16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/08/2013, 00.00

    VIETNAM

    Per l’Indipendenza Hanoi libera 17mila detenuti, ma nessun prigioniero politico



    Nella lista non vi è traccia di condannati per “propaganda contro lo Stato”, un capo di imputazione usato per reprimere la dissidenza. Rilasciati due membri della comunità montagnards, minoranza cristiana degli Altipiani centrali vittima di repressione. La festa in programma il 2 settembre, a 68 anni dalla storica dichiarazione del 1945 di Ho Chi Minh.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - Il prossimo 2 settembre, in occasione della festa dell'Indipendenza, Hanoi libererà oltre 15mila detenuti, che potranno beneficiare dell'amnistia. Tuttavia, nella lista di quanti potranno lasciare la cella non vi è nessuno detenuto per "propaganda contro lo Stato" o "tentativo di rovesciare l'ordine costituito". Un capo di accusa mediante il quale il Partito comunista al potere reprime la dissidenza o colpisce i reati politici o di pensiero. Di contro, si apriranno le porte della prigione per quattro accusati di "crimini contro la sicurezza nazionale", tra i quali vi sono due membri della minoranza etnica montagnards (cristiani),  comunità originaria degli altipiani centrali del Vietnam e perseguitata dal governo centrale.  

    In uno dei più corposi provvedimenti di perdono decisi dal governo comunista, nei prossimi giorni 15.446 carcerati - fra cui 1.842 donne  e 16 stranieri - potranno uscire di prigione. Solo un manipolo, però, rientra nella categoria dei "prigionieri politici" mentre la grande maggioranza è stata condannata per reati comuni.

    Quattro le persone condannate per reati inerenti la sicurezza nazionale e che verranno liberate il 2 settembre. Essi sono: Duong Duc Phong e Hoang Hung Quyen, in cella per spionaggio; Y Kong Nie and Y Hong Niem montagnards degli Altipiani centrali, condannati per aver messo a repentaglio "l'unità nazionale". Sono pochi gli elementi e le informazioni sulle quattro persone liberate; di contro, pare accertato che fra i beneficiari dell'amnistia non vi sono prigionieri politici eccellenti, attivisti pro diritti umani o personalità cattoliche in carcere per la libertà di religione e di pensiero.

    Restano quindi in prigione personalità dissidenti come Cu Huy Ha Vu e l'avvocato cattolico Le Quoc Quan, oppure il blogger e attivista Nguyen Van Hai, meglio noto come Dieu Cay, in galera dopo un processo farsa con l'accusa di propaganda contro lo Stato. Secondo gruppi pro diritti umani, nell'ultimo anno il governo comunista di Hanoi ha imprigionato circa 50 attivisti per un totale complessivo superiore ai 120.

    Il prossimo 2 settembre il Vietnam festeggia il 68mo anniversario dell'Indipendenza, che ricorda il celebre discorso del 1945 di Ho Chi Minh, considerato il padre della patria, soprattutto al Nord, e fondatore del Partito comunista ancora oggi al potere. In concomitanza delle ricorrenze principali, fra cui l'Indipendenza e il Tet (il capodanno lunare), Hanoi è solita accordare amnistie a migliaia di detenuti. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/06/2014 VIETNAM
    Nghê An, le autorità vietnamite liberano due prigionieri politici cristiani
    Il giovane Nông Hung Anh e la signora Dang Ngoc Min hanno trascorso tre anni in carcere. Dietro la condanna, l’attivismo nel campo religioso e nel sociale. Entrambi facevano parte di un gruppo di 17 cristiani arrestati nel 2011; alcuni di loro hanno partecipato a manifestazioni anti-cinesi. 


    30/06/2014 VIETNAM
    Saigon: Redentoristi in preghiera per la liberazione dell’attivista cattolico Đặng Xuân Diệu
    Egli è in carcere per reati di opinione; nel processo di è dichiarato innocente e ha iniziato uno sciopero della fame. I vertici della prigione impediscono l’incontro con i parenti, le sue condizioni di salute si stanno deteriorando. Dai sacerdoti solidarietà e attenzione alla vicenda, colpiti dal “dolore autentico” dei familiari, e condivisione delle “sofferenze”.

    09/06/2015 VIETNAM
    Attivista cattolica vietnamita in sciopero della fame per protesta contro gli abusi in prigione
    Maria Ta Phong Tan, condannata nel 2012 a 10 anni per “propaganda anti-governativa”, da tre settimane rifiuta il cibo. La donna denuncia “maltrattamenti” contro i prigionieri politici e di coscienza nelle carceri vietnamite. I familiari temono per la loro salute. In passato oggetto di scherno da parte delle altre detenute per l’immolazione della madre.

    22/09/2015 VIETNAM - STATI UNITI
    Cattolica vietnamita: Nel carcere comunista, la fede in Dio vince abusi e sofferenze
    Maria Ta Phong Tan, blogger e attivista, racconta i tre anni nella prigione di Thanh Hóa. Dalla preghiera la forza per superare “il dolore e la tristezza” per l’immolazione della madre. La libertà grazie a una “sospensione temporanea” della pena e al viaggio negli Stati Uniti. Dagli Usa continuerà la battaglia per i diritti umani e la democrazia in Vietnam.

    21/09/2015 VIETNAM - STATI UNITI
    Hanoi rilascia la dissidente e blogger cattolica Maria Ta Phong Tan
    La 47enne è stata liberata nei giorni scorsi e da ieri si trova negli Stati Uniti. Ha trascorso tre dei 10 anni di prigione cui era stata condannata per attività contro lo Stato. Dalle pagine del suo blog aveva denunciato violazioni ai diritti umani e corruzione. Si rafforza il controllo politico in Vietnam.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®