22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/03/2006, 00.00

    CINA

    Pechino usa la violenza per imporre la politica del figlio unico



    Aumentano le denunce contro funzionari pubblici che perseguitano chi ha figli "illegali". Il governo celebra i successi ottenuti. Ma gli esperti criticano i dati ufficiali, ritenuti molto sottostimati.

    Pechino (AsiaNews/Scmp) – Il governo intende mantenere la politica del figlio unico, per proseguire lo sviluppo economico. Questa politica – secondo i dati dell'Ufficio nazionale di statistica (Uns) - argina l'aumento demografico, ma causa anche un progressivo invecchiamento della popolazione. Ma gli esperti ritengono i dati ufficiali molto lontani dalla realtà. Intanto crescono le denuncie di violenze da parte di funzionari pubblici contro chi ha più figli.

    La popolazione – secondo i dati di uno studio dell'Uns del novembre 2005 – è cresciuta del 3,2% in 5 anni, arrivando a 1,306 miliardi, con una crescita annuale dello 0,63% pari a 8,09 milioni di persone. Ma aumenta con rapidità l'età media della popolazione. I giovani con meno di 14 anni sono diminuiti del 2,62% e gli ultrasessantenni sono cresciuti dello 0,76%. I dati mostrano il rischio di un ulteriore maggior invecchiamento nei prossimi anni. Aumentano i maschi, che sono il 51,53% della popolazione (+0,44% rispetto a 5 anni fa), con una proporzione di 106,3 uomini per 100 donne. In notevole crescita i migranti: +8,3% per un totale di 147 milioni di persone che dalle campagne vanno a lavorare nelle grandi città. In aumento, in conseguenza, anche i residenti urbani (+6,77%).

    Dal 1978 è consentito un solo figlio ai residenti urbani e due ai contadini. Il Paese è passato dai 5,83 figli per coppia negli anni '70 a 2,1 bambini nel 1990 e agli 1,8 attuali. Il governo vuole che, nel 2010, la popolazione non superi gli 1,37 miliardi. Questa politica ha portato a un gran numero di aborti e uccisioni di neonati femmine, per avere un maschio che porti il nome della famiglia.

    Senza questa politica – ha detto ieri, a un forum online del governo, Zhang Weiqing, direttore della Commissione nazionale per la pianificazione della popolazione  e della famiglia – ci sarebbero 400 milioni di persone in più. La politica va mantenuta – ha proseguito – per impedire che le risorse siano insufficienti e per consentire uno sviluppo sostenibile. Tuttavia occorre – ha riconosciuto – un rigido intervento del governo per frenare gli aborti selettivi a favore dei figli maschi.

    Ma molte famiglie, specie nelle campagne, omettono di dichiarare tutti i figli, così che i dati ufficiali sono sottostimati e poco attendibili. Gli esperti ritengono che l'effettivo aumento della popolazione sia maggiore di decine di milioni e che in molte zone ci sia un rapporto di 120 uomini per 100 donne. Di fatto, emergono sempre più frequenti violenze pubbliche contro le famiglie.

    Il governo di Linyi, nello Shandong, ricorre alla violenza contro le famiglie – hanno denunciato a settembre lo studioso universitario Teng Biao e Chen Giangcheng, attivista cieco per i diritti – che hanno figli "illegali". Mentre è di ieri la notizia che funzionari dell'ufficio del controllo delle nascite hanno rubato 12 bambini dai villaggi della contea di Gaoping, nell'Hunan, negli ultimi 4 anni. Molti esperti accusano che questa politica ha effetto più per i poveri che per i ricchi. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/03/2006 cina
    Il governo cinese ruba i bambini e chiede il riscatto per restituirli

    Contadini denunciano che gli impiegati del controllo delle nascite prendono i piccoli nati fuori dal programma "del figlio unico" o adottati e vogliono soldi per restituirli. Ad essere rapite sono le bambine, che vengono affidate a orfanotrofi, ma nessuno sa quali.



    03/11/2015 CINA
    Cina, il governo avverte le coppie: due figli “solo dopo l’approvazione della legge”
    La Commissione nazionale per la salute e la pianificazione familiare ammonisce le province: “Dobbiamo mantenere l’ordine delle nascite” fino a che l’Assemblea nazionale del popolo non approverà la nuova norma sui due figli. Mancano ancora diversi mesi.

    22/05/2013 CINA
    Cina, picchiato a sangue dalla polizia perché padre di tre figli
    È ricoverato in ospedale l’uomo vittima di violenza da parte degli agenti di partito addetti alla pianificazione familiare. È stato punito perché padre di tre figli. Reggie Littlejohn: “sono terroristi del governo, sono svincolati da ogni legge”.

    02/01/2008 CINA
    Multa di 100mila dollari per avere avuto il secondo figlio
    La sanzione “esemplare” contro un funzionario pubblico e imprenditore. Il governo vuole colpire le persone ricche che spesso violano una legge sempre più criticata. Mentre i contadini subiscono aborti forzati e gli abbattono le case, le persone importanti mantengono un’amante.

    10/04/2007 CINA
    Ha troppi figli: espulso dal partito e rischia il licenziamento
    Funzionario del Partito comunista ha 5 figli, con la moglie e l’amante, ma ne aveva riconosciuti solo due. Non dà più gli alimenti all’amante che lo denuncia. Ora è sotto inchiesta e rischia di perdere anche il lavoro.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®