20 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2012
CINA
Pechino, niente pinne di pescecane nei banchetti del governo
Il divieto entrerà in vigore entro tre anni. La costosa leccornia produce la morte di 70 milioni di squali all’anno. Il governo sta cercando anche di moralizzare e ridurre la spesa pubblica. Coi soldi dello Stato si comprano sigarette e alcolici pregiati. Ogni anno si spendono 25 miliardi di euro in pranzi e banchetti.

Pechino (AsiaNews) - L'amministrazione del Consiglio di Stato per gli uffici governativi ha deciso che nei banchetti ufficiali non si servano più pinne di pescecane, considerate una costosa leccornia. La notizia ha fatto esultare diversi gruppi ecologisti, preoccupati della caccia e del consumo di pescecani, alcune specie dei quali rischiano l'estinzione.

Secondo WildAid, un'organizzazione per la conservazione degli animali selvaggi, almeno 70 milioni di pescecani vengono uccisi ogni anno, facendo rischiare l'estinzione al 17% delle specie. I più grandi importatori di pinne di pescecani sono proprio la Cina e Hong Kong.

Unico problema: questa direttiva sarà varata "entro tre anni", e ciò fa spazientire più di un animalista. Molti i commenti via internet: "Come è possibile - dice uno di essi - che il Consiglio di Stato impieghi tre anni per proibire le pinne di pescecane? Ecco perché ci vorranno ancora 300 anni prima di attuare delle riforme politiche in Cina!". E un altro: "Questo significa che il Consiglio di Stato suggerisce agli impiegati del governo di ingozzarsi il più possibile di pinne di pescecane per tre anni, prima che finisca la pacchia di mangiare a spese dello Stato?".

In effetti, le direttive del Consiglio di Stato coinvolgono non solo le pinne di pescecane, ma tutte le enormi spese che le autorità sostengono per banchetti ufficiali. Secondo la tivu di Stato, i burocrati cinesi spendono ogni anno 200 miliardi di yuan per i pasti (circa 25 miliardi di euro). Tale somma sarebbe sufficiente a finanziare un'altra Diga delle Tre Gole, l'impianto idroelettrico più grande del mondo, con oltre 600 km di estensione.

Il governo cinese lotta da tempo per una riduzione della spesa pubblica, spesso gonfiata dal consumismo dei suoi impiegati. Lo scorso marzo, il premier Wen Jiabao ha chiesto di finirla con l'uso dei soldi pubblici per comprare sigarette e alcolici pregiati. (WZC)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/07/2011 TAIWAN
Taiwan, pinne di pescecane: a rischio la zuppa per palati “di lusso”
19/02/2010 GIAPPONE – AUSTRALIA
Ultimatum di Camberra al Giappone sulla caccia alle balene
18/10/2012 CINA
Corruzione, scandali e squilibri sociali: il popolo cinese ha paura del futuro
16/04/2014 GIAPPONE
Giappone, i cacciatori di balene vogliono tornare "presto" in mare
07/07/2010 GIAPPONE
Il tribunale di Tokyo condanna a due anni l’attivista anti - caccia alle balene

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by di Gerolamo Fazzini, 7 euro
pp. 128
by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate