25 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/07/2012
CINA
Pechino, il tribunale rifiuta il ricorso di Ai Weiwei
L'appello alla corte era stato presentato a maggio. La polizia impedisce all'attivista di assistere alla comunicazione del verdetto. Dovrà pagare una multa di 2,2 milioni di euro per evasione fiscale. Ai: "Continueremo a fare ricorso finché potremo, non abbiamo nulla da perdere".

Pechino (AsiaNews/ Agenzia) - Una corte cinese respinge un ricorso da parte di Ai Weiwei, artista e dissidente cinese, sotto processo per evasione fiscale. La polizia ha impedito all'attivista di assistere alla pronuncia del verdetto. Le autorità fiscali hanno imposto ad Ai una multa di 2 milioni di euro. I suoi sostenitori dicono che la sanzione ha ragioni politiche e la corte dovrebbe annullarla.

"Continueremo a fare ricorso finché potremo, non abbiamo nulla da perdere", ha affermato Ai sul suo account Twitter, dove l'attivista informa ogni giorno i suoi fan riguardo all'andamento del processo.

Sempre dalla sua pagina del social network, l'attivista sottolinea che poco prima dell'inizio del processo i poliziotti si sono presentati davanti a casa sua, impendendogli di partecipare alla seduta. "Se non posso nemmeno apparire in tribunale - scrive - che cosa deve farmi ancora questo Paese?". Per evitare scontri le autorità hanno dispiegato centinaia di poliziotti in divisa e in borghese con il compito di controllare tutte le entrate e le uscite del tribunale, impedire l'accesso ai giornalisti e agli attivisti.

Ai Weiwei è un artista di fama internazionale, che ha collaborato all'elaborazione dello stadio olimpico "nido di rondine" a Pechino e che ha esposto alla Tate Gallery di Londra. Noto per le sue posizioni critiche nei confronti del regime comunista, è stato arrestato e tenuto in prigione per 3 mesi nel 2011 senza alcuna accusa precisa. Il suo arresto è avvenuto nel periodo in cui il governo cinese cercava di fermare possibili inizi di rivolte  manifestazioni ispirate alla "primavera araba". Dopo il rilascio è stato tenuto agli arresti domiciliari.

Subito dopo le autorità cinesi lo hanno accusato di aver evaso le tasse della sua compagnia, la Beijing Fake Cultural Development Ltd, insieme alla moglie. Ai ha definito la multa "uno scherzo" elaborato per coprire la mancanza di accuse reali contro di lui. L'appello presentato dai suoi legali punta il dito contro la Squadra di ispezione n° 2 dell'Ufficio per le tasse di Pechino, che avrebbe violato la legge nel corso delle indagini e delle perquisizioni nei suoi uffici. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/05/2012 CINA
Tribunale di Pechino accetta l'appello di Ai Weiwei
12/10/2007 CINA
Il 17° Congresso: la “società armoniosa” tradita dal Partito
di Bernardo Cervellera
19/03/2012 CINA
Il Partito comunista ha due sole scelte: crollare come l'Urss o morire come Gheddafi
di Wei Jingsheng
14/10/2011 CINA
Economia e slogan maoisti, tutto pronto per il Comitato centrale del Pcc
20/06/2011 CINA
Il Partito comunista cinese viola la legge ma colpisce se stesso
di Wei Jingsheng

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate