28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/06/2012, 00.00

    CINA – BRASILE

    Pechino convince Rio: accordi di scambio nelle valute nazionali



    I due Paesi firmano un’intesa sugli swap dal valore di 30 miliardi di dollari, che verranno convertiti in yuan e real nel corso dell’interscambio commerciale. La Cina cerca di affermare la propria moneta come veicolo di scambio per l’economia dei Paesi emergenti.

    Rio de Janeiro (AsiaNews) - Il Brasile e la Cina hanno firmato un accordo preliminare per stabilire linee di swap in valuta locale che permetteranno a ognuno dei due Paesi di chiedere alla Banca centrale dell'altro fino a 30 miliardi di dollari. Gli swap sono degli accordi extravalutari che permettono a una data somma di denaro di essere convertita in entrambe le monete attraverso un cambio fissato in anticipo. Lo ha dichiarato Guido Mantega, ministro delle Finanze brasiliano: "Mentre il credito internazionale rimane molto scarso, avremo abbastanza denaro per le nostre transizioni".

    L'accordo è parte di un'ampia intesa bilaterale sul commercio annunciata durante la Conferenza sullo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, il cosiddetto Rio+20, che si conclude oggi senza grandi novità. L'accordo di cooperazione decennale, ha spiegato Mantega, "mira a espandere gli investimenti tra i due Paesi e aumentare le esportazioni di beni industriali dal Brasile alla Cina". Lo  swap "permetterà ai Paesi di aumentare le riserve finanziarie, un elemento utile in un momento di stress dei mercati", ha aggiunto il ministro.

    L'intesa, che dovrebbe essere formalizzata nelle prossime settimane, sarà il primo passo di una cooperazione finanziaria tra Brasile e Cina che potrebbe poi estendersi agli altri Paesi emergenti, ha precisato Mantega, ricordando che al G20 i cosiddetti Brics hanno proposto un fondo di swap reciproco.

    Il vero protagonista dell'accordo è Pechino, che ne ha già firmato in marzo uno simile - ma del valore di 31 miliardi di dollari - con il governo australiano. Secondo diversi analisti ed economisti, la Cina sta cercando di affermare la propria moneta nazionale (lo yuan renminbi) come valuta internazionale di scambio nel commercio internazionale e negli investimenti.

    Sam Callow, capo degli strateghi della Westpac, dichiara: "La vera motivazione è quella di essere meno dipendenti dal dollaro americano. Sempre più nazioni vengono convinte a firmare accordi di questo tipo con la Cina, che ha un piano globale per lo yuan. Vedremo sempre più aziende, nelle nazioni interessate, che operano nella valuta locale".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/07/2013 CINA
    Cina, cala l’export: pesano la crisi mondiale e lo yuan “troppo forte”
    Dopo i dati sull’inflazione e sul mercato interno arrivano quelli, negativi, sulla vendita all’estero: meno 3,1 % rispetto ai dati dello scorso anno, il primo declino dal gennaio 2012. Analisti: “La Cina paga la stabilità della sua moneta e l’aumento del costo del lavoro”.

    18/06/2009 CINA - RUSSIA
    Pechino e Mosca chiedono a Pyongyang di tornare al tavolo dei negoziati
    I due Paesi esprimono “grave preoccupazione” per l’escalation della tensione. Durante la visita ufficiale di Hu Jintao si è parlato anche di economia, valuta, commercio e collaborazione. I due Stati vogliono assumere maggior rilievo quale alternativa agli Usa.

    21/09/2006 CINA - STATI UNITI
    Pechino e Washington discuteranno insieme le politiche economiche

    Previsti frequenti incontri al massimo livello, per discutere le principali questioni. L'annuncio in occasione della visita di Paulson, segretario al Tesoro Usa e "vecchio amico" della Cina, fautore della piena apertura di Pechino a un'economia di mercato.



    10/06/2009 CINA - RUSSIA - INDIA
    I leader dei Paesi emergenti per una valuta alternativa al dollaro
    Si riuniscono la settimana prossima in Russia i leader del Bric (Brasile, Russia, India e Cina) per discutere di crisi globale, valuta, ambiente. Cercheranno di trovare posizioni comuni, per avere maggior peso nell’incontro delle 20 maggiori economie previsto per settembre negli Usa.

    16/07/2012 CINA
    Wen Jiabao: “Economia, ci aspettano tempi duri”
    Il primo ministro cinese ammonisce: “Siamo ancora nei limiti, ma con il tempo le cose possono peggiorare”. Calano le stime di crescita e la bilancia commerciale: senza una svolta democratica, la Cina rischia di perdere tutto.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®