3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2012
CINA
Pechino, niente pinne di pescecane nei banchetti del governo
Il divieto entrerà in vigore entro tre anni. La costosa leccornia produce la morte di 70 milioni di squali all’anno. Il governo sta cercando anche di moralizzare e ridurre la spesa pubblica. Coi soldi dello Stato si comprano sigarette e alcolici pregiati. Ogni anno si spendono 25 miliardi di euro in pranzi e banchetti.

Pechino (AsiaNews) - L'amministrazione del Consiglio di Stato per gli uffici governativi ha deciso che nei banchetti ufficiali non si servano più pinne di pescecane, considerate una costosa leccornia. La notizia ha fatto esultare diversi gruppi ecologisti, preoccupati della caccia e del consumo di pescecani, alcune specie dei quali rischiano l'estinzione.

Secondo WildAid, un'organizzazione per la conservazione degli animali selvaggi, almeno 70 milioni di pescecani vengono uccisi ogni anno, facendo rischiare l'estinzione al 17% delle specie. I più grandi importatori di pinne di pescecani sono proprio la Cina e Hong Kong.

Unico problema: questa direttiva sarà varata "entro tre anni", e ciò fa spazientire più di un animalista. Molti i commenti via internet: "Come è possibile - dice uno di essi - che il Consiglio di Stato impieghi tre anni per proibire le pinne di pescecane? Ecco perché ci vorranno ancora 300 anni prima di attuare delle riforme politiche in Cina!". E un altro: "Questo significa che il Consiglio di Stato suggerisce agli impiegati del governo di ingozzarsi il più possibile di pinne di pescecane per tre anni, prima che finisca la pacchia di mangiare a spese dello Stato?".

In effetti, le direttive del Consiglio di Stato coinvolgono non solo le pinne di pescecane, ma tutte le enormi spese che le autorità sostengono per banchetti ufficiali. Secondo la tivu di Stato, i burocrati cinesi spendono ogni anno 200 miliardi di yuan per i pasti (circa 25 miliardi di euro). Tale somma sarebbe sufficiente a finanziare un'altra Diga delle Tre Gole, l'impianto idroelettrico più grande del mondo, con oltre 600 km di estensione.

Il governo cinese lotta da tempo per una riduzione della spesa pubblica, spesso gonfiata dal consumismo dei suoi impiegati. Lo scorso marzo, il premier Wen Jiabao ha chiesto di finirla con l'uso dei soldi pubblici per comprare sigarette e alcolici pregiati. (WZC)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/07/2011 TAIWAN
Taiwan, pinne di pescecane: a rischio la zuppa per palati “di lusso”
19/02/2010 GIAPPONE – AUSTRALIA
Ultimatum di Camberra al Giappone sulla caccia alle balene
18/10/2012 CINA
Corruzione, scandali e squilibri sociali: il popolo cinese ha paura del futuro
05/12/2012 CINA
Per frenare scandali e corruzione, il Pcc vieta fiori e banchetti
di Chen Weijun
16/04/2014 GIAPPONE
Giappone, i cacciatori di balene vogliono tornare "presto" in mare

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate