26 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 18/10/2010, 00.00

    CINA

    Pechino attacca: “Il Nobel a Liu va ritirato, la Commissione chieda scusa”



    Per la prima volta dall’assegnazione del premio Nobel per la pace al dissidente Liu Xiaobo, sui media cinesi appare un riferimento alla questione. Un sondaggio del Global Times afferma che i cinesi “sono offesi” per la decisione del Comitato norvegese, ma aggiunge anche che la maggioranza “non sa nulla” del Premio. Intanto continuano a sparire i dissidenti.

    Pechino (AsiaNews) - Per i cinesi, la Norvegia e il comitato che ha assegnato il Nobel al dissidente Liu Xiaobo “dovrebbero ritirare il premio e chiedere scusa alla Cina”. Lo afferma un sondaggio pubblicato questa mattina sul Global Times, l’edizione inglese del governativo Quotidiano del popolo, dove si sostiene che 6 cinesi su 10 vogliono il ritiro del premio e le scuse di Oslo. I numeri sono chiari, ma contraddittori fra di loro: sull’argomento premio Nobel, infatti, la stampa cinese non ha ancora pubblicato alcuna notizia. Inoltre, sempre secondo il sondaggio, il 75% degli intervistati non sa chi ha vinto il Nobel.

    In ogni caso, il 43,6% degli interpellati è convinto che la ragione principale dell’assegnazione del premio al dissidente cinese in carcere va imputato alla volontà dei Paesi occidentali di fare pressioni sulla Cina. Per il 31,5%, il premio è un tentativo del comitato del Nobel di imporre in Cina valori occidentali. Il sondaggio è stato realizzato dal Global Poll Center per conto del quotidiano cinese: tra venerdì e sabato sono stati interpellati i cittadini di Pechino, Shanghai e Guangzhou.

    Per il 57% dei cinesi, il governo dovrebbe tenere Liu ancora in carcere fino alla fine della sua pena, mentre il 17,3% crede che il dissidente debba essere rilasciato fra qualche di tempo per permettergli di lasciare la Cina; soltanto il 9% chiede il rilascio immediato di Liu per permettergli di andare a Oslo a ritirare il premio. Secondo il sondaggio, però, il 75% degli intervistati non sa chi abbia vinto il premio Nobel quest’anno. L’editoriale che accompagna il sondaggio accusa inoltre l’Occidente di “voler provocare un serio scontro ideologico con la Cina”.

    Per Ni Feng, direttore dell’Institute of American Studies all’Accademia cinese di Scienze sociali, “il sondaggio dimostra come ai cinesi del premio Nobel e di Liu Xiaobo non interessi nulla, mentre interessa il prezzo delle case e gli stipendi”.

    Il governo cinese, evidentemente, la pensa in maniera diversa. Pur cercando di tenere bassa l’allerta interna riguardo al premio, infatti, Pechino ha lanciato da una settimana una tornata di repressione contro i dissidenti interni. A denunciarlo oggi sono i parenti delle persone uccise nella sanguinosa repressione delle proteste di piazza Tiananmen del 1989, che hanno condannato la polizia cinese per i rastrellamenti dei sostenitori del premio Nobel Liu Xiaobo. Tra questi c’è anche la leader delle “Madri di Tiananmen”, Ding Zilin.

    Zhang Xianling, portavoce del gruppo, dichiara: “Condanniamo con forza il governo per aver privato Ding Zilin della libertà. È un crimine: protestiamo con decisione e chiediamo al governo di liberarla il più presto possibile, dandole la possibilità di contattare i suoi amici”. I membri del gruppo non sono riusciti a contattare Ding e suo marito Jiang Peikun per quattro giorni, perché i loro telefoni non sono raggiungibili. Alcuni pensano che i due siano nella cittadina di Wuxi, nel sudest del Paese, dove hanno una casa.

    Secondo Hu Yong, professore dell'univrsità di Pechino che analizza l’impatto di internet nella società, “il Nobel a Liu Xiaobo arriva in un momento cruciale nella storia del Paese. La blogosfera è impazzita dopo l’annuncio, e questo dimostra come – nonostante la censura del governo – internet e soprattutto Twitter stiano diventando i nuovi strumenti per la comunicazione di massa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/07/2017 08:35:00 CINA
    I dottori ai familiari di Liu Xiaobo: Preparatevi alla sua morte

    Interrotte le cure contro il cancro al fegato; applicate solo le cure contro il dolore. L’invito a specialisti dagli Stati Uniti e dalla Germania è fermo per questioni burocratiche. Gli amici di Liu sospettano che le autorità vogliano abbandonarlo alla morte.



    26/06/2017 10:56:00 CINA
    Il dissidente Liu Xiaobo esce dalla prigione: è malato di cancro terminale al fegato

    Gli è stato concesso di curarsi fuori del carcere. Non cercherà trattamenti medici all’estero. Nel 2009 era stato condannato a 11 anni per “sovversione contro lo Stato”: aveva compilato il manifesto di Carta ’08. Mentre era in prigione, nel 2010 gli è stato assegnato il Premio Nobel per la pace.



    03/07/2017 11:15:00 CINA
    Bao Tong: Il governo cinese responsabile per la mancanza di cure a Liu Xiaobo

    Per il grande statista le autorità carcerarie hanno trascurato in modo deliberato la gravità della malattia per molto tempo. Un “omicidio deliberato”. Bao e altri amici domandano a Xi Jinping di liberare Liu Xiaobo con un’amnistia. Ma per il Global Times Liu deve ancora scontare la prigione perché “sovversivo”.



    29/06/2017 12:19:00 CINA
    Attivisti per i diritti umani: Liu Xiaobo torturato. Pechino gli faccia scegliere dove curarsi

    Appello alla comunità internazionale perché offra cure mediche e accoglienza alla famiglia. La privazione di cure mediche è una forma di tortura che mette in pericolo la vita delle persone. Da maggio, la moglie chiedeva fosse permesso a Liu di curarsi all’estero. Attivista pro-democrazia: “La sua miglior possibilità è un trapianto di fegato, ma non è prevedibile che ciò accada in Cina”. L’offerta di Taiwan ad accoglierlo e curarlo. Pechino risponde: no alle ingerenze degli altri Paesi, “Liux Xiaobo è un cittadino cinese”.



    27/06/2017 08:43:00 CINA
    ‘Troppo tardi’ per curare Liu Xiaobo, malato di cancro terminale

    Liu Xia, la moglie del grande dissidente, ha detto che ogni cura è ormai inutile. La Commissione Usa sulla Cina chiede che Liu Xiaobo sia trasferito negli Stati Uniti per cure mediche. Secondo le autorità della prigione un team di otto dottori veglia sulla salute del Premio Nobel. L’accusa: gli è stato concesso di curarsi troppo tardi.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®