04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/04/2007, 00.00

    CINA

    Pechino ammette: stanno morendo tutti i pesci dello Yangtze



    Un rapporto ufficiale parla di miliardi di tonnellate annue di rifiuti solidi e liquidi, scarichi industriali, pesticidi e fertilizzanti agricoli gettati nel corso d'acqua. Rischiano l’estinzione tutte le specie che lo abitano, anche pesci comuni come la carpa. Dal fiume proviene il 35% dell’acqua potabile del Paese.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Lo Yangtze, il più lungo fiume cinese e terzo al mondo, è molto inquinato e tutti gli organismi che ci vivono rischiano l’estinzione. Dal fiume inoltre proviene almeno il 35% dell’acqua potabile del Paese.La gravità della situazione è confermata da fonti ufficiali. Uno studio sullo Sviluppo e la protezione dello Yangtze, prima analisi del genere in Cina, condotta dall’Istituto di geografia e limnologia di Nanjing (Niglas) dell’Accademia cinese delle scienze, dal WWF internazionale e dalla Commissione per le risorse idriche del fiume Yangtze conferma il grave deterioramento dell’ambiente del fiume, definito “in gran parte irreversibile”.

    “Sono inquinati – dice Yang Guishan, direttore Niglas – oltre 600 chilometri del fiume ed è grave l’inquinamento di almeno il 30% dei maggiori tributari, come i fiumi Minjiang, Tuojiang, Xiangjiang e Huangpu”. L’inquinamento, le molte dighe costruite, l’intensa coltivazione lungo le rive con ampio uso di pesticidi e fertilizzanti,  il massiccio prelievo di acqua – aggiunge – hanno causato negli ultimi anni l’estinzione di molte specie viventi. Si ritiene estinto il baiji, il delfino bianco dello Yangtze, sopravvissuto per oltre 20 milioni di anni ma non più trovato da tempo nonostante approfondite ricerche. Ma secondo il rapporto lottano per sopravvivere persino specie comuni come la carpa. Il pescato annuale è sceso da 500mila tonnellate negli anni ’50 a circa 100mila tonnellate negli anni ’90, mentre appare significativa la mancanza di dati ufficiali più recenti. Un altro problema è il grande aumento delle alghe in molti tributari del fiume.

    Li Lifeng, direttore cinese del WWF, racconta che “molti pescatori lungo il fiume ci hanno detto che non osano mangiare i pesci presi”.

    Secondo dati ufficiali, le sole città attraversate gettano nello Yangtze almeno 14,2 miliardi di tonnellate annue di rifiuti; nel fiume confluiscono anche oltre 26 miliardi di tonnellate annue di acqua di rifiuto e di scarichi industriali. Durante la presentazione dello studio nel fine settimana a Changsha (Hunan), Wang Shucheng, ministro delle Risorse idriche, ha osservato che i problemi dello Yangtze possono ostacolare il sostenibile sviluppo della zona del Delta del fiume, che nel 2005 ha prodotto il 40% dell’intero Prodotto interno lordo cinese.

    Esperti osservano che la novità è che fonti ufficiali ammettano la gravità dell’inquinamento dello Yangtze e dicono che la situazione effettiva è molto peggiore di quanto ammesso. Oltre 11 mila fabbriche industriali sorgono sulle rive dei soli fiumi Giallo e Yangtze. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/12/2006 CINA
    Il Fiume Giallo, culla della civiltà cinese, è “morto” per oltre il 60%
    Decine di migliaia di fabbriche chimiche scaricano rifiuti tossici e nocivi. Il Paese soffre per uno sviluppo economico che ha “sacrificato l’ambiente”.

    20/01/2007 CINA
    Il governo: acqua potabile per 32 milioni di contadini, ma a non averla sono 10 volte di più
    L’acqua potabile promessa per il 2010, ma sono oltre 320 milioni a non averla e 190 milioni a bere acqua tossica. Gli interventi di Pechino ostacolati dall’inquinamento industriale e dalla scarsa collaborazione dei governi locali, più attenti alla crescita economica che all’ambiente. In pericolo il mare Bohai. Quarta parte del dossier sull’inquinamento.

    19/01/2007 CINA
    Scarichi industriali e costruzioni sulle coste: morte di un mare
    Miliardi di tonnellate di rifiuti liquidi e solidi stanno uccidendo l’interno mare Bohai. Le autorità spendono decine di miliardi per pulire il mare, ma programmano di coprire le coste con altre fabbriche e porti. Terza parte del dossier sull’inquinamento.

    05/06/2007 CINA
    Pechino incerta tra industrie inquinanti e salute dei cittadini
    A Wuxi gli organi superiori ordinano alle autorità locali di eliminare il pericoloso inquinamento dell’acqua. A Xiamen continua il braccio di ferro tra una ditta chimica e i residenti che non la vogliono. La gente teme che, esaurita la prima protesta, prevalgano gli interessi dell’industria. Intanto il Pc ammonisce che le manifestazioni pubbliche sono “sovversive”.

    13/07/2007 CINA
    Severe misure contro l'inquinamento dei laghi invasi da alghe
    Riguardano 3 grandi laghi da due mesi coperti da alghe che appestano la zona e tolgono l’acqua potabile a milioni di persone. Pechino teme anche nuove proteste sociali. Esperti: non basta intervenire sui laghi perché è inquinata l’intera regione. Intanto scoppia una polemica tra Sepa e l’Ufficio statistico sul costo dell’inquinamento.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®