Skin ADV
14 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/07/2006, 00.00

    RUSSIA

    Patriarcato di Mosca giustifica l'uccisione del terrorista Basayev



    Sulla situazione in Cecenia il Segretario per i rapporti Chiesa-Stato sottolinea che Mosca non conduce una campagna anti-islamica e aggiunge: il modo migliore per difendersi dalle distorsioni dell'Islam è l'educazione religiosa.

    Mosca (AsiaNews/Agenzie) – Il patriarcato di Mosca ritiene del tutto giustificata l'operazione delle forze speciali russe che ha portato all'uccisione del Bin Laden ceceno Shamil Basayev, responsabile di attentati come quello a Beslan. "Nella Chiesa ortodossa russa non si è mai messo in dubbio il diritto del potere secolare di usare la forza per difendere i cittadini dal male militante", ha dichiarato ieri p. Mikhail Dudko, segretario per i rapporti Chiesa-Stato del Dipartimento per le relazioni esterne del Patriarcato di Mosca.

    Secondo quanto reso noto ieri dal responsabile dei servizi di sicurezza, Nikolai Patrushev, Basayev è stato ucciso nella notte del 9 luglio in un raid delle forze speciali russe in Inguscezia. Diversa la versione della guerriglia indipendentista cecena, che conferma la morte del leader, ma per un incidente: un camion carico di esplosivi saltato in aria dopo aver preso una buca. Basayev è ritenuto responsabile di numerosi attentati contro la Russia. Nel settembre 2004 rivendicò la presa di ostaggi nella scuola n° 1 di Beslan, Ossezia del nord, finito poi nel massacro di oltre 330 civili, tra i quali 186 bambini.

    P. Dudko, ha tenuto a sottolineare l'importanza di "non interpretare la situazione in Cecenia come uno scontro tra Cristianesimo ed Islam". Secondo p. Dudko, è inaccettabile definire Basayev e i suoi simili come "terroristi islamici". "Noi insistiamo sul fatto che le azioni di persone come Basayev rappresentano una distorsione della dottrina islamica e che l'accusa alla Russia di condurre una guerra di religione in Caucaso è infondata".

    Dudko è convinto che il mezzo migliore per difendersi dal fatto che "dietro il vessillo di uno pseudo-Islam militante si formino nuove generazioni di giovani" è l'educazione religiosa. "Come è noto - ricorda - noi sosteniamo l'introduzione di 'Fondamenti della cultura islamica' nelle regioni del Caucaso settentrionale".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/10/2004 RUSSIA
    La Russia si unisce nelle sue chiese in ricordo di Beslan

    Alessio II: "Solo la preghiera può dare la forza di continuare a vivere".



    03/01/2013 RUSSIA
    Chiesa ortodossa: nuova eparchia nel Caucaso russo, a maggioranza musulmano
    Il Santo Sinodo ha istituito la nuova diocesi di Makhachkala e Grozny che comprende le repubbliche di Daghestan, Inguscezia e Cecenia, teatro ancora di attentati e degli scontri tra forze federali e gruppi fondamentalisti. Analisti: così il Patriarca vuole rimodellare la struttura della Chiesa sulla base delle sfide sociali e politiche della Federazione.

    13/09/2004 russia
    Vescovo ortodosso: "Una chiesa al posto della scuola di Beslan"


    03/09/2007 RUSSIA
    A Beslan il silenzio per le vittime del massacro
    Oltre 4mila persone sfilano davanti alla croce di legno posta nella palestra della scuola n° 1, dove tre anni fa sono morte 331 persone nell’assalto delle forze di sicurezza russe. Preghiere in tutte le chiese ortodosse e cattoliche. Il Comitato delle Madri scrive a Putin: “Venga a Beslan e ci racconti la verità”.

    03/09/2005 RUSSIA
    Le Madri di Beslan "credono" alle promesse di Putin

    Alle "dure domande" delle donne in visita al Cremlino il presidente russo ha detto di non avere ancora risposta, ma ha assicurato che "verrà svelata la verità".





    In evidenza

    CUBA-VATICANO-ORTODOSSI
    L’incontro fra Francesco e Kirill a Cuba: Finalmente! Siamo fratelli, abbiamo tutto in comune



    Atmosfera distesa e fraterna nel primo incontro dopo secoli fra il papa e il patriarca di Mosca. Due ore di colloquio in privato, poi la firma della Dichiarazione comune. Un grazie a Raul Castro: “Se continua così Cuba sarà la capitale dell’unità”. Un impegno per difendere i cristiani nel mondo e sostenere “le fondamenta della morale, della famiglia e della persona”.


    VATICANO – CUBA – ORTODOSSI
    Francesco e Kirill: Ortodossi e cattolici uniti, per i cristiani perseguitati e l’Occidente secolarizzato



    Nella Dichiarazione comune firmata a l’Avana, il papa e il patriarca di Mosca sottolineano i “mali” del mondo e la necessità per i cristiani di dare testimonianza comune. Il matrimonio naturale, composto da uomo e donna; il diritto alla vita; la necessità del dialogo interreligioso; lo scandalo della divisione. Un appello per la fine della persecuzione religiosa, per la pace in Ucraina e per l’unità “fatta di gesti concreti”. Il testo completo della Dichiarazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®