3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/06/2012
CINA – BRASILE
Pechino convince Rio: accordi di scambio nelle valute nazionali
I due Paesi firmano un’intesa sugli swap dal valore di 30 miliardi di dollari, che verranno convertiti in yuan e real nel corso dell’interscambio commerciale. La Cina cerca di affermare la propria moneta come veicolo di scambio per l’economia dei Paesi emergenti.

Rio de Janeiro (AsiaNews) - Il Brasile e la Cina hanno firmato un accordo preliminare per stabilire linee di swap in valuta locale che permetteranno a ognuno dei due Paesi di chiedere alla Banca centrale dell'altro fino a 30 miliardi di dollari. Gli swap sono degli accordi extravalutari che permettono a una data somma di denaro di essere convertita in entrambe le monete attraverso un cambio fissato in anticipo. Lo ha dichiarato Guido Mantega, ministro delle Finanze brasiliano: "Mentre il credito internazionale rimane molto scarso, avremo abbastanza denaro per le nostre transizioni".

L'accordo è parte di un'ampia intesa bilaterale sul commercio annunciata durante la Conferenza sullo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, il cosiddetto Rio+20, che si conclude oggi senza grandi novità. L'accordo di cooperazione decennale, ha spiegato Mantega, "mira a espandere gli investimenti tra i due Paesi e aumentare le esportazioni di beni industriali dal Brasile alla Cina". Lo  swap "permetterà ai Paesi di aumentare le riserve finanziarie, un elemento utile in un momento di stress dei mercati", ha aggiunto il ministro.

L'intesa, che dovrebbe essere formalizzata nelle prossime settimane, sarà il primo passo di una cooperazione finanziaria tra Brasile e Cina che potrebbe poi estendersi agli altri Paesi emergenti, ha precisato Mantega, ricordando che al G20 i cosiddetti Brics hanno proposto un fondo di swap reciproco.

Il vero protagonista dell'accordo è Pechino, che ne ha già firmato in marzo uno simile - ma del valore di 31 miliardi di dollari - con il governo australiano. Secondo diversi analisti ed economisti, la Cina sta cercando di affermare la propria moneta nazionale (lo yuan renminbi) come valuta internazionale di scambio nel commercio internazionale e negli investimenti.

Sam Callow, capo degli strateghi della Westpac, dichiara: "La vera motivazione è quella di essere meno dipendenti dal dollaro americano. Sempre più nazioni vengono convinte a firmare accordi di questo tipo con la Cina, che ha un piano globale per lo yuan. Vedremo sempre più aziende, nelle nazioni interessate, che operano nella valuta locale".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/07/2013 CINA
Cina, cala l’export: pesano la crisi mondiale e lo yuan “troppo forte”
18/06/2009 CINA - RUSSIA
Pechino e Mosca chiedono a Pyongyang di tornare al tavolo dei negoziati
21/09/2006 CINA - STATI UNITI
Pechino e Washington discuteranno insieme le politiche economiche
10/06/2009 CINA - RUSSIA - INDIA
I leader dei Paesi emergenti per una valuta alternativa al dollaro
16/07/2012 CINA
Wen Jiabao: “Economia, ci aspettano tempi duri”

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate