08/04/2021, 12.46
BANGLADESH
Invia ad un amico

Pasqua, 300 battesimi nella diocesi di Rajshahi

di Sumon Corraya

Nel nord del Paese tanti catecumeni tribali hanno ricevuto il sacramento durante i riti della Settimana Santa. I loro racconti:  "In passato, adoravo la natura, il sole e gli alberi, ora invece posso rivolgermi direttamente a Gesù. La vita dei cristiani è semplice: amano gli altri". 

Rajshahi (AsiaNews) - In occasione della Pasqua oltre 300 persone sono state battezzate in diverse parrocchie della diocesi di Rajshahi, nel nord del Bangladesh. Per la maggior parte si tratta di persone adulte in una regione dove i missionari, locali e stranieri, sono attivi per far crescere il Regno di Dio.

Padre Arturo Speziale, missionario del Pime, racconta ad AsiaNews di aver impiegato sette catechisti, tra cui due donne, che per tutto l'anno si sono occupati della preparazione dei nuovi credenti: "Ben 46 catecumeni hanno ricevuto il battesimo nel villaggio di Borshapara la domenica di Pasqua. I nostri catechisti stanno giocando un ruolo vitale per portarli al cristianesimo".

Padre Speziale è assistente parroco della parrocchia di Nobai Bottola nella diocesi di Rajshahi. Spiega che i suoi sette catechisti sono tribali e raggiungono i villaggi, insegnando la Bibbia e predicando nelle loro lingue. Dopo il loro passaggio, anche le suore e i sacerdoti visitano i villaggi dei catecumeni e toccano i loro cuori, così a poco a poco sempre più fedeli giungono al cristianesimo. Anche alcuni bambini di famiglie cristiane hanno ricevuto il battesimo nella stessa parrocchia a Pasqua. Ormai ottantenne, padre Speziale opera come missionario in Bangladesh da 50 anni. Racconta che i suoi catechisti stanno seguendo altre 100 famiglie: potrebbero ricevere il battesimo entro il prossimo anno.

Anche padre Michael Corraya, parroco della parrocchia di Nobai Bottola, condivide i sentimenti vissuti nell'amministrare il battesimo a persone di altre fedi: "Sono stato molto felice nel vedere degli adulti ricevere il battesimo da me. Queste persone hanno scelto liberamente il cristianesimo. In passato adoravano la natura e gli alberi; ora hanno capito l'importanza del cristianesimo e hanno ricevuto il battesimo con entusiasmo". I nuovi cristiani provengono dalle comunità tribali Santal, Orao e Paharia.

Padre Swapan Martin Purification, parroco di Bhutahara del distretto di Naogaon, racconta ad AsiaNews che nella sua parrocchia 114 adulti hanno ricevuto il battesimo nella veglia e nel giorno di Pasqua. Ha confermato che oltre 300 persone sono state battezzate nell'intera diocesi di Rajshahi.

Alcuni nuovi credenti hanno condivisio con AsiaNews le ragioni che li hanno portati ad accogliere Gesù Cristo come Signore. Subash Hembrom, un catecumeno che ha ricevuto il battesimo a Borshapara ha detto: "In passato, adoravo la natura, il sole e gli alberi. Il nostro thakur (sacerdote indù ndr) presentava alla divinità un appello a nome mio. Ora invece posso rivolgermi direttamente a Gesù e ottenere risposta nella preghiera". Hembrom ha anche raccontato che prima non conosceva le preghiere della sua vecchia religione. Adesso i catechisti hanno insegnato a lui e ai membri della sua famiglia il Padre Nostro, i dieci comandamenti e alcune altre preghiere della fede cristiana che gli piacciono molto.

Anita Akka, un'altra fedele, ha detto di apprezzare molto la vita dei cristiani. Ha spiegato: "Ho visto che la loro vita è semplice, amano gli altri. Ci insegnano l'amore e il perdono. Sono venuta a sapere che solo Gesù Cristo può darci la salvezza. Così ho ricevuto il battesimo".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Donna e catechista, la storia di Hembrom
08/03/2021 11:58
P. Speziale, il Pime e la missione sulle rive del Brahmaputra
11/04/2013
Rajshahi, inaugurata la nuova parrocchia di Khonjanpur: il Vangelo tra i tribali
02/02/2018 12:26
Gaibandha: nessuna giustizia un anno dopo l’attacco ai cristiani santal
07/11/2017 12:15
Gaibanda, centinaia di cristiani Santal ancora sfollati dopo cinque mesi
11/04/2017 16:07