24 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2006
RUSSIA
Patriarcato di Mosca giustifica l'uccisione del terrorista Basayev

Sulla situazione in Cecenia il Segretario per i rapporti Chiesa-Stato sottolinea che Mosca non conduce una campagna anti-islamica e aggiunge: il modo migliore per difendersi dalle distorsioni dell'Islam è l'educazione religiosa.



Mosca (AsiaNews/Agenzie) – Il patriarcato di Mosca ritiene del tutto giustificata l'operazione delle forze speciali russe che ha portato all'uccisione del Bin Laden ceceno Shamil Basayev, responsabile di attentati come quello a Beslan. "Nella Chiesa ortodossa russa non si è mai messo in dubbio il diritto del potere secolare di usare la forza per difendere i cittadini dal male militante", ha dichiarato ieri p. Mikhail Dudko, segretario per i rapporti Chiesa-Stato del Dipartimento per le relazioni esterne del Patriarcato di Mosca.

Secondo quanto reso noto ieri dal responsabile dei servizi di sicurezza, Nikolai Patrushev, Basayev è stato ucciso nella notte del 9 luglio in un raid delle forze speciali russe in Inguscezia. Diversa la versione della guerriglia indipendentista cecena, che conferma la morte del leader, ma per un incidente: un camion carico di esplosivi saltato in aria dopo aver preso una buca. Basayev è ritenuto responsabile di numerosi attentati contro la Russia. Nel settembre 2004 rivendicò la presa di ostaggi nella scuola n° 1 di Beslan, Ossezia del nord, finito poi nel massacro di oltre 330 civili, tra i quali 186 bambini.

P. Dudko, ha tenuto a sottolineare l'importanza di "non interpretare la situazione in Cecenia come uno scontro tra Cristianesimo ed Islam". Secondo p. Dudko, è inaccettabile definire Basayev e i suoi simili come "terroristi islamici". "Noi insistiamo sul fatto che le azioni di persone come Basayev rappresentano una distorsione della dottrina islamica e che l'accusa alla Russia di condurre una guerra di religione in Caucaso è infondata".

Dudko è convinto che il mezzo migliore per difendersi dal fatto che "dietro il vessillo di uno pseudo-Islam militante si formino nuove generazioni di giovani" è l'educazione religiosa. "Come è noto - ricorda - noi sosteniamo l'introduzione di 'Fondamenti della cultura islamica' nelle regioni del Caucaso settentrionale".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/10/2004 RUSSIA
La Russia si unisce nelle sue chiese in ricordo di Beslan
03/01/2013 RUSSIA
Chiesa ortodossa: nuova eparchia nel Caucaso russo, a maggioranza musulmano
di Nina Achmatova
13/09/2004 russia
Vescovo ortodosso: "Una chiesa al posto della scuola di Beslan"
03/09/2007 RUSSIA
A Beslan il silenzio per le vittime del massacro
03/09/2005 RUSSIA
Le Madri di Beslan "credono" alle promesse di Putin

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate