17/09/2014, 00.00
LAOS
Invia ad un amico

Per "bloccare" le ong, il Laos segue l'esempio cinese

In via d'approvazione una serie di norme ispirate alle restrizioni già in atto a Pechino. Limiti alla capacità di ricevere donazioni e controllo da parte del Ministero degli Affari esteri. La preoccupazione delle organizzazioni non-governative e dei diplomatici occidentali.

Vientiane (AsiaNews/AsiaNews) - Una minaccia allo sviluppo del Laos e della sua popolazione: così operatori umanitari e diplomatici occidentali considerano la decisione del governo di approvare una serie di restrizioni "China-style" al lavoro delle Ong attive nel Paese.

Sono due i decreti che destano maggiore preoccupazione. Il primo riguarda le Ong straniere e propone di porle sotto la supervisione del ministero degli Affari Esteri. Una proposta che ricalca una legge approvata in Russia nel 2012, che classifica tutte le Ong internazionali come "agenti stranieri".

Il secondo riguarda le Ong locali e impone restrizioni nella loro capacità di ricevere finanziamenti e donazioni dall'estero. Tutte le organizzazioni non-governative dovranno riportare qualsiasi donazione superiore ai 50 milioni di kip (circa 4.794 euro) al ministero delle Finanze. Quelle superiori ai 100 milioni di kip (circa 9.589 euro) dovranno ricevere l'approvazione del ministero degli Affari esteri, delle Finanze e del Dipartimento degli Affari interni. Il decreto specifica inoltre che l'operato delle Ong locali dovrà limitarsi al solo "sostegno" nei settori di agricoltura, educazione, salute pubblica, sport, scienza e benefici umanitari.

Diverse ambasciate occidentali a Vientiane giudicano preoccupanti le bozze dei due decreti. Il ruolo delle Ong in Laos, guidato dal 1975 dal Lao People's Revolutionary Party, ha particolare valore per via di una società civile non ancora molto sviluppata, soprattutto se confrontata con altre nazioni del Sudest asiatico.

Il Paese ha il dubbio "primato" di essere la nazione meno sviluppata dei membri dell'Asean (Association of Southeast Asian Nations). Nonostante l'apertura agli investimenti stranieri di Vietnam, Thailandia e Cina, il suo Pil è di appena 9,2 miliardi di dollari: cinque volte più piccolo di quello del Myanmar - che pure è uscito solo di recente da una decennale dittatura militare - e 40 volte più piccolo di quello della Thailandia.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tibet, la Cina arresta cinque monaci buddisti. Ma “apre” ai pellegrini indù
22/06/2015
Cambogia, la nuova legge sulle Ong “un’opportunità per fare chiarezza”
28/07/2015
Vescovo di Vientiane: Laos, una Chiesa povera, amata da papa Francesco
31/01/2017 12:12
Vientiane cancella l’incontro delle Ong Asean
13/10/2015
Giro di vite di Pechino sui festeggiamenti per il Capodanno tibetano
11/02/2019 14:05