17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/03/2014, 00.00

    SIRIA

    Persi i contatti con le suore di Maaloula. La Siria affonderà nella guerra per altri 10 anni

    Paul Dakiki

    I rapitori appartengono ad Al Nusra, legati ad Al Qaeda. Oltre alla liberazione dei prigionieri politici, essi chiedono cibo per i ribelli e lo sgombero dei luoghi cristiani da parte dell'esercito siriano. Nessuna notizia sui vescovi ortodossi rapiti e su p. Dell'Oglio. Bloccato ogni corridoio umanitario.

    Beirut (AsiaNews) - Un gruppo di negoziatori che cercava di liberare le 13 suore di Maaloula, rapite lo scorso anno, hanno perso i contatti con i rapitori che con ogni probabilità hanno trasferito le religiose in un nuovo nascondiglio. Intanto la situazione in Siria diventa ogni giorno più dura per la popolazione, distrutta dalla fame. Alcuni esperti valutano che la guerra fra il regime di Assad e i ribelli durerà ancora almeno 10 anni.

    Le 13 suore erano state rapite nel dicembre scorso insieme a tre ragazze loro ospiti e portate fuori dal monastero di Maaloula verso Yabrud, una cittadina sotto il controllo dei ribelli, nella zona nord-est di Damasco, vicina al confine col Libano. I rapitori hanno diffuso due video sulla loro cattività. In cambio della loro liberazione, essi hanno chiesto dapprima la libertà per tutte le donne prigioniere della Siria, poi quella di tutti i prigionieri politici. Negli ultimi giorni hanno aumentato le richieste, fra cui provvedere cibo per le città sotto il dominio dei ribelli e far allontanare l'esercito dai luoghi religiosi cristiani.

    Secondo alcune fonti, i ribelli appartengono a un gruppo affiliato ad Al Nusra, una derivazione di Al Qaeda, il cui capo sarebbe Abu Malek al-Kuwaiti.

    Fonti di AsiaNews a Damasco confermano di non avere alcuna notizie delle suore, né dei due vescovi ortodossi rapiti lo scorso aprile, né del padre Paolo Dall'Oglio.

    La situazione nel Paese si fa sempre più pesante dopo il fallimento dei dialoghi di pace a Ginevra.

    I combattimenti e i bombardamenti dei due fronti, insieme alle distruzioni di tre anni di guerra e all'enorme numero di sfollati - si parla di 9 milioni di siriani - hanno causato la penuria di cibo e spesso anche di acqua. A causa degli scontri violenti le organizzazioni umanitarie sono impossibilitate a portare aiuto. Sebbene a Ginevra Damasco e i ribelli avessero acconsentito ad aprire presto dei corridoi umanitari, i camion di viveri e medicinali vengono bloccati o depredati.

    Secondo l'analista Daveed Gartenstein-Ross la guerra in Siria - che il 15 marzo prossimo entrerà nel suo quarto anno - potrebbe durare ancora "10 anni o più".

    A complicare la situazione vi è da una parte il forte sostegno che viene ad Assad da Russia e Iran; dall'altra vi è un'opposizione - sostenuta da occidente e Arabia saudita - sfilacciata e divisa fra i "laici" del Free Syrian Army e gli islamisti radicali che combattono fra loro per la supremazia.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/02/2014 SIRIA - ONU
    Operazione umanitaria ad Homs, la città sotto assedio
    Damasco e Onu d'accordo per far uscire i civili dalla città assediata e per portare aiuti ai residenti. Necessario un cessate-il-fuoco temporaneo, a cui dovrebbero aderire anche i ribelli. Nuove battaglie e morti ad Aleppo. Per la ripresa dei negoziati di pace non vi è ancora il sì di Assad.

    05/02/2014 SIRIA
    Sacerdote gesuita: Ad Homs moriamo di fame
    Il p. Frans Van der Lugt non ha mai lasciato Homs e la residenza gesuita nella città colpita dal regime e dai ribelli. Egli accoglie tutti, cristiani e musulmani. E' rimasto l'unico sacerdote per 66 fedeli. L'assedio che dura da oltre un anno fa impazzire e morire la popolazione. E' urgente far crescere la fiducia e la collaborazione fra regime e ribelli.

    10/02/2014 SIRIA-ONU
    Forse una nuova tregua a Homs. Riprende Ginevra II
    Recuperate finora circa 600 persone dalla città vecchia sotto assedio. I pullman dell'Onu e della Croce rossa arrivano pieni di cibarie e acqua da scaricare e ripartono pieni di profughi. Gli operatori umanitari hanno lavorato anche sotto le bombe. A Ginevra II si deve prospettare la fine delle violenze, il governo transitorio, la riconciliazione nazionale. Ma intanto, nel Paese crescono gli scontri, i bombardamenti e le divisioni nell'opposizione

    30/01/2014 SIRIA - ONU
    Ginevra II, Brahimi: "per ora risultati scarsi, ma sono fiducioso"
    L'Inviato speciale di Onu e Lega araba in Siria ammette i pochi passi avanti, ma "il ghiaccio si sta comunque rompendo". Domani si concluderà la prima sessione di incontri fra le due parti, che hanno già accettato di riprendere la prossima settimana. A Homs Onu e autorità siriana discutono l'eventuale evacuazione dei quartieri sotto assedio. Crescono i terroristi stranieri.

    28/01/2014 SIRIA - ONU
    Ginevra II, i contrasti non fermano gli incontri fra opposizione e regime siriano
    I delegati hanno di nuovo affrontato il rilascio di prigionieri e l'apertura del corridoio umanitario ad Homs. A dettare l'agenda è il comunicato di Ginevra I stilato nel 2012 da Onu e comunità internazionali. Restano le divisioni sul destino di Bashar al-Assad e l'ipotesi di un governo di transizione.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®