30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/04/2009, 00.00

    BANGLADESH

    Pasqua blindata per i cattolici del Bangladesh

    William Gomes

    Oltre 300mila fedeli hanno partecipato alla messa di domenica nella capitale e nelle cinque diocesi del Paese. Durante tutto il triduo la polizia ha sorvegliato 24 ore su 24 le chiese nel timore di attentati.
    Dhaka (Asia News) - Una Pasqua blindata per i cattolici del Bangladesh, piccola minoranza che rappresenta solo l’1% dei 150 milioni di abitanti del Paese a stragrande maggioranza musulmana. Oltre300mila fedeli hanno partecipato alla messa di domenica a Dhaka e nelle cinque diocesi del Paese, ma le celebrazioni durante il Triduo si sono svolte tutte sotto lo sguardo delle forze di sicurezza che hanno sorvegliato 24 ore su 24 le chiese.
     
    Abu Sayed, un’ufficiale di polizia, spiega ad AsiaNews che “in tutto il Paese si ripete lo stesso scenario: la popolazione si raccoglie nei luoghi di culto, moschee e chiese, sotto la protezione della polizia” e nei periodi delle feste religiose vengono aumentati i controlli per evitare attentati, “ma non siamo in grado di garantire la sicurezza della gente nella vita di tutti i giorni”.
     
    Nonostante la Pasqua non rientri nel calendario delle festività pubbliche del Bangladesh ed il clima teso che si respira nel Paese, la partecipazione alle celebrazioni della Settimana santa è stata molto elevata. Mons. Theotonius Gomes, ausiliare della capitale, afferma che si tratta di un segno del desiderio di concordia e armonia che anima molte persone: “La risurrezione riflette il messaggio di unità e pace; davanti a tutte le brutture Cristo è l’unica luce di speranza che risplende”.
     
    Kazi Nurul Islam, decano del dipartimento di scienze religiose all’università di Dhaka, afferma che il clima di apprensione che si respira nel Paese può essere superato solo attraverso il dialogo interreligioso: “Dobbiamo aiutare le persone a conoscere di più le religioni e questo ci permetterà di sconfiggere il terrore e le violenze perpetrate in nome della religione”.
     
    Angela Gomes, cattolica e leader dell’associazione Bachte Shekha, impegnata nell’aiuto ai bambini bisognosi, confessa che i fedeli “ormai convivono con la paura di attentati”, ma nonostante questo non rinunciano a partecipare alle celebrazioni e ad impegnarsi nelle opere di carità. Lei stessa dice: “Il sacrificio di Gesù mi spinge a vivere per gli altri ed io imparo a vivere per Cristo”. La Gomes, già premiata per il suo impegno sociale nel 1999 con il Magsaysay Award, ha condiviso le feste con i bambini della Bachte Shekha perché “spero che possano godere la gioia della Pasqua nella loro vita”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/03/2010 BANGLADESH
    Dhaka, verso Pasqua riflettendo su “sacrificio, servizio e crescita spirituale"
    Nella chiesa di Santa Croce, parrocchia della capitale, oltre 120 ragazzi hanno pregato e meditato sui temi del “sacrificio, servizio e crescita della vita spirituale”. Un seminario in tempo quaresimale per “accogliere e festeggiare Cristo risorto”. Sacerdote locale: i ragazzi apprendono i valore del dono gratuito di sé.

    10/04/2009 BANGLADESH
    Bangladesh, a Pasqua i cristiani pregano per la pace nel Paese
    L’arcivescovo di Dhaka sottolinea il desiderio di “condividere l’amore del Cristo risorto con tutti”, senza distinzioni “di casta o fede religiosa”. Alla guida dell’arcidiocesi dal ‘96, mons. Costa ha ordinato 11 preti e 2 diaconi. Parlamentare cristiano chiede che la Pasqua sia festa nazionale.

    22/07/2014 BANGLADESH
    Bangladesh, 2.500 cattolici protestano per l'attacco alla chiesa di Boldipukur
    La dimostrazione si è svolta a Mithapukur: era presente anche mons. Sebastian Tudu, vescovo della diocesi di Dinajpur dove è avvenuta la violenza. A Dhaka altri 600 cattolici formano una catena umana per manifestare contro l'aggressione. Leader cristiano: "Anche noi siamo membri di questa nazione".

    16/04/2014 MYANMAR
    Benedict Rogers: la mia Pasqua in Myanmar, terra in cui sono diventato cattolico
    Dirigente per l'Asia del Christian Solidarity Worldwide, egli racconta il legame speciale con la terra birmana e l’arcivescovo di Yangon. L’acqua come elemento di purificazione, unisce cattolici e buddisti che nel 2014 celebrano insieme le principali festività. L’universalità della Chiesa “non vuol dire uniformità”, ma valorizzare la cultura locale. La Chiesa birmana è “una Chiesa viva”.

    29/03/2013 BANGLADESH
    Pasqua in Bangladesh, la conversione di un musulmano “per testimoniare Cristo” agli altri
    Il giovane, 31 anni, riceverà il battesimo durante la veglia pasquale e diventerà cattolico. Di famiglia islamica, conosce il cristianesimo grazie alla sua futura moglie. “Prego il Signore affinché tutti i cristiani in Bangladesh possano vivere in pace e armonia con gli altri”.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®