28 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2012
CINA
Pechino, niente pinne di pescecane nei banchetti del governo
Il divieto entrerà in vigore entro tre anni. La costosa leccornia produce la morte di 70 milioni di squali all’anno. Il governo sta cercando anche di moralizzare e ridurre la spesa pubblica. Coi soldi dello Stato si comprano sigarette e alcolici pregiati. Ogni anno si spendono 25 miliardi di euro in pranzi e banchetti.

Pechino (AsiaNews) - L'amministrazione del Consiglio di Stato per gli uffici governativi ha deciso che nei banchetti ufficiali non si servano più pinne di pescecane, considerate una costosa leccornia. La notizia ha fatto esultare diversi gruppi ecologisti, preoccupati della caccia e del consumo di pescecani, alcune specie dei quali rischiano l'estinzione.

Secondo WildAid, un'organizzazione per la conservazione degli animali selvaggi, almeno 70 milioni di pescecani vengono uccisi ogni anno, facendo rischiare l'estinzione al 17% delle specie. I più grandi importatori di pinne di pescecani sono proprio la Cina e Hong Kong.

Unico problema: questa direttiva sarà varata "entro tre anni", e ciò fa spazientire più di un animalista. Molti i commenti via internet: "Come è possibile - dice uno di essi - che il Consiglio di Stato impieghi tre anni per proibire le pinne di pescecane? Ecco perché ci vorranno ancora 300 anni prima di attuare delle riforme politiche in Cina!". E un altro: "Questo significa che il Consiglio di Stato suggerisce agli impiegati del governo di ingozzarsi il più possibile di pinne di pescecane per tre anni, prima che finisca la pacchia di mangiare a spese dello Stato?".

In effetti, le direttive del Consiglio di Stato coinvolgono non solo le pinne di pescecane, ma tutte le enormi spese che le autorità sostengono per banchetti ufficiali. Secondo la tivu di Stato, i burocrati cinesi spendono ogni anno 200 miliardi di yuan per i pasti (circa 25 miliardi di euro). Tale somma sarebbe sufficiente a finanziare un'altra Diga delle Tre Gole, l'impianto idroelettrico più grande del mondo, con oltre 600 km di estensione.

Il governo cinese lotta da tempo per una riduzione della spesa pubblica, spesso gonfiata dal consumismo dei suoi impiegati. Lo scorso marzo, il premier Wen Jiabao ha chiesto di finirla con l'uso dei soldi pubblici per comprare sigarette e alcolici pregiati. (WZC)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/07/2011 TAIWAN
Taiwan, pinne di pescecane: a rischio la zuppa per palati “di lusso”
19/02/2010 GIAPPONE – AUSTRALIA
Ultimatum di Camberra al Giappone sulla caccia alle balene
18/10/2012 CINA
Corruzione, scandali e squilibri sociali: il popolo cinese ha paura del futuro
16/04/2014 GIAPPONE
Giappone, i cacciatori di balene vogliono tornare "presto" in mare
07/07/2010 GIAPPONE
Il tribunale di Tokyo condanna a due anni l’attivista anti - caccia alle balene

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate