21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2013, 00.00

    MEDIO ORIENTE – VATICANO

    Patriarca Youhanna di Antiochia: Con Papa Francesco un incontro storico e caloroso

    Fady Noun

    Tra il 26 settembre e il primo ottobre il pontefice ha incontrato il patriarca greco-ortodosso: "Uniti contro la crisi nei Paesi del Mashrek".

    Beirut (AsiaNews) - "L'incontro tra il patriarca greco-ortodosso di Antiochia, Youhanna X Yazigi e Papa Francesco in Vaticano - nella settimana tra il 26 settembre e il 1 ottobre - è stato storico e caloroso", ha annunciato ieri un comunicato rilasciato dal Patriarcato greco-ortodosso e diffuso a Beirut. Nel testo si legge: "Il patriarca di Antiochia, dei greci ortodossi e di tutto l'Oriente, Youhanna X Yazigi, si unisce e prega con la Chiesa-sorella di Roma, per la pace in Siria, in Libano, nel Mashrek e nel mondo intero".

    "La visita - precisa il comunicato, non ha avuto un carattere ufficiale, ma l'obiettivo di far conoscere all'opinione pubblica mondiale la posizione della Chiesa greco-ortodossa sulla guerra in Siria, e di unire la propria voce a quella della Santa Sede, nell'appello al dialogo come soluzione alle crisi che affliggono i Paesi del Mashrek".

    Nel corso dell'incontro, Youhanna X Yazigi ha ringraziato il papa per il suo appello alla preghiera e al digiuno in nome della pace in Siria e in tutto il mondo.

    Il patriarca, allo stesso modo, ha reso partecipe il Santo Padre del "dolore" che affligge il suo popolo a seguito del rapimento dei due vescovi: Youhanna Ibrahim (dei siro-ortodossi) e Boulos Yazigi (fratello del patriarca stesso e vescovo di Aleppo), dei quali non si hanno notizie da cinque mesi. Youhanna X Yazigi ha chiesto la loro liberazione e quella "di tutti gli ostaggi", e ha invocato "la misericordia divina per i sacerdoti che hanno donato il proprio sangue e la propria consolazione per tutti i cuori affranti".

    Di fronte al patriarca, il Papa ha riaffermato "la propria opposizione a tutte le forme di estremismo, di violenza e di terrore, oltre al proprio appello per una soluzione politica pacifica [...] come sola garante della sopravvivenza dei cristiani e dei loro compatrioti nella Madrepatria [...] e di una vita degna, fondata sulla cittadinanza, l'accettazione reciproca e la condivisione".

    Per consolidare i legami fraterni tra il Patriarcato di Antiochia dei greci-ortodossi e la Santa Sede, il patriarca Youhanna X Yazigi ha incontrato molti alti responsabili della Chiesa cattolica, ai quali ha espresso "la necessità di camminare verso l'unità".

    È così che ha incontrato il Segretario dello Stato Vaticano, il cardinal Bertone, ringraziandolo soprattutto "per la saggia decisione di aver mantenuto nel ruolo di Nunzio apostolico a Damasco Mario Zenari, testimone diretto dei problemi che affliggono musulmani e cristiani".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/12/2012 LIBANO - ORTODOSSI
    Presidente libanese al nuovo Patriarca ortodosso: Assicurare una vita degna ai cristiani d'Oriente
    Nel saluto a Youhanna X Yazigi, Michel Sleiman parla dei problemi dei cristiani in Iraq, Siria, Palestina e Israele. Un appello ai leader arabi per difendere le minoranze cristiane, portatrici di sviluppo e civiltà.

    18/12/2012 SIRIA - LIBANO
    Youhanna X è il nuovo patriarca della Chiesa greco-ortodossa di Antiochia
    Giovane, ha 57 anni, è stato eletto ieri. Le sue prime dichiarazioni, rese nel corso di una conferenza stampa, hanno visto l'affermazione del diritto dei cristiani a restare in Medio Oriente, dell'importanza del dialogo con le altre Chiese e con i musulmani. "I cristiani - ha detto - restano. Questa terra è la loro".

    30/06/2015 LIBANO - MEDIO ORIENTE
    L’ecumenismo del sangue e le divisioni fra gli ortodossi
    Mentre in tutto il Medio oriente i cristiani, cattolici e ortodossi, sono perseguitati, il Patriarcato ortodosso di Antiochia ha deciso di rompere la comunione con il Patriarcato ortodosso di Gerusalemme. Le rivalità non sono teologiche, ma di giurisdizione sui fedeli del Qatar. Il Sinodo pan-ortodosso frenato dalle gelosie degli ortodossi russi. L’importanza di una data comune per celebrare la Pasqua.

    12/08/2017 12:13:00 LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.



    16/11/2015 LIBANO
    Chiese orientali: I governi del Medio Oriente non possono più garantire pace e sicurezza
    Gli attacchi sanguinosi di Parigi (e Beirut) nel comunicato finale della sessione annuale dell’Apecl. Patriarchi e vescovi chiedono alle potenze mondiali di elaborare “soluzioni pacifiche” ai conflitti, garantendo l’unità territoriale. Collaborazione pastorale fra Chiese orientali, nullità del matrimonio ed elezione del presidente gli altri temi al centro dei lavori.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®