29/07/2015, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Peggiorano in carcere le condizioni di salute di Gao Yu: Non voglio morire qui

Il fratello della famosissima giornalista ritiene che la sua malattia cardiaca sia ormai in fase critica: ogni ritardo nelle cure potrebbe portare alla morte.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Un controllo ospedaliero compiuto di recente conferma che le condizioni di salute di Gao Yu, famosissima giornalista cinese in carcere con accuse false, sono peggiorate ancora. La detenuta, di norma allegra e positiva, avrebbe detto al fratello di non voler morire in carcere. Come condizione per il rilascio, le autorità cinesi hanno chiesto alla Gao di confessare ancora una volta i suoi “crimini” in televisione, ma la donna ha rifiutato.

Gao, famosissima per le sue acute critiche nei confronti del sistema politico e dei leader cinesi, è tornata in carcere per la terza volta nell’aprile del 2015. È stata arrestata nell’aprile del 2014 per aver fornito una circolare interna del Partito comunista cinese al sito di informazione statunitense Mingjing Monthly. Costretta a “confessare” le sue colpe davanti alla tv di Stato, alla vigilia del processo la giornalista ha poi rivelato che dietro la confessione vi era il tentativo di proteggere il figlio e la famiglia, oggetto di minacce.

Al centro dell’accusa ci sarebbe il “Documento n° 9”, un testo redatto dal Partito comunista che ordina ai propri membri e alle forze dell'ordine di frenare “sette influenze sovversive” presenti nella società, fra cui le richieste di democrazia costituzionale, bollata come “occidentale”, e i “valori universali” quali la libertà di parola e il rispetto dei diritti umani.

La Gao ha 71 anni e una lunga storia di problemi cardiaci e di pressione alta. All’inizio di luglio, racconta il fratello Gao Wei, ha sofferto di diversi scompensi al cuore e ha chiesto alle autorità di concederle un controllo sanitario. Le analisi mostrano oggi diversi blocchi arteriosi e i postumi di un attacco cardiaco avvenuto di recente. I medici hanno trovato anche dei noduli nel collo, che non sono ancora stati identificati. Shang Baojun, avvocato della donna, dice di averla trovata “molto preoccupata” per questi peggioramenti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino, peggiorano in carcere le condizioni di salute della giornalista Gao Yu
20/06/2015
Gao Yaojie, attivista anti-Aids: “Se torno in Cina rischio la vita”
03/12/2009
Per le autorità cinesi Gao Zhisheng “si trova dove è giusto che sia”
22/01/2010
La Cina verso le Olimpiadi: arrestato un altro attivista per i diritti umani
07/09/2006
Iniziato il processo contro scrittore “sovversivo”
15/01/2007