24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/07/2010, 00.00

    IRAQ - IRAN

    Petrolio curdo in Iran: è polemica fra Baghdad e Erbil



    Accuse reciproche fra governo centrale e quello del Kurdistan sul petrolio venduto a Teheran.La costituzione non è chiara su chi è responsabile delle operazioni di esplorazione, trivellazione, raffinazione ed export.
    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – E’ di nuovo il petrolio ad accendere le tensioni, mai del tutto sopite, tra il governo curdo e quello centrale di Baghdad. Stavolta non si tratta dei soliti contratti di estrazione siglati in modo autonomo da Erbil, né di dispute sulla distribuzione degli introiti derivati dall’industria petrolifera nel nord Iraq. Al centro di un rimpallo di accuse, che va avanti da una settimana, vi sono denunce di presunto contrabbando di petrolio e raffinati dalla regione semiautonoma del Kurdistan al vicino Iran.
     
    Secondo recenti rivelazioni del New York Times - che cita in modo anonimo funzionari curdi e arabi nella capitale irachena - ogni anno, greggio e prodotti raffinati per centinaia di milioni di dollari arrivano in Iran attraverso la regione curda. Ogni giorno, senza l’autorizzazione ufficiale di Baghdad, oltre mille autocisterne varcano il confine fra i due Paesi, nella provincia di Sulaimaniya. A sostenere il business - di cui beneficerebbero i due maggiori partiti curdi (il KDP del presidente del Kurdistan Massud Barzani e il PUK del presidente iracheno Jalal Talabani) – sarebbero 70 mini-raffinerie, in gran parte illegali, sparse in tutta la regione del nord, ma anche nelle zone sotto il controllo curdo delle vicine province di Ninive e Kirkuk.
     
    Secondo alcuni funzionari curdi, invece, il contrabbando di petrolio verso Teheran passerebbe dalle zone meridionali. Il ministro curdo delle Risorse naturali, Ashti Horami, parla di “100mila barili di petrolio che ogni giorno vanno in Iran”. Entrambi i governi smentiscono ogni accusa, mentre il ministro iracheno del Petrolio Husain al-Shahristani annuncia l’apertura di un’inchiesta per accertare i fatti.
     
    In Iraq convivono con difficoltà due dicasteri del Petrolio: quello che fa capo al governo centrale e retto da Shahristani e quello del Kurdistan, di cui è responsabile Horami. Fin dall’inizio i due ministeri hanno mostrato differenti posizioni sul tema cruciale del petrolio. Baghdad sostiene che esplorazione, trivellazione, raffinazione ed export sono attività che cadono sotto la sua giurisdizione.
     
    Erbil non è d’accordo: parla di un suo diritto garantito dalla Costituzione irachena, che a riguardo non è molto chiara. Il Kurdistan ha così sviluppato diversi giacimenti, firmando contratti con una ventina compagnie straniere, che il governo centrale ha dichiarato però illegali.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/12/2009 IRAQ
    Nouri al-Maliki e il rompicapo di Kirkuk
    L’imminente visita del premier nel Kurdistan fa sperare in una riconciliazione con Baghdad. Ma Kirkuk, che possiede il 25% del petrolio irakeno fa gola ad arabi e turcomanni. L’Iran teme un potente Stato kurdo; gli Usa temono una conflagrazione che potrebbe ritardare la loro uscita dall’Iraq nel 2011.

    25/09/2008 IRAQ
    Baghdad approva la legge elettorale, stralciando la questione Kirkuk
    Se la presidenze della Repubblica approverà la nuova normativa, il Paese dovrebbe andare al voto entro il 31 gennaio. Ma non il Kurdistan e neppure la contesa zona petrolifera.

    16/10/2009 IRAQ
    La “guerra” del petrolio irakeno è appena iniziata
    Contratti con l’italiana Eni, in alleanza con Stati Uniti e Sudcorea. Il giacimento di Nassiriya ai giapponesi. I problemi con le compagnie cinesi. Ma intanto continua il braccio di ferro fra Kurdistan e Baghdad. La popolazione riceve le briciole o proprio nulla.

    24/07/2009 IRAQ
    Il Kurdistan domani al voto, si prevede una conferma per Barzani
    Verranno eletti il presidente e i 111 componenti dell’assemblea. Vigilia carica di tensione. Il nuovo esecutivo dovrà affrontare questioni difficili, in primo luogo la controversia con le autorità centrali per i diritti sul petrolio e poi la sovranità su Kirkuk.

    22/11/2012 IRAQ
    Guerra di potere a Kirkuk: appello dell’arcivescovo per la pace e il dialogo
    Tensione altissima fra il governo centrale e l’amministrazione curda. Baghdad invia truppe dell’esercito, per limitare il potere dei peshmerga. Nuovi scontri a sud della città. Mons. Sako ricorda le sofferenze della popolazione e chiede “sicurezza e stabilità”. E lancia un invito: i politici siano “messaggeri di pace”.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®