5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
CINA – GIAPPONE – STATI UNITI
Pechino contro Washington: “Basta con la tensione nelle Diaoyu”
La Cina accusa gli Stati Uniti di sostenere il Giappone nella questione della sovranità delle isole: la prova sarebbe fornita dalle esercitazioni militari congiunte fra Tokyo e Washington, in programma da mesi e iniziate ieri. Un editoriale della Xinhua attacca: “In questo modo, mettete a rischio la pace nell’area”.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - La Cina ha chiesto agli Stati Uniti di "interrompere la strategia della tensione" sulla questione della sovranità sulle isole Diaoyu e ha indicato nelle esercitazioni militari congiunte iniziate ieri da Washington e Tokyo uno "strumento di questa strategia". Nonostante i funzionari giapponesi e americani abbiano più volte ribadito che le esercitazioni sono una normale routine, per i cinesi esse sono un "tentativo di contenimento".

La questione della sovranità delle Diaoyu, che i giapponesi chiamano Senkaku, va avanti da anni; ma negli ultimi mesi sono aumentate le provocazioni e le tensioni sull'argomento. Al momento, le cinque isole e i tre atolli fanno parte della prefettura di Okinawa, sotto il governo giapponese. Ma i cinesi continuano a reclamarne la sovranità e a fasi alterne la disputa apre lo scontro fra le due maggiori economie asiatiche.

Non è chiaro il valore dell'arcipelago. Si pensa che esse abbiano anzitutto un valore strategico, trovandosi sulla rotta delle più importanti vie marittime; altri affermano che oltre alle acque ricche di pesca, nel sottofondo marino vi siano sterminati giacimenti di gas. Nel 2008, come gesto di distensione, i due governi hanno firmato un accordo per lo sfruttamento e la ricerca congiunti nell'arcipelago, che tuttavia è rimasto lettera morta.

La Xinhua, agenzia di stampa ufficiale di Pechino, ha pubblicato un editoriale in cui sostiene che "le esercitazioni militari nel Pacifico occidentali non sono utili a nessuno e rischiano di aggravare le relazioni sino-giapponesi e di annullare gli sforzi per una risoluzione pacifica della questione".

Inoltre "questa mossa svela la vera posizione degli Stati Uniti, che si dichiarano neutrali riguardo l'attribuzione della sovranità sulle Diaoyu ma che in realtà non lo sono. Le esercitazioni fanno crescere i sospetti sulle vere intenzioni di Washington riguardo la zona dell'Asia-Pacifico".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/01/2013 GIAPPONE – CINA – USA
Senkaku/Diaoyu: la “guerra fredda” per le isole si combatte in aria
05/02/2013 CINA – GIAPPONE – COREA
Pechino e Tokyo non mollano: si avvicina un conflitto aperto
di Chen Weijun
05/08/2014 GIAPPONE - CINA
Tokyo avverte: Le provocazioni di Pechino possono scatenare una guerra
18/07/2013 GIAPPONE – CINA
Isole contese, l’affondo di Shinzo Abe: un comizio dalle Senkaku/Diaoyu
01/10/2010 CINA - GIAPPONE
Tokyo preoccupata per l’escalation militare e navale cinese

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate