14/07/2015, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Parte il Kumbh Mela, attesi 10 milioni di pellegrini indù in due mesi

Il chief minister del Maharashtra e il ministro degli Interni hanno inaugurato le celebrazioni. Aumentate le misure di sicurezza per evitare incidenti legati alla grande calca. Presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) denuncia il diverso atteggiamento del governo nei confronti di analoghi raduni cristiani.

Mumbai (AsiaNews) – È partito questa mattina a Nashik (Maharashtra) il Kumbh Mela, uno dei più grandi pellegrinaggi della religione indù. Devendra Fadnavis, chief minister dello Stato, ha presenziato alle celebrazioni d’apertura a Nashik, mentre il ministro degli Interni Rajnath Singh ha inaugurato i riti a Trimbakeshwar. Entrambe le località si trovano sulle sponde del fiume sacro Godavari. Da oggi fino al 25 settembre, quando si concluderà il raduno, è previsto l’arrivo di circa 10 milioni di pellegrini.

Il Kumbh Mela è un pellegrinaggio indù che avviene ogni tre anni a rotazione in quattro località diverse: Allahabad (Prayag), Haridwar, Ujjain e Nashik. Ogni 12 anni, al termine di un ciclo completo, ad Allahabad ha luogo il Maha Kumbh Mela (il “grande” Kumbh Mela) che, attirando decine di milioni di persone, è considerato il più grande raduno di massa al mondo.

Ciascun pellegrinaggio dura un mese e mezzo e il momento più importante è l’abluzione rituale nel fiume sacro: il Sangam ad Allahabad, il Gange ad Haridwar, lo Shipra a Ujjain e il Godavari a Nashik. All’ultimo Maha Kumbh Mela, avvenuto nel 2013, più di 100 milioni di pellegrini vi hanno partecipato.

Data l’alta affluenza a questi eventi, le autorità hanno aumentato le misure di sicurezza. In particolare, l’obiettivo è di evitare incidenti legati al gran numero di persone, che in passato – più volte – ha causato decine di morti.

Contattato da AsiaNews Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), dichiara: “Simili mega eventi religiosi sono i benvenuti nell’India secolare. Tuttavia, le credenziali laiche vengono distorte a seconda di chi organizza tali raduni. Per questo Kumbh Mela il governo ha investito migliaia di rupie per installare 700 telecamere a circuito chiuso, e predisposto tutto per l’accoglienza dei pellegrini, anche stranieri”.

“Al contrario – nota – molto spesso in occasione di raduni cristiani, gli organizzatori ricevono sanzioni amministrative, e i visti per i partecipanti stranieri vengono negati per timore di ‘proselitismo’. In aggiunta, simili mega festival indù possono essere l’occasione per diffondere molta retorica anticristiana, con attacchi al vetriolo all’apostolato dei missionari cristiani. La politicizzazione della religione e l’intolleranza all’interno delle comunità sono spesso conseguenze di questi raduni”. (NC)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Inizia il Kumbh Mela, ad Allahbad attesi 50 milioni di indù
03/01/2007
Elezioni in India: caste e islam distorti a scopo politico
26/02/2019 12:55
India: pellegrinaggi e pseudo-scienza al servizio delle elezioni
15/01/2019 12:14
Allahabad: 36 persone muoiono schiacciate da 150mila pellegrini del Maha Kumbh Mela
11/02/2013
Il Maha Kumbh Mela, uno spettacolo di estremismo e violenza
15/01/2013