5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/01/2008
PAKISTAN
Peshawar, 15enne si fa esplodere in una moschea sciita
di Qaiser Felix
Il ragazzo ha colpito la grande moschea sciita di Mirza Qasim Ali Imambargah: 10 vittime e 24 feriti. Un anno prima, un attentato identico aveva ucciso il capo della polizia municipale. Il Pakistan rischia di cadere in una faida fra musulmani.

Peshawar (AsiaNews) – Un giovane sunnita di 15 anni si è fatto esplodere ieri sera nella grande moschea sciita di Mirza Qasim Ali Imambargah a Peshawar, capitale della provincia della Frontiera nord-occidentale. L’attentato ha ucciso 10 persone; almeno altre 24 risultano ferite. Un anno prima, un altro attentato avvenuto nei pressi della stessa moschea aveva provocato diverse vittime, fra cui il capo della polizia municipale.
 
Non si ferma dunque la violenza settaria che ha colpito il Pakistan sin dallo scorso settembre, quando si è scatenata la protesta anti-Musharraf. Tuttavia, fanno notare alcuni analisti, va sottolineato il carattere religioso di questi nuovi attentati. Il governo è al corrente di questo mutamento della situazione, ed ha disposto una imponente copertura militare nel corso del mese islamico di Muharram, in cui gli sciiti compiono processioni in tutto il Paese.
 
La minoranza sciita del Pakistan, infatti, osserva in questo periodo il lutto rituale per l'anniversario della morte di Iman Hussein, nipote di Maometto, e la violenza settaria esplode spesso. Secondo Ghulam Ali, governatore della zona, l’attentato di ieri “Potrebbe essere una cospirazione per diffondere l'odio o per mettere musulmani contro musulmani”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/05/2005 PAKISTAN
Centro studi cristiano condanna l'attentato alla moschea
di Qaiser Felix
07/06/2005 PAKISTAN
Pakistan, 2 arresti "collegati ad al-Qaeda" per l'attentato alla moschea
31/08/2005 IRAQ - vaticano
Nunzio a Baghdad: Massacro alla moschea, dramma per cattolici e musulmani
12/04/2006 Pakistan
Karachi, la Chiesa "condanna le bombe e si unisce ai musulmani per la pace"
di Qaiser Felix
21/12/2007 PAKISTAN
Peshawar, kamikaze in moschea: almeno 50 morti, 130 feriti

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate