20 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/06/2012
PAKISTAN
Per il futuro del Pakistan, basta con lo sfruttamento dei bambini
di Joseph Laldin
È quanto chiede Sobia John, giovane attivista impegnata nella difesa dei più piccoli. Governo e società civile sono responsabili delle sofferenze dei minori. Gli esecutivi succeduti negli anni, accusa, non hanno promosso iniziative rivolte ai bambini. Garantire i diritti dei minori per formare “buoni cittadini” del domani.

Lahore (AsiaNews) - I bambini privati dei loro diritti non potranno mai diventare "buoni cittadini"; per dar vita a una società "prosperosa" è essenziale "garantire" tutele ai minori, perché essi "non sono nati per essere vittima di abusi, lavoro forzato o sfruttamento". È quanto racconta ad AsiaNews Sobia John, giovane cristiana impegnata a favore della tutela dell'infanzia e dei minori vittime di violenze. Originaria di Lahore, nel Punjab, la ragazza collabora con l'ente Society for the Protection of the Rights of the Child (Sparc) ad una serie di programmi e iniziative rivolte ai bambini disagiati. L'ultimo progetto, in ordine di tempo, al quale ha aderito si intitola "Violenze contro i bambini", ma in passato si è battuta anche per i diritti delle donne appartenenti alle minoranze, dei lavoratori sfruttati e degli emarginati. "I problemi politici ed economici - afferma la giovane pakistana - che attraversa il Paese hanno un impatto negativo su tutta la popolazione, ma i bambini sono i soggetti più colpiti".

Sobia John (nella foto) ha conseguito un master in Scienze della comunicazione e ha alle spalle un'esperienza nel campo del giornalismo, sia internet che carta stampata. Ma è nella tutela dei diritti dell'infanzia che la giovane ha profuso gran parte del suo impegno e della passione personale. "[I bambini] sono costretti a mendicare, torturati, abusati e vittime di violenze sessuali, in particolare le ragazzine" racconta l'attivista, ma nonostante tutto questo "non protestano per i loro diritti e non commettono violenze contro le ingiustizie". Per questo, aggiunge, è "compito degli adulti lottare per i diritti dei bambini". 

Nei giorni scorsi si è celebrata la decima edizione della giornata promossa dall'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), contro lo sfruttamento del lavoro minorile; nel 2012 l'attenzione degli esperti si è concentrata sul settore agricolo, dove circa il 70% degli occupanti nel mondo ha meno di 18 anni. Secondo la Sparc, in Pakistan è prassi comune utilizzare il lavoro minorile in diversi settori, "dall'impiego leggero alle mansioni più pesanti e pericolose"; stime recenti, aggiungono gli attivisti, mostrano che "fra gli 11 e i 12 milioni di bambini, la metà dei quali al di sotto dei 10 anni, sono sfruttati per lavoro" su tutto il territorio nazionale.  

La società deve investire in iniziative, leggi e programmi "child-friendly", prosegue Sobia John che sogna "una società libera dalla violenza" in cui "ogni bambino ha il diritto di godere della propria infanzia". "Vorrei mutare le sofferenze - aggiunge - in felicità e le violazioni in dignità". La giovane attivista non risparmia critiche al governo "che manca di interesse e iniziative" e alla società civile, le cui risposte sono spesso "insoddisfacenti". "I parlamentari e i promotori delle leggi - spiega ad AsiaNews - non capiscono e non considerano i diritti di un bambino una questione di primaria importanza". Mancano politiche e norme che siano in accordo con lo spirito della Convenzione Onu per i diritti dell'infanzia, che Islamabad ha ratificato nel 1990 ma non ha fatto nulla nel concreto per applicarne le direttive.

Per prima cosa, aggiunge Sobia John, è importante garantire "l'identità" del minore, cui si aggiungono "protezione, cibo, alloggio, istruzione, assistenza sanitaria e affetto". Uno dei fattori chiave è la carenza nel settore dell'educazione: "Nonostante il fatto che il Pakistan sia inquadrato fra le nazioni con vasta percentuale di analfabetismo - commenta - i vari governi che si sono succeduti negli anni non hanno fatto nulla per educare le masse e diffondere un'istruzione di larga scala". "Il governo - conclude - deve investire in attività rivolte ai bambini", per dar vita a un futuro "senza pistole e disordini [...] senza fame né paure".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/06/2012 PAKISTAN
Bambini in Pakistan: divisi fra scuola e lavoro, nell’indifferenza dei politici
di Joseph Laldin
12/06/2014 PAKISTAN

Faisalabad: attivisti cristiani e musulmani in piazza contro il lavoro minorile
di Shafique Khokhar
12/06/2009 PAKISTAN
Pakistan, nel 2008 quasi 7mila casi di violenze ai danni dei minori
di Qaiser Felix
02/07/2004 pakistan
Nell'Anno della tutela del bambino aumenta il lavoro minorile
09/09/2004 asia
Analfabetismo e lavoro infantile, piaghe sociali del continente

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate