Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/06/2012, 00.00

    COREA DEL SUD – IRAN

    Per le sanzioni Usa e Ue, Seoul costretta a tagliare le importazioni di greggio iraniano



    Le due principali industrie sud-coreane non sono in grado di assicurare i trasporti. Dal primo luglio le compagnie, in maggioranza europee, non stipuleranno più polizze per imbarcazioni che contengono greggio degli ayatollah. Seoul è la prima, grande, economia asiatica a fermare le importazioni.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) - La Corea del Sud sarà costretta a sospendere tutte le importazioni di petrolio iraniano a partire dal primo luglio prossimo. I due principali importatori di greggio, la SK Energy e la Hyundai Oil Bank non sono in grado di sottoscrivere polizze assicurative sul trasporto, in seguito alle sanzioni comminate dagli Stati Uniti e dall'Unione europea a Teheran. Fra queste, infatti, vi è anche a partire dal mese prossimo il divieto di assicurare le petroliere che trasportano il greggio estratto da Teheran. L'oro nero è la principale risorsa economica per l'Iran; più volte Europa e Usa hanno cercato di usare il grimaldello delle sanzioni sulle esportazioni, per convincere il governo degli ayatollah ad abbandonare il programma nucleare inviso a Israele e al blocco occidentale.

    Seoul è la prima, grande, economia asiatica costretta a interrompere le importazioni del petrolio iraniano. Solo qualche giorno fa, invece, la Cina ha aumentato del 35% le importazioni, portandole a 524mila barili al giorno (cfr. AsiaNews 22/06/2012 Pechino approfitta delle sanzioni contro l'Iran e aumenta le importazioni di greggio). In una nota congiunta i ministeri sud-coreani dell'Economia, delle Finanze e degli Esteri sottolineano che l'esecutivo "continuerà ad adoperarsi per ridurre al minimo gli effetti" del blocco sull'industria nazionale e l'economia, salvaguardando inoltre le "esportazioni verso l'Iran" - in calo nell'ultimo periodo - anche se "le importazioni di petrolio saranno sospese".

    Le petroliere sottoscrivono contratti di assicurazione per tutelarsi in caso di incidenti, assalti, danni di natura ambientale. Tuttavia, la maggior parte delle compagnie sono in Europa e questo rende difficile la firma di una polizza. Anche le principali compagnie di assicurazione, infatti, dal primo luglio osserveranno l'embargo contro Teheran. Di recente, molte nazioni asiatiche hanno chiesto al governo iraniano di prendere provvedimenti per aggirare il blocco e garantire la fornitura. L'India ha domandato la piena autonomia dell'Iran nel trasporto e nella stipula di contratti di assicurazione; lo stesso avrebbe fatto Pechino, mentre il Giappone fornirà "garanzie sovrane" a tutela del prodotto.

    Le sanzioni economiche, decise da tempo da Washington e Bruxelles, vengono varate dopo il fallimento dei colloqui sul nucleare iraniano fra Teheran e i 5+1 (i membri rappresentanti del Consiglio di sicurezza Onu - Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia, più la Germania) terminati lo scorso 19 giugno a Mosca (Russia). Un nuovo incontro è previsto a Istanbul (Turchia) il prossimo 3 luglio.

    Da mesi gli Usa fanno pressioni sulla Cina, primo importatore di petrolio iraniano, e altre nazioni asiatiche per spingerle a un taglio significativo dei contratti petroliferi. E questo per costringere l'Iran a interrompere il programma di arricchimento dell'uranio e abbandonare il temuto sviluppo di armi atomiche. Lo scorso 12 giugno Washington ha esentato l'India e altri sei Paesi da possibili sanzioni economiche, pur non avendo ridotto "in modo significativo" le importazioni di petrolio dall'Iran.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2010 IRAN
    Cautela e attesa nel mondo arabo per l’accordo sul nucleare iraniano
    Tacciono per ora i governi e la stampa appare su posizioni prudenti. Erdogan dice che si dovrebbe fermare il procedimento per nuove sanzioni contro Teheran. La Cina plaude all’intesa. Ma Occidente e Russia appaiono diffidenti, Teheran infatti dice che continuerà ad arricchire uranio. Anche Israele, ufficialmente, tace.

    04/06/2007 INDIA - STATI UNITI
    "Importanti progressi" ma ancora un rinvio per l’accordo sul nucleare
    I tre giorni di colloqui a New Delhi non hanno risolto tutti i contrasti per la cessione di materiale nucleare e tecnologia. Gli Stati Uniti vogliono poter controllare cosa Delhi farà con il materiale fissile, ma questa non vuole intromissioni straniere.

    12/01/2006 ASIA – AUSTRALIA – STATI UNITI
    I Paesi che inquinano di più chiedono alle industrie di diminuire i gas serra

    Diminuzione dei gas serra e aumento della temperatura della terra sono stati i temi principali dell'incontro fra Stati Uniti, Australia, Giappone, Cina, Corea del sud e India. Protestano gli ambientalisti che definiscono i colloqui un diversivo per distogliere l'attenzione dal rifiuto dei governi di Stati Uniti ed Australia di sottoscrivere il protocollo di Kyoto.



    16/10/2009 CINA - IRAN
    Wen Jiabao: “Maggiori legami fra Cina e Iran”
    Il primo ministro cinese, ai margini dello Sco, propone un rafforzamento della bilancia commerciale ed energetica fra i due Paesi, che al momento vale 27 miliardi di dollari. E mette un freno a nuove sanzioni internazionali contro il regime degli ayatollah.

    19/04/2006 IRAN
    Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare

    Nulla di fatto ieri nella riunione dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu sulla questione nucleare iraniana. Ma Ahmadinejad si dice pronto anche a una difesa militare.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®