23 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/06/2012, 00.00

    INDIA – STATI UNITI – IRAN

    Petrolio iraniano: Gli Usa “cancellano” le sanzioni economiche per l’India



    Esentati anche Malaysia, Corea del Sud, Sudafrica, Sri Lanka, Turchia e Taiwan. Per Hillary Clinton, segretario di Stato americano, i Paesi hanno ridotto “in modo significativo” le importazioni di crudo da Teheran. New Delhi minimizza: è solo una decisione basata sulla legislazione statunitense. Ma la Cina rischia le sanzioni Usa.

    Mumbai (AsiaNews/Agenzie) - Gli Stati Uniti hanno esentato l'India e altri sei Paesi da possibili sanzioni economiche, per aver ridotto "in modo significativo" le importazioni di petrolio dall'Iran. Lo ha annunciato Hillary Clinton, segretario di Stato Usa, poche ore prima dell'arrivo a Washington di S.M. Krishna, ministro indiano per gli Affari esteri, da oggi in visita ufficiale. Tuttavia, New Delhi ha minimizzato la mossa americana, definendola una "decisione presa dal governo Usa in base alle sue leggi". Le altre nazioni "esentate" sono Malaysia, Corea del Sud, Sudafrica, Sri Lanka, Turchia e Taiwan. La Cina, invece, rischia ancora le sanzioni.

    A dicembre 2011, gli Stati Uniti hanno varato una legge che impone sanzioni economiche a tutti i Paesi che hanno rapporti commerciali con l'Iran. Secondo il provvedimento, le nazioni hanno tempo fino al 28 giugno prossimo per ridurre le importazioni petrolifere da Teheran. Lo scopo è di mettere pressione al Paese e spingerlo a rinunciare al suo programma nucleare. Per Israele e buona parte della comunità internazionale, il programma atomico iraniano ha sottaciuti scopi bellici, anche se Teheran ne ha sempre rivendicato il carattere pacifico. Nel marzo scorso, la Clinton ha "cancellato" la possibilità di sanzioni anche a 10 Stati dell'Unione europea e al Giappone.

    Syed Akbaruddin, portavoce del ministero per gli Affari esteri, ha commentato: "Questa è una decisione presa dal governo degli Stati Uniti in base alla sua legislazione. L'alleanza strategica tra New Delhi e Washington è forte e continua a crescere a prescindere. I colloqui di questi giorni lo dimostreranno ancora una volta".

    Nel 2011-2012, le importazioni indiane di crudo dall'Iran sono scese quasi al 10%, contro oltre il 16% del 2008-2009. A maggio scorso, nel corso di una visita ufficiale in India, la Clinton aveva esortato New Delhi a fare "ancora di più" per tagliare le importazioni di petrolio iraniano. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/06/2012 COREA DEL SUD – IRAN
    Per le sanzioni Usa e Ue, Seoul costretta a tagliare le importazioni di greggio iraniano
    Le due principali industrie sud-coreane non sono in grado di assicurare i trasporti. Dal primo luglio le compagnie, in maggioranza europee, non stipuleranno più polizze per imbarcazioni che contengono greggio degli ayatollah. Seoul è la prima, grande, economia asiatica a fermare le importazioni.

    16/10/2009 CINA - IRAN
    Wen Jiabao: “Maggiori legami fra Cina e Iran”
    Il primo ministro cinese, ai margini dello Sco, propone un rafforzamento della bilancia commerciale ed energetica fra i due Paesi, che al momento vale 27 miliardi di dollari. E mette un freno a nuove sanzioni internazionali contro il regime degli ayatollah.

    04/06/2007 INDIA - STATI UNITI
    "Importanti progressi" ma ancora un rinvio per l’accordo sul nucleare
    I tre giorni di colloqui a New Delhi non hanno risolto tutti i contrasti per la cessione di materiale nucleare e tecnologia. Gli Stati Uniti vogliono poter controllare cosa Delhi farà con il materiale fissile, ma questa non vuole intromissioni straniere.

    10/01/2017 09:21:00 IRAN - STATI UNITI
    Teheran, il Parlamento approva l’aumento delle spese militari: fino al 5% del bilancio statale

    Il piano quinquennale prevede il potenziamento di missili balistici, droni armati e cyber-guerra. I parlamentari hanno approvato con 173 voti favorevoli e 10 contrari. Intellettuali, artisti e attivisti di origine iraniana in Usa scrivono al neo presidente Trump: salvaguardare l’accordo sul nucleare per evitare nuovi conflitti nella regione.

     



    02/12/2016 08:54:00 IRAN - STATI UNITI
    Il Senato Usa approva l’estensione delle sanzioni contro Teheran

    L’Iran Sanctions Act prevede il prolungamento per 10 anni delle sanzioni. Il testo approvato con 99 voti favorevoli e 0 voti contrari. In precedenza anche la Camera aveva dato il via libera alla legge. Ora si attende la firma del presidente uscente Obama. I falchi della futura amministrazione Trump, fra cui il capo della CIA, pronti a cancellare l’accordo internazionale. Soddisfazione in Israele. 

     





    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®