da miserie e sofferenze”, “per affidare alla Madonna l’intima confessione che «amo», che la Chiesa, che i sacerdoti «amano» Gesù e desiderano tenere fissi gli occhi in Lui, mentre si conclude quest’Anno Sacerdotale, e per affidare alla materna protezione di Maria i sacerdoti, i consacrati e le consacrate, i missionari e tutti gli operatori di bene che rendono accogliente e benefica la Casa di Dio”.
     
    Nell’immenso piazzale del santuario, a partecipare al rito ci sono, forse, 500mila persone (nella foto) che innalzano bandiere di ogni parte del mondo. C’è anche il presidente della Repubblica, Aníbal Cavaco Silva. Passa tra loro, prima della celebrazione, la lunga processione della statua della Vergine seguita da tutti i vescovi del Portogallo.
     
    Nel suo saluto a Benedetto XVI, il vescovo di Leiria-Fátima, António Augusto dos Santos Marto, esprima anche solidarietà al Papa “sotto attacco”, che non farà alcun diretto riferimento alla questione.
     
    Affida invece “al Cielo tutti i popoli e le nazioni della terra. In Dio, stringo al cuore tutti i loro figli e figlie, in particolare quanti di loro vivono nella tribolazione o abbandonati, nel desiderio di trasmettere loro quella speranza grande che arde nel mio cuore e che qui, a Fatima, si fa trovare in maniera più palpabile”. “Sì! Il Signore, la nostra grande speranza, è con noi; nel suo amore misericordioso, offre un futuro al suo popolo: un futuro di comunione con sé”.
     
    “Figlia eccelsa di questo popolo - prosegue il Papa - è la Vergine Madre di Nazaret, la quale, rivestita di grazia e dolcemente sorpresa per la gestazione di Dio che si veniva compiendo nel suo grembo, fa ugualmente propria questa gioia e questa speranza nel cantico del Magnificat: «Il mio spirito esulta in Dio, mio Salvatore». Nel frattempo Ella non si vede come una privilegiata in mezzo a un popolo sterile, anzi profetizza per loro le dolci gioie di una prodigiosa maternità di Dio, perché «di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono» (Lc 1, 47.50)”.
     
    “Ne è prova questo luogo benedetto. Tra sette anni ritornerete qui per celebrare il centenario della prima visita fatta dalla Signora «venuta dal Cielo», come Maestra che introduce i piccoli veggenti nell’intima conoscenza dell’Amore trinitario e li porta ad assaporare Dio stesso come la cosa più bella dell’esistenza umana. Un’esperienza di grazia che li ha fatti diventare innamorati di Dio in Gesù, al punto che Giacinta esclamava: «Mi piace tanto dire a Gesù che Lo amo! Quando Glielo dico molte volte, mi sembra di avere un fuoco nel petto, ma non mi brucio». E Francesco diceva: «Quel che m’è piaciuto più di tutto, fu di vedere Nostro Signore in quella luce che la Nostra Madre ci mise nel petto. Voglio tanto bene a Dio!» (Memorie di Suor Lucia, I, 42 e 126)”.
     
    “Nell’udire queste innocenti e profonde confidenze mistiche dei Pastorelli, qualcuno potrebbe guardarli con un po’ d’invidia perché essi hanno visto, oppure con la delusa rassegnazione di chi non ha avuto la stessa fortuna, ma insiste nel voler vedere. A tali persone, il Papa dice come Gesù: «Non è forse per questo che siete in errore, perché non conoscete le Scritture, né la potenza di Dio?» (Mc 12,24). Le Scritture ci invitano a credere: «Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto» (Gv 20, 29), ma Dio – più intimo a me di quanto lo sia io stesso (cfr S. Agostino, Confessioni, III, 6, 11) – ha il potere di arrivare fino a noi, in particolare mediante i sensi interiori, così che l’anima riceve il tocco soave di una realtà che si trova oltre il sensibile e che la rende capace di raggiungere il non sensibile, il non visibile ai sensi. A tale scopo si richiede una vigilanza interiore del cuore che, per la maggior parte del tempo, non abbiamo a causa della forte pressione delle realtà esterne e delle immagini e preoccupazioni che riempiono l’anima (cfr Commento teologico del Messaggio di Fatima, anno 2000). Sì! Dio può raggiungerci, offrendosi alla nostra visione interiore. Di più, quella Luce nell’intimo dei Pastorelli, che proviene dal futuro di Dio, è la stessa che si è manifestata nella pienezza dei tempi ed è venuta per tutti: il Figlio di Dio fatto uomo”.
     
    “Possano - conclude il Papa - questi sette anni che ci separano dal centenario delle apparizioni affrettare il preannunciato trionfo del Cuore Immacolato di Maria a gloria della Santissima Trinità”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/05/2010 VATICANO-PORTOGALLO
    Papa: in Portogallo, la Chiesa collabora con chi non riduce al privato la fede
    Benedetto XVI è arrivato a Lisbona, prima tappa di una visita che avrà a Fatima il suo centro. Durante il volo ha collegato al Terzo segreto la vicenda degli abusi dei preti, un fatto “realmente terrificante”. "Il Signore ha detto che la Chiesa sarà sofferente fino alla fine del mondo. E oggi questo lo vediamo in modo particolare".

    12/05/2010 VATICANO-PORTOGALLO
    Papa: a Fatima, nel mondo è grande il bisogno della testimonianza di sacerdoti “fedeli”
    Nella città mariana, Benedetto XVI nella Cappellina delle apparizioni parla del proiettile che ferì Giovanni Paolo II. Celebrando i vespri con i sacerdoti, esprime il ringraziamento a quanti hanno donato la vita a Cristo. “Grazie per la vostra testimonianza spesso silenziosa e per niente facile; grazie per la vostra fedeltà al Vangelo e alla Chiesa”.

    14/05/2010 VATICANO-PORTOGALLO
    Papa: nuove sfide per la Chiesa che “può solo essere missionaria”
    A Porto, ultima tappa della sua visita in Portogallo, Benedetto XVI sottolinea come ogni cristiano deve testimoniare nel suo ambiente Gesù. “Quanto tempo perduto, quanto lavoro rimandato, per inavvertenza su questo punto! Tutto si definisce a partire da Cristo”. Il dialogo con religioni e culture diverse per cercare di costruire la pacifica convivenza dei popoli.

    19/05/2010 VATICANO
    Papa: da Fatima un messaggio impegnativo e consolante, carico di speranza
    Esso “si proietta oltre le minacce, i pericoli e gli orrori della storia, per invitare l’uomo ad avere fiducia nell’azione di Dio, a coltivare la grande Speranza”. Ricordando il viaggio compiuto in Portogallo, Benedetto XVI di essersi sentito “spiritualmente sostenuto” da Giovanni Paolo II, che andò tre volte aL santuario per ringraziare la “mano invisibile” che lo salvò dall’attentato del 13 maggio.

    13/05/2010 VATICANO
    Papa: a Fatima consacra i sacerdoti al Cuore immacolato di Maria
    “Possa la Chiesa essere rinnovata da santi sacerdoti, trasfigurati dalla grazia di Colui che fa nuove tutte le cose”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®