26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/06/2012, 00.00

    INDIA – STATI UNITI – IRAN

    Petrolio iraniano: Gli Usa “cancellano” le sanzioni economiche per l’India



    Esentati anche Malaysia, Corea del Sud, Sudafrica, Sri Lanka, Turchia e Taiwan. Per Hillary Clinton, segretario di Stato americano, i Paesi hanno ridotto “in modo significativo” le importazioni di crudo da Teheran. New Delhi minimizza: è solo una decisione basata sulla legislazione statunitense. Ma la Cina rischia le sanzioni Usa.

    Mumbai (AsiaNews/Agenzie) - Gli Stati Uniti hanno esentato l'India e altri sei Paesi da possibili sanzioni economiche, per aver ridotto "in modo significativo" le importazioni di petrolio dall'Iran. Lo ha annunciato Hillary Clinton, segretario di Stato Usa, poche ore prima dell'arrivo a Washington di S.M. Krishna, ministro indiano per gli Affari esteri, da oggi in visita ufficiale. Tuttavia, New Delhi ha minimizzato la mossa americana, definendola una "decisione presa dal governo Usa in base alle sue leggi". Le altre nazioni "esentate" sono Malaysia, Corea del Sud, Sudafrica, Sri Lanka, Turchia e Taiwan. La Cina, invece, rischia ancora le sanzioni.

    A dicembre 2011, gli Stati Uniti hanno varato una legge che impone sanzioni economiche a tutti i Paesi che hanno rapporti commerciali con l'Iran. Secondo il provvedimento, le nazioni hanno tempo fino al 28 giugno prossimo per ridurre le importazioni petrolifere da Teheran. Lo scopo è di mettere pressione al Paese e spingerlo a rinunciare al suo programma nucleare. Per Israele e buona parte della comunità internazionale, il programma atomico iraniano ha sottaciuti scopi bellici, anche se Teheran ne ha sempre rivendicato il carattere pacifico. Nel marzo scorso, la Clinton ha "cancellato" la possibilità di sanzioni anche a 10 Stati dell'Unione europea e al Giappone.

    Syed Akbaruddin, portavoce del ministero per gli Affari esteri, ha commentato: "Questa è una decisione presa dal governo degli Stati Uniti in base alla sua legislazione. L'alleanza strategica tra New Delhi e Washington è forte e continua a crescere a prescindere. I colloqui di questi giorni lo dimostreranno ancora una volta".

    Nel 2011-2012, le importazioni indiane di crudo dall'Iran sono scese quasi al 10%, contro oltre il 16% del 2008-2009. A maggio scorso, nel corso di una visita ufficiale in India, la Clinton aveva esortato New Delhi a fare "ancora di più" per tagliare le importazioni di petrolio iraniano. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/06/2012 COREA DEL SUD – IRAN
    Per le sanzioni Usa e Ue, Seoul costretta a tagliare le importazioni di greggio iraniano
    Le due principali industrie sud-coreane non sono in grado di assicurare i trasporti. Dal primo luglio le compagnie, in maggioranza europee, non stipuleranno più polizze per imbarcazioni che contengono greggio degli ayatollah. Seoul è la prima, grande, economia asiatica a fermare le importazioni.

    16/10/2009 CINA - IRAN
    Wen Jiabao: “Maggiori legami fra Cina e Iran”
    Il primo ministro cinese, ai margini dello Sco, propone un rafforzamento della bilancia commerciale ed energetica fra i due Paesi, che al momento vale 27 miliardi di dollari. E mette un freno a nuove sanzioni internazionali contro il regime degli ayatollah.

    04/06/2007 INDIA - STATI UNITI
    "Importanti progressi" ma ancora un rinvio per l’accordo sul nucleare
    I tre giorni di colloqui a New Delhi non hanno risolto tutti i contrasti per la cessione di materiale nucleare e tecnologia. Gli Stati Uniti vogliono poter controllare cosa Delhi farà con il materiale fissile, ma questa non vuole intromissioni straniere.

    10/01/2017 09:21:00 IRAN - STATI UNITI
    Teheran, il Parlamento approva l’aumento delle spese militari: fino al 5% del bilancio statale

    Il piano quinquennale prevede il potenziamento di missili balistici, droni armati e cyber-guerra. I parlamentari hanno approvato con 173 voti favorevoli e 10 contrari. Intellettuali, artisti e attivisti di origine iraniana in Usa scrivono al neo presidente Trump: salvaguardare l’accordo sul nucleare per evitare nuovi conflitti nella regione.

     



    26/04/2017 08:55:00 IRAN - STATI UNITI
    Vienna, crescono le incertezze sulla tenuta dell’accordo sul nucleare iraniano

    L’Iran e le principali potenze internazionali si sono incontrare ieri nella capitale austriaca. Al centro dei lavori “a porte chiuse” il “rispetto” dei termini previsti dall’accordo. Aumentano le tensioni fra Washington e Teheran. Ministro iraniano: gli Stati Uniti non rispettano né lo spirito, né i termini. 

     





    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®