26 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 17/08/2016, 08.46

    COREA DEL NORD – CINA

    Pechino mette una taglia sulla testa dei rifugiati dalla Corea del Nord



    Chi scappa dalla dittatura dei Kim deve passare per forza dal confine settentrionale ed entrare in Cina. Dopo un periodo di relativa tolleranza, le autorità di frontiera inaspriscono i controlli e i rimpatri. Chi denuncia un esule guadagna 1000 yuan; chi lo cattura 2000; chi lo aiuta ne dovrà pagare 3000.

    Seoul (AsiaNews) – Dopo un periodo di relativa tolleranza, il governo cinese ha inasprito la “caccia” ai nordcoreani che fuggono dalla dittatura di Pyongyang. Le autorità di frontiera nei pressi del fiume Tumen – confine che divide Cina e Corea del Nord – hanno pubblicato un “listino prezzi” relativo agli esuli: chi ne denuncia uno ottiene 1000 yuan (circa 120 euro); chi lo cattura di persona viene ricompensato con il doppio. Chi invece cerca di aiutarlo e viene scoperto dovrà pagare una multa di 3mila yuan. Le guardie di frontiera hanno ricevuto inoltre l’ordine di sparare a vista contro i fuggiaschi.

    I nordcoreani che scelgono di fuggire corrono un rischio altissimo. Costretti a passare prima dalla Cina, dato che il confine con il Sud è altamente militarizzato, in caso di arresto sono soggetti al rimpatrio forzato: Pechino ha firmato infatti un accordo con Pyongyang che definisce questi profughi "migranti economici" e non concede loro alcuna attenuante politica. Quindi in caso di cattura vengono rimandati a casa, dove rischiano la pena di morte o un decennio di lavori forzati per "tradimento della patria".

    Con l’andare del tempo e con il peggioramento della situazione interna, il dittatore nordcoreano Kim Jong-un ha inasprito ancora di più le pene riservate ai rifugiati: nel 2012, primo anno del suo "regno" a seguito della morte del padre Kim Jong-il, solo 1.502 nordcoreani sono fuggiti al Sud contro una media di 3mila registrata ogni anno sino ad allora. Nel 2013 i fuggitivi sono stati in totale 1.514. Tuttavia questi dati sono parziali, dato che è impossibile stabilire quanti nordcoreani scelgano di rimanere, senza documenti, in Cina.

    Secondo una fonte anonima del DailyNK, nei primi sette mesi del 2016 il governo del Nord ha eseguito almeno 60 condanne a morte in pubblico. Di queste, la metà sarebbe stata comminata a cittadini che hanno cercato di fuggire.

    La Chiesa cattolica sudcoreana lavora sin dalla divisione della penisola per aiutare i rifugiati, che vengono chiamati "saeteomin" ("coloni della nuova terra"). I fedeli del Sud portano avanti programmi di inserimento sociale, di lingua e di "aggiornamento politico" per i profughi, che vengono aiutati a trovare un lavoro e combattere così il muro di razzismo che permea la società nei confronti dei "fratelli del Nord".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/02/2007 COREA
    Malattie, fame, profughi nel Nord che celebra Kim Jong-il
    L’allarme viene dalla Chiesa coreana e dal governo di Seoul che, alla luce dei nuovi dati sui rifugiati nordcoreani, temono una fuga di massa dal regime. Quasi pronto un Centro cattolico per l’Unificazione, che verrà usato come primo stadio del reinserimento dei profughi.

    30/07/2004 corea del nord - corea del sud
    Pyongyang accusa Seoul di "rapire" i profughi del Nord


    26/07/2006 Cina – Corea del Nord
    Per la prima volta Pechino permette a dei nordcoreani di espatriare verso gli Usa
    Per gli analisti politici, è un modo per dimostrare insoddisfazione per i test missilistici del 4 luglio scorso. Possibile anche un ritardo dell'invio di aiuti umanitari.

    13/11/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Corea del Sud, nel 2006 oltre 10mila rifugiati dal nord

    I dati sono stati resi pubblici ieri dal ministero dell'Unificazione di Seoul. Secondo alcuni gruppi internazionali per i diritti umani, ve ne sono almeno altri 100mila "in incognito" in vari Paesi dell'Asia.



    08/04/2014 COREA
    Corea, nel 2014 aumentano i rifugiati dal Nord al Sud della penisola
    Nonostante i rischi sempre più gravi, i dati relativi al primo trimestre dell'anno mostrano che 360 persone sono fuggite dal regime dei Kim per cercare rifugio nella parte meridionale della penisola. Impossibile quantificare quanti invece si fermano in Cina.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®