2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/01/2007
CINA - TAIWAN
Pechino-Taipei: tante polemiche, ma gli scambi economici crescono
Il 2007 è iniziato con provocazioni reciproche tra i due Paesi. Ma intanto aumentano i rapporti economici e turistici. Esperti: le polemiche politiche non influiranno sugli interessi economici.

Taipei (AsiaNews/Agenzie) – L’anno è  iniziato come è finito: all’insegna della polemica tra Cina e Taiwan. Ma, più dei contrasti politici, appaiono sempre più importanti i rapporti economici e sociali, che aumentano senza sosta.

 

Nel discorso d’inizio d’anno il presidente taiwanese Chen Shui-bian ha agitato l'idea di una possibile indipendenza dell'isola, ripetendo che “solo il popolo di Taiwan ha il diritto di decidere il futuro di Taiwan”. Immediata la risposta di Pechino, con un portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwan che ha ricordato che la Cina “vigila contro ogni iniziativa secessionista”. Nei giorni successivi esponenti del governo cinese hanno sollecitato Washington a rispettare i suoi impegni con la Cina verso Taiwan, nel senso di un progressivo disimpegno.

 

Il 31 dicembre Joseph Wu Jau-shieh, presidente del Consiglio taiwanese per i rapporti con la Grande Cina, durante una teleconferenza con Kuan Hsin-chi, presidente del Partito civico di Hong Kong, ha criticato il sistema elettorale di Hong Kong dicendo che Pechino vuole impedirvi un effettivo sviluppo democratico. L’Ufficio stampa di Pechino ha risposto accusando Taiwan di collusioni con gruppi politici di Hong Kong che vogliono compromettere i rapporti con la Cina. Pechino da tempo offre a Taiwan uno status simile a quello riconosciuto a Hong Kong.

 

Nonostante i toni accesi della polemica, fra Pechino e Taipei crescono senza sosta i rapporti economici e sociali tra i due Paesi. Le imprese di Taiwan hanno fatto investimenti diretti in Cina per oltre 150 miliardi di dollari Usa e il 50% dei viaggiatori di Taiwan sono diretti nella Grande Cina.

 

Sono anche attesi importanti sviluppi in campo turistico. Ora i turisti cinesi debbono ottenere uno speciale permesso e sono consentiti voli diretti solo per le principali feste, evitando di fare sosta a Hong Kong. Gli accordi in corso vogliono consentire, entro il Nuovo anno lunare che cade il 18 febbraio, l’arrivo di oltre 1.000 turisti ogni giorno; si parla pure di consentire voli charter diretti settimanali, seppure settori del governativo Pdp si oppongono per timore che i più facili scambi possano favorire una dipendenza di fatto da Pechino.

 

Esperti attribuiscono i proclami di indipendenza di Chen all’approssimarsi delle elezioni politiche del dicembre 2007 e di quelle presidenziali per il marzo 2008. Del resto le elezioni municipali di dicembre hanno visto la vittoria del suo Partito democratico progressista, nonostante gli scandali che hanno colpito la sua famiglia e il Pdp e il rallentamento economico della Nazione, a dimostrazione che è diffuso il sentimento indipendentista.  Da tempo Chen ha annunciato per il 2007 una riforma costituzionale per dichiarare l’indipendenza di Taiwan, anche se gli oppositori politici lo accusano di volere così allontanare l’attenzione dagli scandali contro la sua famiglia e il partito. 

 

 

Da parte sua, Pechino ha visto che le minacce favoriscono solo la politica del Pdp e possono creare contrasti con gli Stati Uniti, coi quali sempre maggiori sono i legami economici e la necessità di cooperare in crisi come l’Iran e la Corea del Nord.  La Legge Anti-secessione del 2005, con la quale Pechino prevede l’uso della forza militare contro tentativi scissionisti di Taiwan, ha solo portato reazioni critiche. Ora la Cina appare attendere le elezioni presidenziali del 2008, magari sperando nella vittoria di un presidente meno ostile, come il capo del Kuomintang Ma Ying-jeou. Comunque, lo stesso Kmt ricorda che, secondo una recente indagine, oltre il 60% dei taiwanesi non si reputano cittadini cinesi. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/01/2006 CINA - TAIWAN
Ripresi i voli diretti tra Cina e Taiwan
28/09/2006 CINA – TAIWAN
Pechino furiosa: Taiwan vuole cambiare la Costituzione
25/01/2005 TAIWAN - CINA
Frank Hsieh, nuovo premier di Taiwan, per dialogare con il KMT
03/05/2007 TAIWAN
Ma Ying-jeou è il candidato dei nazionalisti alle presidenziali del 2008
16/01/2006 taiwan
Elezioni del Dpp: Yu Shyi-kunil nuovo presidente del partito

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate