02/01/2013, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Pechino, dissidenti “sfondano” (filmando) il cordone che isola la moglie di Liu Xiaobo

Il popolo cinese è sempre più insofferente nei confronti della repressione operata dal regime comunista: quattro dissidenti entrano in casa di Liu Xia, moglie del Premio Nobel per la pace. Nel video appare invecchiata ed impaurita.

Pechino (AsiaNews) - Quattro dissidenti cinesi hanno sfidato e vinto la repressione imposta dal regime comunista. Armati di telecamera sono riusciti a superare i controlli della polizia e a raggiungere Liu Xia, la moglie 53enne del premio Nobel per la pace Liu Xiaobo, dall'ottobre del 2010 tenuta in maniera illegale agli arresti domiciliari nel suo appartamento alla periferia di Pechino.

La donna "sconta" il Nobel per la pace, assegnato da Oslo a Liu Xiaobo per il suo impegno democratico in Cina e per la redazione e pubblicazione di "Carta 08", un documento che chiede al governo meno corruzione e maggiore partecipazione popolare nelle scelte politiche ed economiche del Paese.

Il testo - che richiama la famosa "Charta 77" di Vaclav Havel - venne firmato da decine di migliaia di persone comuni, dissidenti, attivisti e intellettuali cinesi. Per questo, Liu Xiaobo è stato arrestato e condannato nel 2009 a 11 anni di carcere duro nel nord della Cina.

Il 28 dicembre, dopo un'accurata preparazione, i quattro attivisti sono riusciti ad eludere la sorveglianza dei poliziotti che stazionano davanti all'appartamento della donna: sfruttando il cambio della guardia tra due gruppi di agenti, i dissidenti sono riusciti a parlare per qualche minuto con la donna e a filmarla. Nel video Liu Xia appare invecchiata e molto spaventata. Non parla mai rivolgendosi alla telecamera se non per chiedere ai visitatori di "andare via prima che arrivino quelli e provochino altri guai".  

La donna si rivolge anche sottovoce ai suoi visitatori, sussurrando all'orecchio di uno di loro. Dopo pochi minuti gli attivisti si sono allontanati: i quattro sono l'attivista anti-Aids Hu Jia, la blogger Liu Di, lo storico Xu Youyu e il dissidente Hao Jian. Hu Jia, che ha trascorso oltre tre anni in prigione per "sovversione", e Xu Youyu sono tra i primi firmatari del documento pro-democrazia.

Proprio Hu Jia spiega: "Questo filmato mostra la paura e l'angoscia. Liu Xia ha già perduto la speranza, le autorità l'hanno resa timorosa. Teme ritorsioni sulla sua famiglia". Per la liberazione di Liu Xiaobo si sono mobilitati 134 premi Nobel, che hanno chiesto a Pechino con una lettera aperta di "riportare la giustizia in Cina".

Secondo diversi analisti, il video mostra la "sempre maggiore insofferenza" della popolazione cinese nei confronti delle autorità. All'inizio del filmato si vedono i quattro che fisicamente spingono una porta controllata da un agente, lo spingono via e salgono le scale: un gesto che potrebbe, secondo la legge vigente, condurli tutti in galera.

Nonostante questo pericolo, si moltiplicano in Cina i gesti clamorosi di sfida all'autorità. Con il cambio della guardia nel Partito e nel governo - lo scorso novembre è stata incoronata la "Quinta generazione" di leader guidati da Xi Jinping, che entrerà in pieno possesso del potere il prossimo marzo - il popolo vuole spingere affinché il regime cambi e dia maggiore libertà e stato di diritto.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bao Tong: Liu Xiaobo è stato un grande patriota cinese
26/07/2017 12:44
I dottori ai familiari di Liu Xiaobo: Preparatevi alla sua morte
07/07/2017 08:35
Bao Tong: Il governo cinese responsabile per la mancanza di cure a Liu Xiaobo
03/07/2017 11:15
Attivisti per i diritti umani: Liu Xiaobo torturato. Pechino gli faccia scegliere dove curarsi
29/06/2017 12:19
‘Troppo tardi’ per curare Liu Xiaobo, malato di cancro terminale
27/06/2017 08:43