19 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/09/2006
VATICANO – ISLAM
Papa: "vivamente rammaricato" per reazione islamici, ma io non li ho offesi
Benedetto XVI torna sull'interpretazione data al suo discorso a Regensburg per spiegare che non ha criticato la religione islamica e, naturalmente, non chiede scusa.

Castel Gandolfo (AsiaNews) – Il Papa è "veramente rammaricato" per le reazioni sucitate nel mondo islamico dal discorso pronunciato all'Università di Regensburg, che non voleva offendere i credenti musulmani. Benedetto XVI, come ci si aspettava, ha parlato, prima della recita dell'Angelus, delle reazioni del mondo musulmano alle sue parole, ha chiarito che l'ormai famosa citazione contro Maometto non esprime il suo pensiero (il che è peraltro chiaro dal contesto), ha rinviato alla dichiarazione di ieri del cardinale segretario di Stato, Tarcisio Bertone, ma non ha chiesto scusa. Farlo, come chiedono governi e folle islamici, avrebbe avuto il senso di un'ammissione di colpa, dando in pratica ragione a chi contesta, laddove Benedetto XVI e il Vaticano insistono sul fatto che il discorso non è stato compreso e che esso non contiene un attacco all'Islam.

Il Papa, negando di riconoscersi in quella che era, e resta, una citazione nel contesto di una vera e propria lezione accademica ha fatto probabilmente la concessione massima alle richieste islamiche, nella speranza, ha detto, che serva a "placare gli animi".

Accolto dalle tremila persone che, malgrado la pioggia sulla quale il Papa ha anche scherzato (acqua - ha detto - è anche segno dello Spirito Santo", ma, ha aggiunto "speriamo che mercoledì il tempo migliori"), l'hanno accolto con particolare calore, Benedetto XVI ha parlato dell'appena concluso viaggio in Baviera, sul quale, ha detto, si fermerà più diffusamente nell'udienza di mercoledì prossimo. "il viaggio apostolico in Baviera, che ho compiuto nei giorni scorsi – ha detto - è stato una forte esperienza spirituale, nella quale si sono intrecciati ricordi personali, legati a luoghi a me tanto familiari, e prospettive pastorali per un efficace annuncio del Vangelo nel nostro tempo. Ringrazio Dio per le interiori consolazioni che mi ha dato di vivere e sono riconoscente, al tempo stesso, a tutti coloro che hanno attivamente lavorato per la riuscita di questa mia visita pastorale. Di essa, come è ormai consuetudine, parlerò più diffusamente durante l'Udienza generale di mercoledì prossimo".

"In questo momento – ha proseguito - desidero solo aggiungere che sono vivamente rammaricato per le reazioni suscitate da un breve passo del mio discorso nell'Università di Regensburg, ritenuto offensivo per la sensibilità dei credenti musulmani, mentre si trattava di una citazione di un testo medioevale, che non esprime in nessun modo il mio pensiero personale. Ieri – ha aggiunto - il Signor Cardinale Segretario di Stato ha reso pubblica, a questo proposito, una dichiarazione in cui ha spiegato l'autentico senso delle mie parole. Spero che questo valga a placare gli animi e a chiarire il vero significato del mio discorso, il quale nella sua totalità era ed è un invito al dialogo franco e sincero, con grande rispetto reciproco".

Le parole del Papa sono state più volte interrotte, molto calorosamente, dagli applausi dei presenti, che sembravano voler esprimere particolare vicinanza al Papa oggetto di attacchi e critiche non solo dal mondo musulmano, ma anche, ad esempio, da gruppi che trovano eco nel New York Times.

Nella dichiarazione di ieri, alla quale il Papa ha fatto riferimento, il card. Bertone ha affermato tre punti:  "La posizione del Papa sull'Islam è inequivocabilmente quella espressa dal documento conciliare Nostra Aetate: "La Chiesa guarda con stima i musulmani, che adorano l'unico Dio, vivente e sussistente, creatore del cielo e della terra, che ha parlato agli uomini"; che "L'opzione del Papa in favore del dialogo interreligioso e interculturale è altrettanto inequivocabile. Nell'incontro con i rappresentanti di alcune comunità musulmane a Colonia, il 20 agosto 2005, Egli ha detto che tale dialogo fra cristiani e musulmani "non può ridursi a una scelta stagionale", aggiungendo: "Le lezioni del passato devono servirci ad evitare di ripetere gli stessi errori. Noi vogliamo ricercare le vie della riconciliazione e imparare a vivere rispettando ciascuno l'identità dell'altro"; ed infine che "quanto al giudizio dell'imperatore bizantino Manuele II Paleologo, da Lui riportato nel discorso di Regensburg, il Santo Padre non ha inteso né intende assolutamente farlo proprio, ma lo ha soltanto utilizzato come occasione per svolgere, in un contesto accademico e secondo quanto risulta da una completa e attenta lettura del testo, alcune riflessioni sul tema del rapporto tra religione e violenza in genere e concludere con un chiaro e radicale rifiuto della motivazione religiosa della violenza, da qualunque parte essa provenga".

La dichiarazione ricordava anche quanto lo stesso Benedetto XVI ha recentemente affermato nel Messaggio commemorativo del XX anniversario dell'incontro interreligioso di preghiera per la pace voluto da Giovanni Paolo II ad Assisi nell'ottobre del 1986: " … le manifestazioni di violenza non possono attribuirsi alla religione in quanto tale, ma ai limiti culturali con cui essa viene vissuta e si sviluppa nel tempo … Di fatto, testimonianze dell'intimo legame esistente tra il rapporto con Dio e l'etica dell'amore si registrano in tutte le grandi tradizioni religiose". (FP)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/09/2006 ISLAM – VATICANO
Il mondo islamico tra pretese di scuse e richieste di chiarimenti per le parole di Benedetto XVI
18/09/2006 ISLAM – VATICANO
Ma per l'Islam radicale le spiegazioni del Papa non bastano
18/09/2006 Libano
In Libano, voci moderate invitano a leggere ciò che veramente ha detto il Papa
12/09/2006 VATICANO - GERMANIA
Papa: Fede e ragione per sfuggire alla violenza e al suicidio dell' Illuminismo
di Benedetto XVI
23/09/2011 VATICANO - GERMANIA
Papa in Germania: Con cristiani, ebrei e musulmani per testimoniare Dio nel mondo
Articoli del dossier
VATICANO - GERMANIA
Papa: Fede e ragione per sfuggire alla violenza e al suicidio dell' Illuminismo
vaticano - islam
Il discorso del papa, una mano tesa all'Islam perché non affoghi
INDIA
Mumbai, "inutile e manipolata" la polemica sul Papa e l'Islam
VATICANO
Vaticano: "Papa preoccupato solo dalla motivazione religiosa della violenza"
turchia - vaticano
Vicario dell'Anatolia: Le parole del Papa strumentalizzate dai nazionalisti islamici
TURCHIA-VATICANO
Nazionalisti islamici turchi in campo contro la visita di Benedetto XVI
ISLAM – VATICANO
Il mondo islamico tra pretese di scuse e richieste di chiarimenti per le parole di Benedetto XVI
INDIA
Card. Toppo: "Verità, coraggio e preghiera di fronte alle proteste islamiche"
islam - vaticano
Colpite due chiese a Nablus. Continuano le critiche dei paesi islamici al papa
vaticano - islam
Il Papa dispiaciuto, riafferma la stima per l'Islam e il rifiuto della violenza
turchia - vaticano
A rischio il viaggio del papa in una Turchia che perde sempre più la sua laicità
islam - vaticano
Prime voci equilibrate nel coro di critiche e violenze al discorso del Papa
iran - vaticano
A Teheran non tutti seguono gli ayatollah nel criticare il papa
INDIA
Leader musulmani indiani: "Grande gesto di pace da parte del Papa"
PAKISTAN
Vescovi pakistani : "Il Papa desidera solo armonia fra le religioni"
TURCHIA – VATICANO
I vescovi turchi confermano, il viaggio di Benedetto XVI si farà
Libano
In Libano, voci moderate invitano a leggere ciò che veramente ha detto il Papa
VATICANO - ISLAM
Il papa e il terrorismo d'oriente e d'occidente
ISLAM – VATICANO
Ma per l'Islam radicale le spiegazioni del Papa non bastano
Islam – Israele
Importa al mondo musulmano l'opinione del papa cristiano sull'Islam
PALESTINA - VATICANO
Palestina: guardie armate nelle chiese di Betlemme, ma i cristiani sono a fianco del papa
ISLAM - VATICANO
Nell'islam in "collera" contro il Papa si moltiplicano gli inviti al dialogo
SIRIA - VATICANO
Il gran muftì di Siria giudica "più che sufficiente" la spiegazione data dal Papa
PAKISTAN - VATICANO
In Pakistan cristiani e musulmani studiano insieme il testo del discorso del Papa
FILIPPINE – ISLAM
Fede sincera e dialogo, uniche vie per la pace fra cristiani e musulmani
VATICANO-ISLAM
Papa: sull'islam sono stato frainteso, ora divenga occasione di dialogo
LIBANO - VATICANO
Per la Giornata della pace, i vescovi libanesi invitano a superare le polemiche sul Papa
IRAN - VATICANO
Ahmadinejad proclama rispetto per il Papa, ma in Iran c'è una strana coalizione anti-cattolica
VATICANO-ISLAM
Il Papa si prepara a incontrare gli ambasciatori di tutti i Paesi islamici
VATICANO
Papa: suor Leonella Sgorbati autentica testimone cristiana
BANGLADESH - VATICANO
I vescovi del Bangladesh difendono il papa "frainteso"
iraq - vaticano
Musulmani radicali contro il papa: attentati a due chiese a Mosul e Baghdad
ISLAM-VATICANO
Il Papa con gli ambasciatori: molti "bene" e qualche "ma" dal mondo islamico
FILIPPINE
Manila, deputato musulmano invita "a capire il Papa, non criticarlo"
VATICANO – ISLAM
Papa: "una necessità vitale" il dialogo tra cristiani e musulmani

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate