20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 02/05/2011, 00.00

    CINA

    Per la quarta domenica la polizia arresta i cristiani di Shouwang, perché pregano



    I seguaci ella Chiesa domestica di Shouwang da quattro domeniche si riuniscono in piazza per pregare, dopo che le autorità li hanno cacciati dai loro locali. La polizia ogni volta arresta decine di cristiani, i loro pastori sono ristretti a casa da un mese.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Altri 30 seguaci della Chiesa Protestante di Shouwang sono finiti in carcere e altre decine agli arresti domiciliari, ieri a Pechino. I fedeli hanno cercato di riunirsi per pregare in piazza, nella zona commerciale di Zhongguancun, nonostante il divieto delle autorità.

    Sono quattro settimane che i fedeli della Chiesa domestica di Shouwang, una delle più  influenti del Paese con oltre 1.000 membri, si riuniscono per pregare in piazza, dopo che le autorità li hanno fatti cacciare dai locali che usavano. Dal 1993 i fedeli sono stati mandati via dai loro luoghi di preghiera almeno 20 volte e si sono sempre riuniti a pregare in piazza, in attesa di trovare altri locali. Questa volta, tuttavia, la polizia da 4 domeniche lo impedisce, arrestando i fedeli non appena arrivano e tenendoli in carcere per una o due notti.

    Ieri la polizia ha anche impedito l’accesso alla zona  a 3 giornalisti di Al-Jazeera, sequestrando loro le videoriprese.

    Il pastore Jin Tianming è agli arresti domiciliari dal 9 aprile e anche parecchi altri leader sono confinati in casa. La Chiesa ha acquistato locali dove riunirsi, ma la polizia ha intimato al venditore di non consegnarli loro, nonostante il prezzo sia stato pagato.

    La Chiesa di Shouwang da anni ha chiesto il riconoscimento, senza ottenerlo. Nei giorni scorsi il Global Times la ha accusata di “politicizzare” la religione. La Chiesa ha risposto su internet che vuole solo riunirsi per pregare e che sarebbe felice di avere “un luogo chiuso” dove farlo.

    In Cina ci sono decine di milioni di cristiani protestanti, in gran parte seguaci di chiese domestiche non registrate. Pechino esige che tutti i fedeli aderiscano al Movimento delle Tre autonomie (insieme dei protestanti controllati dal Partito comunista). Solo 20 milioni di cristiani sono nella Chiesa di Stato, rispetto agli oltre 50 milioni di fedeli (ma altre fonti parlano di oltre 100 milioni) membri di chiese non ufficiali. La recente persecuzione contro la Shouwang, una della Chiese più note e autorevoli, avviene nell’ambito della peggiore repressione dal 1998 in atto da metà febbraio contro dissidenti e democratici, per timore di proteste come la Rivoluzione dei gelsomini. Esperti osservano che molti cristiani sono anche attivisti per i diritti umani o loro sostenitori e che le autorità vogliono impedire qualsiasi collegamento tra fede religiosa e tutela dei diritti umani. 
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/04/2011 CINA
    La polizia cinese arresta di nuovo i fedeli che pregano in piazza
    Già una settimana fa, i fedeli della Chiesa di Shouwang, cacciati dai loro locali, si erano riuniti per pregare in piazza. Ieri la polizia ne ha arrestato almeno 50. Le autorità vogliono stroncare i gruppi religioni non controllati dallo Stato, per paura dei loro rapporti con i difensori dei diritti umani.

    20/04/2011 CINA
    Chiesa di Shouwang: Celebriamo la Pasqua, anche a costo dell’arresto
    Su internet un invito ai fedeli protestanti a riunirsi per celebrare le funzioni della Settimana Santa, anche se è forte il rischio che la polizia arresti tutti. Da 2 settimane la polizia impedisce loro di riunirsi all’aperto per pregare. Un augurio che siano “ridestate” le coscienze di chi governa.

    26/04/2011 CINA
    Pasqua in carcere per i cristiani cinesi di Shouwang
    La polizia arresta i fedeli della Chiesa domestica e impedisce loro di celebrare insieme la Pasqua. Esperti: le autorità vogliono colpire ogni forma di dissenso, anche per i frequenti collegamenti tra cristiani e attivisti per i diritti umani.

    22/06/2011 CINA
    La polizia arresta i fedeli della Chiesa di Shouwang e ci discute di teologia
    Domenica fermati almeno altri 15 fedeli, decine già agli arresti domiciliari. Agli interrogatori ora partecipano anche membri della Chiesa ufficiale delle Tre autonomie, per convincere i fedeli ad aderire al loro gruppo. In atto in tutto il Paese una repressione contro le "chiese domestiche”.

    28/10/2015 CINA
    Pechino, tornano gli arresti contro i cristiani della chiesa di Shouwang
    La congregazione protestante è costretta da anni a incontrarsi e celebrare le proprie funzioni all’aperto. Il governo non vuole riconoscerla e impedisce loro l’affitto o l’acquisto di una struttura dove poter pregare. I quattro fedeli arrestati rimarranno in carcere per 10 giorni: hanno “disturbato l’ordine sociale”.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®