20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2017, 11.57

    IRAQ

    Per Baghdad il referendum curdo, più dell’Isis, minaccia l’unità e il futuro dell’Iraq



    Il voto rischia di alimentare nuovi scontri settari e confessionali. Da tempo i curdi aspirano a una entità territoriale indipendente; i loro progetti ostacolati dai governi della regione (Siria, Iraq e soprattutto Turchia). Usati come arma nelle guerre regionali, ora intendono decidere del proprio destino. Il ruolo di Usa e Israele. Barzani: con Baghdad non partner ma “buoni vicini”.

     

    Baghdad (AsiaNews) - L’eco della “liberazione” di Mosul - per tre anni nelle mani dello Stato islamico (SI, ex Isis), che nei primi tempi sono arrivati persino a lambire la capitale, Baghdad - non si è ancora spento del tutto, che sul futuro dell’Iraq incombe già una nuova minaccia: il voto per l’indipendenza del Kurdistan, in programma per il prossimo 25 settembre, che più della follia jihadista rischia di affossare in modo definitivo la fragile unità e stabilità di un Paese sempre più diviso.

    Analisti ed esperti di politica mediorientale sottolineano che l’appuntamento elettorale di inizio autunno, che potrebbe garantire il via libera alla secessione per il Governo regionale del Kurdistan (Krg) - fornisce nuova linfa agli scontri settari e confessionali. Un pericolo sempre presente, in una realtà territoriale come quella irakena contraddistinta da una miriade di gruppi etnici, linguistici, religiosi in particolare nella provincia settentrionale di Ninive.

    Da tempo i curdi, coinvolti nei principali conflitti regionali in Iraq come nella vicina Siria, perseguitati in Turchia e sfruttati nella lotta contro i gruppi fondamentalisti, aspirano a una nazione indipendente. Un progetto che incontra però l’opposizione non solo dei governi regionali a Damasco, Baghdad e Ankara, ma pure le resistenza degli Stati Uniti che pure hanno  rifornito a lungo di armi e risorse le milizie combattenti, fra cui i Peshmerga che per primi hanno bloccato l’avanzata di Daesh [acronimo arabo per lo Stato islamico].

    I vertici di Erbil - e i loro sodali a Washington - fanno valere in queste settimane il contributo fornito alle coalizioni internazionali protagoniste in Siria e Iraq dell’offensiva contro l’Isis; un impegno militare massiccio, che avrebbe fornito alla semi-autonoma regione irakena una leva “morale e politica” da far valere nella lunga lotta per la conquista dell’indipendenza.  Inoltre, la leadership curda ricorda la posizione comune dei principali partiti curdi, cristiani e turkmeni della regione, tutti favorevoli alla tornata referendaria. Contrario, a loro dire, solo uno sparuto gruppo di partiti minori che hanno già annunciato il boicottaggio del voto.

    Secondo i critici il mezzo referendario sarebbe solo il viatico utilizzato dal presidente curdo Masoud Barzani per una “presa di potere”, finalizzata alla “espansione dei confini territoriali” e al rafforzamento della sua leadership, violando i dettami della Costituzione irakena. A questo si aggiunge il nodo riguardante la città di Kirkuk e l’area limitrofa, ricca di petrolio e gas naturali e da tempo oggetto di contrasto fra Erbil e Baghdad per il controllo e lo sfruttamento delle risorse.

    In questo contesto Barzani non intende cedere il passo, tanto da affermare in un discorso al Parlamento Ue a Bruxelles che uno slittamento del voto sarebbe ancor più “destabilizzante”. Per definire l’attuale rapporto con il governo centrale irakeno, il leader curdo ha parlato di “frustrazione” e se la situazione non cambierà si arriverà a “una guerra sanguinosa”. Da qui la scelta di trovare una “nuova modalità” nelle “relazioni” con Baghdad: “Dato che abbiamo fallito nel proposito di essere due buoni partner - ha concluso - cerchiamo almeno di essere due buoni vicini”.

    A livello internazionale Erbil può contare sugli ottimi rapporti - commerciali e diplomatici - con Stati Uniti e Israele, sebbene Washington nutra più di una perplessità sulla bontà del referendum. Dall’inizio della guerra in Siria, lo Stato ebraico ha acquistato greggio dalla regione curda per un valore complessivo di 3,84 miliardi di dollari. E un rapporto del 2015 del Financial Times mostrava che il 77% delle scorte petrolifere di Israele provenivano dal Kurdistan, via Turchia.

    I curdi sono il più importante gruppo nomade al mondo rimasto senza terra; questo ha permesso alle potenze occidentali di usare la questione curda come mezzo per dividere, destabilizzare, sconvolgere gli equilibri regionali e, in particolare, in Siria e Iraq dove si concentrano enormi riserve di petrolio e gas naturali. Rappresentanti come “combattenti per la libertà” dall’immaginario comune, in lotta per una terra negata, i curdi sono stati spesso un’arma usata da altri Paesi, imperi e potenze “come una freccia, senza mai essere l’arco". (DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/09/2017 09:01:00 IRAQ
    La Corte suprema sospende il referendum sul Kurdistan

    Il tribunale supremo intende esaminare i ricorsi ricevuti in merito al voto. Al centro della controversia la “costituzionalità” del referendum. Una delegazione curda attesa a Baghdad per un incontro ufficiale. Preoccupazione fra le cancellerie mondiali: il voto rischia di indebolire l’alleanza arabo-curda anti Isis e innescare un nuovo conflitto interno. 

     



    18/09/2017 14:29:00 ONU - IRAQ
    Onu e Iran contro il referendum sul Kurdistan. Israele lo sostiene

    Il segretario generale delle Nazioni Unite contro il voto, indebolisce il fronte anti-Isis. Teheran pronta a chiudere la frontiera in caso di annuncio di indipendenza. Oltre la retorica, la lotta di Barzani per mantenere il potere. Il sostegno dello Stato ebraico a Erbil un messaggio a Stati Uniti e Turchia. 

     



    14/09/2017 12:48:00 IRAQ
    Patriarca caldeo: dialogo e riconciliazione sul referendum in Kurdistan

    Con l’approssimarsi del voto del 25 settembre aumenta lo scontro fra Erbil e Baghdad. Mar Sako si appella alle voci “moderate” per disinnescare le tensioni. Il rischio di un nuovo confronto militare dalle conseguenze “disastrose” e i timori per le minoranze. Fonti di AsiaNews: Per i cristiani “situazione ancor più delicata”. 

     



    08/06/2017 08:56:00 IRAQ
    Kurdistan, il 25 settembre si vota il referendum per l’indipendenza da Baghdad

    Nella regione hanno trovato rifugio centinaia di migliaia di profughi - cristiani, musulmani e yazidi - in fuga dallo Stato islamico. L’area è ricca di petrolio e gas naturali ed è da tempo contesa fra autorità locali e governo centrale. Contrarie al progetto anche Turchia, Siria e Iran per il timore di secessioni interne. 

     



    11/09/2017 08:57:00 IRAQ
    Barzani: pronti i nuovi confini del Kurdistan

    Il presidente del Kurdistan irakeno conferma l’intenzione di andare al voto ed è pronto a dare battaglia per il futuro di Kirkuk. La città dovrà essere in futuro il luogo “simbolo di coesistenza di tutte le etnie”. La vittoria del “Sì” non comporta in modo automatico la dichiarazione di indipendenza, ma rafforzerà le trattative con il governo centrale.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®