16/01/2010, 00.00
CINA – STATI UNITI
Invia ad un amico

Pechino smorza le polemiche su Google e censura le notizie in rete

Per il governo cinese lo scontro con il gigante di Mountain View non colpirà i rapporti commerciali con gli Stati Uniti. Washington annuncia una protesta formale e chiede spiegazioni sugli attacchi informatici. La Cina censura le polemiche e autorizza solo i media di Stato a riportare informazioni.
Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Pechino vuole smorzare i toni della polemica con Google e censura ogni informazione – in rete e sui giornali – relativa alla diatriba con il gigante del web statunitense. Washington annuncia una protesta formale e chiede spiegazioni sull’attacco informatico “altamente sofisticato” proveniente dalla Cina, durante il quale sono stati violati gli account e-mail di attivisti per i diritti umani. Nel Paese asiatico, intanto, continua ad aumentare il numero degli internauti: più 28,9% nel 2009.
 
Ieri il governo cinese ha cercato di minimizzare i contrasti con il gigante di Mountain View. Google, nei giorni scorsi, ha minacciato di lasciare il Paese per i casi continui di pirateria informatica e le strette maglie della censura imposte dalle leggi. Yao Jian, portavoce del Ministero cinese del commercio, sottolinea che Stati Uniti e Cina “hanno canali di comunicazione multipli” e nutre fiducia in “uno sviluppo sano delle relazioni economiche e commerciali”. Egli aggiunge che né il Ministero né la Camera di commercio di Pechino hanno ricevuto indicazioni che Google intende lasciare la Cina.
 
Washington ribatte che è presto per capire se verranno colpiti i rapporti economici fra i due Paesi. Tuttavia, la controversia sorta nei giorni scorsi sulla censura in rete e gli attacchi informatici si aggiunge alle polemiche sul tasso di cambio dello yuan, sul protezionismo cinese e la vendita di armi degli Stati Uniti a Taiwan.
 
Il governo americano annuncia una “protesta formale” verso Pechino, che verrà presentata nei prossimi giorni. Dopo gli attacchi a Google, anche un altro gigante della rete Usa, Yahoo, denuncia casi di pirateria informatica provenienti da hackers cinesi. PJ Crowley precisa che la nota “esprimerà la nostra preoccupazione” per gli incidenti e “chiederà spiegazioni alla Cina”.
 
Intanto la propaganda governativa cinese ha rafforzato le maglie della censura e impedisce la diffusione di informazioni. I giornali e i siti web non possono riportare commenti o notizie e la versione ufficiale viene fornita solo attraverso i media di Stato Xinhua e People’s Daily, i quali pretendono da Google “il rispetto delle leggi cinesi”.
 
Al riguardo, una inchiesta diffusa in questi giorni mostra che il 78% dei cinesi è favorevole al controllo di internet e che non bisogna cedere alle pressioni del gigante americano. Tuttavia, appena postata in rete, l’inchiesta è stata subissata di critiche e i voti inseriti hanno ribaltato il risultato: gli internauti cinesi vogliono libertà informatica. Il sondaggio è stato rimosso in tutta fretta dalle autorità.
 
Da una recente inchiesta compiuta da China Internet Network Information Centre (www.cnnic.net.cn) emerge infine che, nel 2009, il numero dei navigatori in rete è cresciuto del 28,9%. Sono 86 milioni gli internauti che hanno usato il web per la prima volta nello scorso anno, per un totale di 384 milioni di utenti della rete in Cina.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Google in Cina, fiori e candele per la libertà di espressione
14/01/2010
Google ammette: "Con la censura in Cina abbiamo tradito i nostri principi"
07/06/2006
Hong Kong, legge sulla sicurezza: I giganti del web non collaborano (per ora)
08/07/2020 12:20
Anche Skype si allinea alla censura del regime cinese
21/04/2006
Google e Pechino collaborano ad un nuovo giro di vite sull'informazione libera
13/04/2006