26 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/04/2009
BANGLADESH
Pasqua blindata per i cattolici del Bangladesh
di William Gomes
Oltre 300mila fedeli hanno partecipato alla messa di domenica nella capitale e nelle cinque diocesi del Paese. Durante tutto il triduo la polizia ha sorvegliato 24 ore su 24 le chiese nel timore di attentati.

Dhaka (Asia News) - Una Pasqua blindata per i cattolici del Bangladesh, piccola minoranza che rappresenta solo l’1% dei 150 milioni di abitanti del Paese a stragrande maggioranza musulmana. Oltre300mila fedeli hanno partecipato alla messa di domenica a Dhaka e nelle cinque diocesi del Paese, ma le celebrazioni durante il Triduo si sono svolte tutte sotto lo sguardo delle forze di sicurezza che hanno sorvegliato 24 ore su 24 le chiese.
 
Abu Sayed, un’ufficiale di polizia, spiega ad AsiaNews che “in tutto il Paese si ripete lo stesso scenario: la popolazione si raccoglie nei luoghi di culto, moschee e chiese, sotto la protezione della polizia” e nei periodi delle feste religiose vengono aumentati i controlli per evitare attentati, “ma non siamo in grado di garantire la sicurezza della gente nella vita di tutti i giorni”.
 
Nonostante la Pasqua non rientri nel calendario delle festività pubbliche del Bangladesh ed il clima teso che si respira nel Paese, la partecipazione alle celebrazioni della Settimana santa è stata molto elevata. Mons. Theotonius Gomes, ausiliare della capitale, afferma che si tratta di un segno del desiderio di concordia e armonia che anima molte persone: “La risurrezione riflette il messaggio di unità e pace; davanti a tutte le brutture Cristo è l’unica luce di speranza che risplende”.
 
Kazi Nurul Islam, decano del dipartimento di scienze religiose all’università di Dhaka, afferma che il clima di apprensione che si respira nel Paese può essere superato solo attraverso il dialogo interreligioso: “Dobbiamo aiutare le persone a conoscere di più le religioni e questo ci permetterà di sconfiggere il terrore e le violenze perpetrate in nome della religione”.
 
Angela Gomes, cattolica e leader dell’associazione Bachte Shekha, impegnata nell’aiuto ai bambini bisognosi, confessa che i fedeli “ormai convivono con la paura di attentati”, ma nonostante questo non rinunciano a partecipare alle celebrazioni e ad impegnarsi nelle opere di carità. Lei stessa dice: “Il sacrificio di Gesù mi spinge a vivere per gli altri ed io imparo a vivere per Cristo”. La Gomes, già premiata per il suo impegno sociale nel 1999 con il Magsaysay Award, ha condiviso le feste con i bambini della Bachte Shekha perché “spero che possano godere la gioia della Pasqua nella loro vita”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/03/2010 BANGLADESH
Dhaka, verso Pasqua riflettendo su “sacrificio, servizio e crescita spirituale"
di William Gomes
10/04/2009 BANGLADESH
Bangladesh, a Pasqua i cristiani pregano per la pace nel Paese
di William Gomes
22/07/2014 BANGLADESH
Bangladesh, 2.500 cattolici protestano per l'attacco alla chiesa di Boldipukur
di Sumon Corraya
29/03/2013 BANGLADESH
Pasqua in Bangladesh, la conversione di un musulmano “per testimoniare Cristo” agli altri
di Sumon Francis Gomes
07/04/2010 BANGLADESH
Cristiani bangladeshi, la Pasqua sia “presto” festa nazionale
di William Gomes
Articoli del dossier
SRI LANKA
Vescovi dello Sri Lanka: Preghiere a Cristo risorto per la pace e l'unità del Paese
INDIA
Mons. Menamparampil: Pasqua, la verità è la strada della pace fra i popoli
VIETNAM
Pasqua della solidarietà nel Vietnam delle miserie e dell'emarginazione
INDIA
Vescovo dell'Orissa: Pasqua vissuta con timore per le tensioni causate dalle elezioni
IRAQ
Pasqua quasi tranquilla a Baghdad, Mosul e Bassora
VATICANO
Papa: il Risorto continua a cercare persone che lo aiutino ad affermare giustizia verità e amore
VATICANO
Papa: con la Risurrezione la luce di Dio si diffonde nel mondo e nella storia
VATICANO
Papa: contempliamo il volto che ha cambiato il mondo, rispondendo all’odio con l’amore
VATICANO
Via Crucis: Gesù continua a soffrire e morire anche oggi
PAKISTAN
La Pasqua in Pakistan: dalle chiese piene alla missione nelle carceri
HONG KONG - CINA
Ultima lettera pastorale del card. Zen alla Chiesa di Hong Kong e della Cina
THAILANDIA
Thailandia, 283 convertiti riceveranno il battesimo a Pasqua
FILIPPINE
Pasqua a Manila, baciando la croce di Gesù
TURCHIA
Pasqua fra i musulmani, nella terra di san Paolo
VIETNAM
A Pasqua duemila giovani della diocesi di Saigon si preparano a divenire cattolici

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate