19 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 25/05/2010, 00.00

    HONG KONG – CINA

    Pechino mostra di “aprire” ai democratici sulle riforme a Hong Kong



    Storico incontro, ieri, fra i leader del Partito democratico e il vice direttore dell’Ufficio cinese per i rapporti con Hong Kong, che loda il “pragmatismo” dei rivali, ma avverte: “Non tutti vogliono il suffragio universale”.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – Pechino ha invitato ieri il Partito democratico di Hong Kong, con cui non aveva rapporti dal massacro di piazza Tiananmen, a prendere “una decisione responsabile” per aiutare il sistema politico ad andare avanti. L’invito è stato presentato da Li Gang, il vice direttore dell’Ufficio cinese per i rapporti con Hong Kong, che nel corso di uno storico incontro ha aggiunto: “I democratici hanno adottato un’attitudine razionale e pragmatica per cercare un dialogo sulle riforme politiche”.

    Tuttavia, i deputati democratici hanno sottolineato le “enormi differenze” fra loro e Pechino, minacciando di porre un veto alla proposta – avanzata dal governo del Territorio – di andare nel 2012 alle urne se il governo centrale non dovesse fare concessioni sostanziali sulle riforme. Il presidente del Partito, Albert Ho Chun-yan, ha detto che Li “farà presente al governo cinese come la pensiamo sull’argomento”.

    Nonostante la portata storica dell’evento, molti analisti ora temono che l’Ufficio cinese per i rapporti con Hong Kong stia aumentando la propria presenza nella scena politica dell’ex colonia, agendo come un “secondo governo” totalmente fedele alla Cina. Li ha definito “franca” l’atmosfera dell’incontro, aggiungendo che è “inevitabile” avere opinioni diverse sulle riforme politiche.

    Secondo il funzionario, la comunità del Territorio è divisa sul sistema elettorale attualmente in corso: non tutti, sostiene, “lo vorrebbero sostituire con il suffragio universale. Speriamo che il Partito democratico cerchi un terreno comune di dialogo, nonostante le differenze, e prenda decisioni responsabili per trovare consenso sulle riforme”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/06/2010 HONG KONG
    Card. Zen: “Il governo, sempre meno sincero con il popolo”
    Secondo il vescovo emerito di Hong Kong, la mossa con cui il Consiglio legislativo del Territorio farà passare il pacchetto di riforme costituzionali rivisitato senza dibattito pubblico “cambia tutto” sulla questione del suffragio universale e dimostra che il governo non rispetta la popolazione.

    02/04/2008 HONG KONG – CINA
    Si ritira Martin Lee, il “padre della democrazia” di Hong Kong
    Alla soglia dei 70 anni, Martin Lee Chu-ming annuncia l’abbandono della vita politica. Fondatore del Partito democratico, bandito dalla Cina per il suo sostegno al movimento di piazza Tiananmen, Lee chiede ai suoi compagni di continuare a lottare per un buon sistema politico. Senza di questo, si può produrre soltanto del male.

    27/10/2004 hong kong - cina
    Mons. Zen a favore di un referendum sulla democrazia

    Il vescovo di Hong Kong fiducioso sulla liberalità dei nuovi leader di Pechino.



    26/03/2012 HONG KONG
    Leung Chun-ying eletto nuovo governatore di Hong Kong
    È stato votato da 689 grandi elettori su 1200, pari allo 0,02% della popolazione. Leung ha battuto Henry Tang sostenuto dalla lobby degli industriali e Albert Ho, unico candidato pro-democrazia. In duemila, fra cui molti cristiani, protestano per chiedere il suffragio universale e la fine delle elezioni basate sui circoli lobbistici vicini a Pechino.

    24/06/2010 HONG KONG – CINA
    Pechino, bloccata la pubblicazione dei diari di Li Peng su Tiananmen
    L’editore Bao Pu, figlio del noto dissidente Bao Tong, parla di “problemi di copyright con implicazioni morali”. Sembra che la figlia del “macellaio di Tiananmen” abbia aumentato troppo le richieste economiche per cedere i diritti. Mentre il figlio dell’ex premier cinese è stato nominato vice-governatore dello Shanxi.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®