26/08/2019, 12.44
CINA
Invia ad un amico

Pechino, dove clonare il tuo cane per amarlo in eterno

Una compagnia cinese offre la duplicazione degli animali domestici a 50mila dollari Usa. Si prevede la clonazione di almeno 500 animali all’anno. Nel 2018 i padroni di cani hanno speso 106 miliardi di yuan (13,35 miliardi di euro) per i circa 50 milioni di amici canini, con un incremento del 20,5% rispetto all’anno precedente.

Pechino (AsiaNews/Caixin) – La Sinogene, una ditta di biotecnologia, da un anno ha aperto un nuovo mercato che si preannuncia molto redditizio: clonare i cani o altri animali domestici per evitare ai loro padroni il trauma della loro morte.

Prima della Sinogene, solo una ditta coreana offriva questo servizio a 100mila dollari Usa. La Sinogene è entrata nel mercato dimezzando i prezzi.

Fino ad ora essa ha avuto diverse decine di clienti, ma la compagnia intuisce grandi potenzialità. In Cina, nel 2018 i padroni di cani hanno speso 106 miliardi di yuan (13,35 miliardi di euro) per i circa 50 milioni di amici canini, con un incremento del 20,5% rispetto all’anno precedente e con nuovi servizi quali hotel per cani e funerali per cani.

Finora la Sinogene ha clonato 20 cani e si appresta a riprodurne altrettanti. Entro cinque anni essa prevede di giungere a clonare 500 cani per una clientela cinese e straniera. La compagnia si sta specializzando anche per clonare cavalli e sta sviluppando prodotti “bioterapeutici” per animali domestici.

Nel Paese la ricerca genetica si sta sviluppando con grande velocità. Nel 2018, un gruppo di scienziati ha clonato due scimmie. Il governo cinese sostiene la ricerca e i test sul Dna. Lo scorso anno, il prof. He Jiankui ha perfino annunciato di aver editato i geni di due bambine per renderle immuni all’Hiv. L’annuncio ha prodotto una serie di critiche sul valore etico dell’operazione. A causa di ciò, la Cina ha emesso regole restrittive sull’uso e la manipolazione del Dna umano, ma non vi è alcuna regola per le clonazioni di animali.

Finora i clienti della Sinogene non hanno espresso alcuna preoccupazione etica. Zhao Jianping, vice manager della ditta afferma: “Quando essi perdono i loro animali, desiderano soltanto che la loro vita continui”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
He Jiankui, lo scienziato manipolatore di geni, grande azionista di industrie genetiche
29/11/2018 15:28
Pechino, modificare il Dna dei bambini è ‘folle’, ‘immorale’ e ‘pericoloso’
27/11/2018 10:27
Dhaka, il ‘Robin Hood’ che salva animali abbandonati in strada
12/05/2018 08:47
Cancellato il circo dei cani danzanti perché ‘immorale’
15/12/2017 16:02
Clonate due scimmie. Timori per le conseguenze sull’uomo
25/01/2018 08:57