01 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/07/2012, 00.00

    CINA

    Pechino, niente pinne di pescecane nei banchetti del governo



    Il divieto entrerà in vigore entro tre anni. La costosa leccornia produce la morte di 70 milioni di squali all’anno. Il governo sta cercando anche di moralizzare e ridurre la spesa pubblica. Coi soldi dello Stato si comprano sigarette e alcolici pregiati. Ogni anno si spendono 25 miliardi di euro in pranzi e banchetti.

    Pechino (AsiaNews) - L'amministrazione del Consiglio di Stato per gli uffici governativi ha deciso che nei banchetti ufficiali non si servano più pinne di pescecane, considerate una costosa leccornia. La notizia ha fatto esultare diversi gruppi ecologisti, preoccupati della caccia e del consumo di pescecani, alcune specie dei quali rischiano l'estinzione.

    Secondo WildAid, un'organizzazione per la conservazione degli animali selvaggi, almeno 70 milioni di pescecani vengono uccisi ogni anno, facendo rischiare l'estinzione al 17% delle specie. I più grandi importatori di pinne di pescecani sono proprio la Cina e Hong Kong.

    Unico problema: questa direttiva sarà varata "entro tre anni", e ciò fa spazientire più di un animalista. Molti i commenti via internet: "Come è possibile - dice uno di essi - che il Consiglio di Stato impieghi tre anni per proibire le pinne di pescecane? Ecco perché ci vorranno ancora 300 anni prima di attuare delle riforme politiche in Cina!". E un altro: "Questo significa che il Consiglio di Stato suggerisce agli impiegati del governo di ingozzarsi il più possibile di pinne di pescecane per tre anni, prima che finisca la pacchia di mangiare a spese dello Stato?".

    In effetti, le direttive del Consiglio di Stato coinvolgono non solo le pinne di pescecane, ma tutte le enormi spese che le autorità sostengono per banchetti ufficiali. Secondo la tivu di Stato, i burocrati cinesi spendono ogni anno 200 miliardi di yuan per i pasti (circa 25 miliardi di euro). Tale somma sarebbe sufficiente a finanziare un'altra Diga delle Tre Gole, l'impianto idroelettrico più grande del mondo, con oltre 600 km di estensione.

    Il governo cinese lotta da tempo per una riduzione della spesa pubblica, spesso gonfiata dal consumismo dei suoi impiegati. Lo scorso marzo, il premier Wen Jiabao ha chiesto di finirla con l'uso dei soldi pubblici per comprare sigarette e alcolici pregiati. (WZC)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2011 TAIWAN
    Taiwan, pinne di pescecane: a rischio la zuppa per palati “di lusso”
    I pescatori non potranno praticare il finning (spinnamento) a bordo delle imbarcazioni. Già da qualche anno l’isola vieta di rigettare in mare i pescecani una volta spinnati. Ogni anno il finning uccide 73 milioni di squali, 4 milioni solo a Taiwan.

    19/02/2010 GIAPPONE – AUSTRALIA
    Ultimatum di Camberra al Giappone sulla caccia alle balene
    Oltre 1000 balene uccise ogni anno dal Giappone per non precisati scopi scientifici. Il premier Kevin Rudd minaccia di ricorrere al tribunale dell’Aja entro novembre per fermare la mattanza dei cetacei che rischiano di scomparire dall’Oceano Antartico. La carne dei mammiferi marini è uno dei piatti più prelibati della cucina giapponese e ha un giro d’affari annuo di milioni di euro.

    18/10/2012 CINA
    Corruzione, scandali e squilibri sociali: il popolo cinese ha paura del futuro
    Il grande sondaggio condotto dal Pew Research Forum analizza speranze e dubbi della popolazione in vista del prossimo Congresso comunista: “grandi passi avanti” compiuti dal governo ma “enormi minacce” per il futuro. L’insicurezza alimentare e le discrepanze nella crescita sono fra i timori più sentiti. Mentre aumenta l’ammirazione per i sistemi democratici occidentali.

    05/12/2012 CINA
    Per frenare scandali e corruzione, il Pcc vieta fiori e banchetti
    La nuova Commissione centrale del Politburo si riunisce e lancia una nuova campagna moralizzatrice per riguadagnare la stima della popolazione: basta allo sperpero di denaro pubblico per i tappeti rossi e le composizioni floreali in onore dei leader in viaggio. Ma il problema è la corruzione dilagante che colpisce a ogni livello il Partito e i suoi membri. Il Guangdong approva un regolamento anti-tangenti che non prevede meccanismi di controllo.

    16/04/2014 GIAPPONE
    Giappone, i cacciatori di balene vogliono tornare "presto" in mare
    Le organizzazioni nipponiche che si occupano della caccia ai cetacei hanno proposto alla comunità internazionale di cambiare il programma in cambio della ripresa delle attività. E chiedono un'ingiunzione contro il movimento ambientalista Sea Shepherd, che segue le baleniere per boicottarle in mare.



    In evidenza

    CINA – VATICANO
    Ripensare agli accordi fra Cina e Vaticano (anche con un po' di ironia)

    Il prete eremita del Nord (华北的山人神父)

    Le diverse discrepanze nelle discussioni sui rapporti fra Cina e Santa Sede. Pur non essendovi ancora alcun accordo pubblico, molti commentatori ne parlano a più non posso, come un elemento di pettegolezzo. I vescovi troppo spesso ridotti a burattini; la mancanza di fiducia reciproca fra le due parti; la questione di Taiwan: questi alcuni dei problemi delineati dal sagace autore che si firma “il prete eremita del Nord”, un sacerdote blogger molto famoso in Cina.


    BANGLADESH
    “Io, musulmano convertito al cristianesimo, respinto dalla famiglia e dalla società”

    Ismail Jaffar

    Parla ad AsiaNews Anil Gomes (nome modificato per motivi di sicurezza). L’uomo si è convertito al cristianesimo dopo aver letto una brano del Nuovo Testamento. Da quel momento ha perso ogni lavoro. Il suo corpo riporta le ferite di aggressioni e tentativi di uccisione. “Non riesco a mantenere la mia famiglia. Pregate per me”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®