1 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/10/2008
CINA
Pechino, cyber-navigatori fotografati e schedati
Un provvedimento impone agli internet cafè della capitale di registrare gli utenti. Fonti governative affermano che si vuole impedire l’accesso alla rete di minori, in realtà essa appare una misura per controllare utenti e siti visitati. Deluse le attese di maggiore libertà “post-Olimpiade”.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nuovo giro di vite delle autorità cinesi verso i navigatori della rete: a partire dalla metà di dicembre, gli internet cafè di Pechino dovranno fotografare i clienti e verificare che abbiano più di 18 anni. La normativa riguarderà i 14 principali distretti della capitale, dove da anni è prassi comune registrare coloro i quali accedono a Internet: secondo le autorità, il provvesimento vuole evitare che vi siano clienti minorenni, in realtà per controllare “l’accesso alla rete e le pagine visitate” dai cyber-utenti.

In questi giorni scade il “bonus” di libertà concesso dal governo ai giornalisti stranieri in concomitanza con le Olimpiadi, che permetteva loro di accedere a siti internet “proibiti” – alcuni dei quali più volte oscurati da Pechino, come Amnesty International, i portali di informazione sul Tibet e la stessa AsiaNews – e viaggiare con più autonomia per il Paese, senza bisogno di autorizzazioni scritte. Privilegi, peraltro, concessi solo alla stampa estera e mai accordati ai numerosissimi giornalisti cinesi.

La speranza di una nuova era “post-olimpica” è svanita – poco dopo la partenza del circo mediatico legato ai Giochi – con la decisione del governo di reintrodurre il Great Firewall of China, un sistema di controllo e difesa della rete che impedisce l’accesso a siti considerati fuorilegge, sovversivi o contrari all’ordine pubblico e il contemporaneo blocco di alcune parole chiave nei motori di ricerca.

Con le nuove disposizioni gli internauti dovranno farsi “fotografare” e doovranno registrare un  “documento di identità”, prima di poter accedere alla postazione internet. Tutti i dati raccolti verranno convogliati dalle autorità in un database aggiornato periodicamente da funzionari preposti al “controllo della moralità” e al “rispetto della legge”.

Al momento non si hanno ancora reazioni o commenti sui siti e blog cinesi, una rete composta da oltre 250 milioni di utenti, un numero dieci volte maggiore rispetto al 2000. Secondo un’inchiesta condotta dal sito internet del quotidiano ufficiale del Partito comunista People’s Daily sembra emergere che “il 72% degli internauti si dice contrario alla legge”, considerandola “lesiva dei loro diritti”, mentre per il 26% può essere “utile per tutelare i minori”.

Sophie Richardson, di Human Rights Watch Asia, sottolinea che il mantenimento delle “parziali aperture fatte in occasione delle Olimpiadi” e la loro estensione ai media e ai giornalisti cinesi, sarebbe “uno dei lasciti più belli dei Giochi alla Cina”.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/08/2008 CINA
I leader mondiali accolti a Pechino. Silenzio su minacce terroriste e diritti umani
di Wang Zhicheng
14/06/2005 CINA
Cina, su Microsoft non ci sono "libertà" e "democrazia"
31/03/2008 CINA
Hu Jintao accende la torcia olimpica a Tiananmen, proteste ad Atene
22/02/2006 Cina
Cina: il disprezzo per i diritti umani "potrebbe impedire i Giochi olimpici"
10/12/2008 COREA
Diritti umani negati: operaia nord-coreana fugge dal complesso industriale di Kaesong

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate