14/09/2021, 08.53
RUSSIA-CINA
Invia ad un amico

Pechino si prende le centrali idroelettriche russe

di Vladimir Rozanskij

Imprenditori siberiani alla ricerca di investimenti dalla Cina. Mosca deve potenziare le forniture energetiche tra il lago Bajkal e il fiume Amur. I cinesi vogliono il controllo delle nuove strutture. Secondo critici russi, l’apertura ai soldi di Pechino va contro l’interesse nazionale.

Mosca (AsiaNews) – Secondo accordi degli ultimi giorni, entro settembre si inizieranno a costruire nuove centrali idroelettriche nelle regioni siberiane dell’Amur e di Khabarovsk, che confinano con la Cina. Da tempo le imprese russe della zona chiedevano ai cinesi d’investire nelle strutture energetiche locali, dove lavorano diversi ingegneri provenienti dalla Cina. Ora i nuovi complessi potrebbero finire nelle mani di Pechino. Con un rapporto ufficiale al presidente Vladimir Putin, gli imprenditori russi hanno fatto sapere che questa scelta sarà indispensabile per assicurare forniture energetiche nell’area tra il lago Bajkal e il fiume Amur.

Le nuove centrali saranno costruite lungo il bacino dell’Amur e sugli affluenti Niman e Selemdža, allo scopo di “sviluppare il sistema energetico della regione federale dell’Estremo oriente, con le necessarie misure di prevenzione delle alluvioni”, come si legge nella relazione. I mezzi finanziari per tale operazione non sono specificati: “La questione è in stato di elaborazione, e sarà necessario attrarre al più presto gli investimenti opportuni”.

Per sistemare i bacini acquiferi orientali, a inizio agosto il vice premier per l’Estremo oriente, Jurij Trutnev, aveva conferito l’incarico di presentare proposte al ministero dell’Energia e all’Agenzia statale per l’energia elettrica Rusgidro. Anche il governatore ad interim di Khabarovsk, Mikhail Degtarev (che sostituisce il titolare Sergej Furgal, in prigione da quasi un anno), ha suggerito varie soluzioni per contenere le tracimazioni dal bacino dell’Amur. Una di queste è la costruzione di nuove centrali: “Così tutta la [tratta ferroviaria] Bam [Bajkalo-Amurskij Magistral] sarà elettrificata”.

Dalla fine di luglio le regioni dell’Oltre-Bajkal, di Khabarovsk e quella Ebrea autonoma di Birobižan si trovano in stato di emergenza a causa delle inondazioni. Le forti piogge hanno provocato l’innalzamento fuori controllo dei fiumi Amur e Zeja. Molte strade sono rimaste allagate e centinaia di case e campi coltivati sono stati travolti ed evacuati. I cicloni tormentano la regione dell’Amur dall’inizio di giugno, provocando danni per oltre 6 miliardi di rubli (quasi 70 milioni di euro).

Le nuove centrali andranno ad aggiungersi alle due già esistenti di epoca sovietica nelle regioni di Khabarovsk e Amur, che hanno funzioni di regolazione delle acque dei bacini, e hanno ormai raggiunto i limiti delle proprie capacità (oltre 30 miliardi di tonnellate d’acqua). Le discussioni sulla necessità delle nuove centrali si protraggono dal 2013, al tempo delle precedenti inondazioni, e già allora le autorità avevano firmato un accordo da 230 miliardi di rubli (2,7 miliardi di euro) con il gruppo cinese Ctgc (China Three Gorges Corporation). L’obiettivo era quello di realizzare in comune progetti energetici sul territorio russo. La parte russa avrebbe mantenuto il 51% delle nuove strutture. I cinesi si sono ritirati però dall’accordo nel 2016.

Ora i russi sono tornati a discutere con la Ctgc e altre imprese cinesi, che stavolta imporranno il controllo della maggioranza per accettare di investire nelle centrali russe. Dai primi sondaggi, i cinesi sono pronti a realizzare le nuove strutture “chiavi in mano”, tenendosi però ben stretta quella della cassaforte. Qualche voce di protesta si è levata contro questa iniziativa, come quella di Sergej Sasim, direttore del Centro di ricerca elettro-energetica della Scuola superiore di economia di Mosca. A suo parere questi accordi vanno contro gli interessi nazionali: “Bisognerebbe usare un sistema di finanziamento ripagabile con gli interessi sull’energia prodotta”. In un modo o nell’altro, le nuove centrali verranno comunque costruite, e i cinesi non rimarranno certo a mani vuote.

Il commercio russo-cinese è in continua espansione. Il 31 agosto il ministro della Repubblica russa della Čuvašja, Alina Semenova, ha reso noto un accordo di esportazione in Cina dei liquori di Čeboksary, sugli Urali. Il suo valore è 8,5 milioni di euro. Nel Priangarje, la regione siberiana di Irkutsk, un cittadino cinese è stato accusato di contrabbandare legna per centinaia di milioni di rubli, estendendo oltre ogni regola il business cinese nei boschi siberiani.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Myanmar, ribelli Kachin contro le dighe lungo il confine cinese
02/10/2008
Bhutan, energia idroelettrica “oro bianco” che attira l’interesse indiano
12/07/2013
Estremo oriente russo, create nuove provincie: si rafforza il centralismo putiniano
30/07/2021 13:30
La "lunga marcia" degli attivisti birmani per la chiusura della diga di Myitsone
26/03/2014
Le nazioni del Mekong a confronto, 15 anni dopo
06/04/2010