23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2017, 10.52

    VATICANO

    Papa: visitare gli ammalati o dare cibo ai poveri “è già predicazione”



    Messaggio di Francesco al al Simposio internazionale sulla catechesi incorso a Buenos Aires, sul tema “Beati quelli che credono”. “Essere catechista è una vocazione di servizio nella Chiesa, un dono del Signore che cambia la vita”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Predicare, vocazione e compito del catechista, è qualcosa di molto concreto: “quando visitiamo gli ammalati, quando diamo cibo ai poveri. Ecco, questo è già predicazione”. La frase di San Francesco è ricordata da papa Francesco nel messaggio che ha inviato al Simposio internazionale sulla catechesi che si conclude domani alla Facoltà di teologia della Pontificia università cattolica argentina (UCA), a Buenos Aires.

    Nel messaggio, indirizzato a mons. Ramón Alfredo Dus, arcivescovo di Resistencia e presidente della Commissione episcopale per la catechesi e pastorale biblica, Francesco commenta il tema del Simposio “Beati quelli che credono” prendendo spunto dalla figura di San Francesco d’Assisi per affermare la “concretezza” della predicazione.

    La catechesi, scrive il Papa, non è un lavoro, ma una sorta di missione attorno alla quale ruota la vita stessa di chi affronta quest’attività. “Essere catechista è una vocazione di servizio nella Chiesa, un dono del Signore che cambia la vita. Al centro di tutto, il ‘kerygma’, l’annuncio della morte e resurrezione del Signore, centro della vita cristiana. E l'annuncio fondamentale che dovrebbe risuonare più e più volte nella vita cristiana, e ancor di più chi è chiamato a proclamare e insegnare la fede. ‘Niente è più forte, più profonda, più sicuro, più denso e più saggio che l'annuncio’ (Evangelii Gaudium, 165)”.

    E, scrive ancora Francesco, “è necessario prendersi cura di tutto il potenziale di misericordia e di amore che racchiude la religiosità popolare per la trasmissione non solo dei contenuti della fede, ma per una scuola di formazione reale”.

    Il catechista infatti “cammina da Cristo e con Cristo, non è una persona con le proprie idee e i propri gusti, ma li ha messi da parte in virtù di quello sguardo che infiamma il cuore”.

    L’attività del catechista, scrive ancora il Papa, è anche creativa e va alla ricerca di modi e mezzi differenti per annunciare Cristo. Vuol dire, conclude Francesco, essere messaggeri di quanto sia bello credere in Gesù, perché egli è “la via, la verità e la vita”, che riempie e cambia la nostra vita con gioia e letizia. E’ importante allora essere all’altezza della situazione, sempre, perché Lui è già nell'uomo di oggi.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2016 12:34:00 VATICANO
    Papa Francesco: Un Vangelo tascabile dai nonni per portare la misericordia di Dio nel cuore e nelle opere

    Copie del vangelo di san Luca sono state distribuite a tutti i presenti in modo gratuito. Imparare a memoria le opere di misericordia così “è più facile farle”. La donna adultera di fronte a Gesù: “la miseria e la misericordia, una di fronte all’altra”, come per noi quando andiamo al confessionale. “Dio non ci inchioda al nostro peccato, non ci identifica con il male che abbiamo commesso. Ci vuole liberare” per renderci “creature nuove”.



    29/05/2015 VATICANO
    Papa: nuova evangelizzazione, affrontare le “grandi sfide” del nostro tempo con un linguaggio “rinnovato” e testimoniando la fede
    La sfida della nuova evangelizzazione e della catechesi si gioca su un punto fondamentale: “come incontrare Cristo, qual è il luogo più coerente per trovarlo e per seguirlo”. “La domanda su come stiamo educando alla fede, pertanto, non è retorica, ma essenziale. La risposta richiede coraggio, creatività e decisione di intraprendere strade a volte ancora inesplorate”.

    03/01/2018 10:27:00 VATICANO
    Papa: L’atto penitenziale, il coraggio di togliere la maschera e aprirsi alla grazia che rinnova il cuore

    Alla prima catechesi del nuovo anno, papa Francesco spiega i gesti e le parole del rito di introduzione della messa. “Fare i conti con la nostra debolezza, ci apre il cuore a invocare la misericordia divina che trasforma e converte”. Battersi il petto significa riconoscere che “ho peccato proprio per colpa mia, e non di altri”. Si pecca di “omissioni”: “non basta non fare del male al prossimo, occorre scegliere di fare il bene”.



    10/08/2016 10:52:00 VATICANO
    Papa: Alla Porta santa, Gesù ti dice “Alzati!”. “Con il cuore guarito faccio opere di misericordia”

    All’udienza generale in aula Paolo VI, papa Francesco applica il miracolo per la vedova di Nain al cambiamento di ogni persona che passa attraverso la Porta santa. “Avviandoci alla Porta della Misericordia, ognuno sa di avviarsi alla porta del cuore misericordioso di Dio, di Gesù”. “Questa è la Porta dell’incontro tra il dolore dell’umanità e la compassione di Dio”. Dal cambiamento del “cuore” alle “mani” che compiono “opere di misericordia”. Porte sante “in entrata” e “in uscita”.



    03/04/2016 11:13:00 VATICANO
    Papa Francesco: Vangelo di misericordia, un libro aperto da scrivere con gesti concreti di amore

    Nella domenica della Divina Misericordia, Francesco chiede a ogni fedele di diventare “scrittore vivente del vangelo” praticando le opere di misericordia corporale e spirituale, “che sono lo stile di vita del cristiano”. Essere “apostoli di misericordia” toccando e accarezzando le piaghe “presenti anche oggi nel corpo e nell’anima di tanti fratelli e sorelle”. La Chiesa è “portatrice della pace” del Risorto, una pace “che non divide, ma unisce”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®